Sposami, stupido! – Recensione

Film Recensioni Cinema
6.5

Sufficiente

Yassine è un giovane studente marocchino che ottiene un visto per studiare architettura in Francia, ma quando quest’ultimo scade, gli resta una sola soluzione per poter restare a Parigi: sposare il suo migliore amico Fred, pur essendo innamorato di Claire; ed è solo l’inizio delle loro disavventure.

Un’idea strampalata ed un amico fidato per sistemare i pezzi di una vita che purtroppo non ha preso la direzione sperata; sono questi gli ingredienti di Sposami, stupido!, brillante commedia francese del regista Tarek Boudali. Un’insieme di stereotipi e luoghi comuni sull’omosessualità che però non fa storcere il naso; il tutto è raccontato con garbo ed ironia senza cadere mai nel volgare becero.

La trama è abbastanza prevedibile ma ciò non impedisce allo spettatore di appassionarsi alle vicende dei personaggi che sono tutti, compresi i ruoli secondari, ben studiati. I due protagonisti, uno l’opposto dell’altro, sono ben interpretati dagli attori, lo stesso Boudali e Philippe Lacheau, due interpreti della comicità francese che già avevano collaborato insieme e sono più noti come “La bande à fifí” e la nota YouTuber Andy Raconte è credibile nella sua prima prova cinematografica. Il risultato è una commedia degli equivoci ben costruita e divertente dove amore ed amicizia vengono espressi con leggerezza ed ironia in una pellicola senza troppe pretese ma che fa sorridere.

6.5

Sufficiente

Password Persa

Sign Up

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com