Three the movie – Recensione

Film Recensioni Cinema
7

Buono

Three the movie. Ovvero quando il dramma puro ed intenso si fonde con sentimento, misticismo e religione. La regista Elisabetta Minen (che qui cura anche la sceneggiatura), assieme a Yassine Marco Maroccu, muove la macchina con incredibile maestria e ci accompagna, grazie ad un cast importante (Vivian Treschow, Alberto Torquati, Massimiliano Grazioli, Werner di Donato, Chiara Pavoni e Saverio Indrio), in un viaggio onirico, intenso e vibrante.

La trama: Pavel e Mehdi, giovani immigrati clandestini a Udine, il primo ebreo dall’Ucraina, il secondo dall’Iran, giovani, persi, in cerca di un loro posto nella società, vivono in un appartamento nel “ghetto” periferico di Udine pagando in nero un proprietario dalla dubbia moralità. Poi giunge Irene, che prende a cuore la storia di Pavel e cerca di aiutarlo, immergendosi a sua insaputa in una situazione complicata con risvolti incerti e pericolosi.

Un film particolare, pieno di venature che merita sicuramente più visioni: ogni particolare, ogni primo piano, ogni movimento di macchina è calibrato, voluto, cercato, agognato. Buona la fotografia. Il cinema italiano è vivo e vegeto e Three the movie lo dimostra!

7

Buono

Stefano Labbia
Stefano Labbia, classe 1984, è un giovane autore italiano di origine brasiliana. Nato nella Capitale d'Italia, ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie, “Gli Orari del Cuore”, nel 2016 per Casa Editrice Leonida cui è seguita la sua seconda silloge poetica dal titolo "I Giardini Incantati" (Talos Edizioni), l'anno successivo. Il suo romanzo "Piccole Vite Infelici" (Elison Publishing) ha vinto il Premio Elison 2017 - miglior romanzo inedito. Nel 2018 uscirà una raccolta di racconti, "Bingo Bongo & altre storie" (Il Faggio Edizioni), "Vivo!" (PubMe - Collana "Il Piacere di Scrivere") e per LFA Publisher, la sua prima graphic novel da autore e sceneggiatore dal titolo "Killer Loop'S".

Password Persa

Sign Up

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com