Guardians of The Galaxy: The Telltale Series Ep. 5 – Recensione

Featured Giochi Recensioni Videogiochi
7

Buono

E’ stata lunga, tortuosa, ma ce l’abbiam fatta: la serie Guardians of The Galaxy di Telltale è finalmente giunta a termine. E’ strano da raccontare, ma mai mi era accaduto con una produzione di Telltale di soffrire per giungere alla fine della storia; probabilmente la mia sofferenza è dettata dalla difficile “digeribilità” di questo prodotto che, a differenza degli altri, è stato quasi sempre privo di phatos o di momenti degni di nota. In ogni caso, comunque, la fine del quarto episodio aveva aperto uno spiraglio molto interessante che forse avrebbe potuto risollevare le sorti di quella che è stata, fino a questo momento, una delle peggiori produzioni di Telltale. Ed è quindi ora che ci accingiamo a raccontarvi la nostra esperienza con Don’t Stop Belivin’, ultimo episodio di Guardians of The Galaxy.

Nelle precedenti puntate, buona parte del tempo è stato dedicato alla narrazione del background di ciascun guardiano, permettendoci così di conoscerne meglio la storia e le ragioni che lo hanno portato a essere il personaggio che noi tutti conosciamo; siamo stati quindi di fronte a storie abbastanza fini a sé stesse che nulla aggiungevano alla trama principale della serie. In Don’t Stop Belivin’, al contrario, la storia progredisce e si evolve velocemente (a volte annodandosi su sé stessa) e giunge a un finale più che soddisfacente che lascia intendere l’arrivo di una seconda stagione. Senza svelare dettagli sulla storia, in Don’t Stop Belivin’ iniziano ad avere un certo peso tutte le scelte fatte nelle puntate precedenti e anche quelle meno significanti graveranno in qualche modo sulla conclusione della storia.
Bisogna ammettere, però, che il villain scelto per Guardians of The Galaxy: The Telltale Series non ha assolutamente sortito l’effetto sperato dagli sviluppatori, restando così un nemico abbastanza anonimo e incapace di lasciare il segno.

Nonostante il veloce evolversi della storia, però, il gameplay di Don’t Stop Belivin’ non ha subito particolari cambiamenti, alternando come sempre fasi di esplorazioni a lunghi dialoghi, talvolta inutili. Abbiamo però apprezzato l’enorme quantitativo di combattimenti ignoranti inserito dagli sviluppatori del gioco, alcuni realizzati con uno stile che si avvicina molto a quello dei lungometraggi cinematografici Marvel. Dal punto di vista tecnico non ci sono grossi cambiamenti rispetto alle puntate precedenti, ma va segnalato il fatto che FINALMENTE il gioco non ha subito nessun rallentamento, o peggio ancora blocco, neanche durante le fasi di gioco più concitate. Bisogna segnalare infine che, ancora una volta, la colonna sonora fa il suo effetto e i brani scelti dagli sviluppatori del gioco, ripescate perlopiù dalla musica rock anni 70 e 80, riescono a sposarsi alla perfezioni con le ambientazioni futuristiche del gioco.

 

 

Pro

  • Episodio finale splendido...
  • Possibilità di conoscere il passato di ogni guardiano
  • Colonna sonora eccezionale

Contro

  • ...ma solo quello
  • Villain non convincente
  • Troppi dialoghi, spesso inutili

Commento finale

Sarà una strategia, sarà un caso, ma Guardians of The Galaxy: The Telltale Series viene salvata proprio sul finale da un eccezionale ultimo episodio. A differenza degli altri, infatti, Don't Stop Belivin' presenta dei ritmi molto più serrati e dei combattimenti memorabili. In questa serie, inoltre, le decisioni prese dai giocatori hanno realmente la possibilità di cambiare la storia, creando un finale esclusivo. Da comprare se siete amanti dei Guardiani della Galassia...
7

Buono

Password Persa

Sign Up