Spielberg – Recensione

Film Recensioni Cinema
5

Mediocre

HBO Documentary alla produzione. Susan Lacy (Janis: Little blue girl, American Masters, Imagine) al timone. E poi, Scorsese, De Palma, Coppola e Lucas assieme in video. Non pensi l’opera che possa deragliare. Naufragare. Che si possa sbagliare il bersaglio. E invece… E invece questo documentario è un buco nero che si apre minuto dopo minuto attorno allo schermo dello spettatore ignaro e fiducioso pronto a regalare diottrie invano… Non è istruttivo per i tanti che aspettavano lezioni fatte a suon di “action!” e “cut!” da Spielberg – a cui appunto è dedicato questo film. È solo lasso, avvolto su se stesso in posizione fetale. E quasi voyeuristico ma, in sostanza, non riesce nemmeno a raggiungere quello “standard” da reality che tanto piace ad un certo tipo di pubblico. Si ferma esattamente a metà strada tra i due…

Quello che emerge, alla fine, è più un tributo con tanto incenso e poco arrosto. Insomma quasi un filmino del matrimonio, del battesimo o della comunione: anche se ha come oggetto uno dei registi di Hollywood tra i più “venerati” è decisamente sopra le righe! Chi mai dovrebbe / vorrebbe assistere a 147 minuti di celebrazione, oro, incenso e mirra sul regista di “Jurassic Park” – questo con il massimo rispetto – ? La “trama”? Si parla, assieme ad attori del calibro di Ralph Fiennes, Daniel Day-Lewis, Dustin Hoffman e Mark Rylance, dello Spielberg uomo, dello Spielberg regista, della famiglia e della concezione che lui ha, delle separazioni che ha vissuto, dello sguardo che Steven ha ad altezza bambino e della sua maturazione. E ancora del rapporto del cineasta con l’ebraismo, del suo eclettismo, delle straordinarie capacità tecniche insite in lui e bla, bla, bla per oltre due ore. Ma il lascito di quest’opera totalmente ante-tempo (sembra quasi un altare alla memoria di… ma gli altari si costruiscono come opere funeree, giusto?) è che, al massimo, ti venga voglia di recuperare la saga di Indiana Jones. Solo per gli stalker del regista nato a Cincinnati. Per tutti gli altri… da evitare!

 

5

Mediocre

Stefano Labbia
Stefano Labbia, classe 1984, è un giovane autore italiano di origine brasiliana. Nato nella Capitale d'Italia, ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie, “Gli Orari del Cuore”, nel 2016 per Casa Editrice Leonida cui è seguita la sua seconda silloge poetica dal titolo "I Giardini Incantati" (Talos Edizioni), l'anno successivo. Il suo romanzo "Piccole Vite Infelici" (Elison Publishing) ha vinto il Premio Elison 2017 - miglior romanzo inedito. Nel 2018 uscirà una raccolta di racconti, "Bingo Bongo & altre storie" (Il Faggio Edizioni), "Vivo!" (PubMe - Collana "Il Piacere di Scrivere") e per LFA Publisher, la sua prima graphic novel da autore e sceneggiatore dal titolo "Killer Loop'S".

Password Persa

Sign Up

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com