Forgotten Anne – Recensione

Featured Giochi Recensioni Videogiochi
7.9

Buono

Forgotton Anne è un gioco di avventura ambientato in un mondo pieno di oggetti dimenticati che finiti in un magico reame, prendono vita. 

Il team di ThroughLine Games grazie all’ausilio dell’ incubatore per giochi indie creato da Square Enix, ci propone un’avventura carina e originale con enigmi ragionevolmente leggeri e sezioni platform abbastanza impegnative lcon un aspetto grafico veramente intrigante

Nel gioco interpretiamo Anna, una guardia in un regno noto come Terre Dimenticate. Questo posto è popolato da “Forgotling“, gli oggetti dimenticati di cui sopra, che sono scivolati fuori dal nostro mondo. In questo reame essi acquisiscono una loro personalità e possono parlare e svolgere dei lavori, guadagnandosi così la possibilità di attraversare il ponte che conduce di nuovo alla nostra realtà.

Anne e il suo maestro, Bonku, all’apparenza entrambi umani, sono coloro i quali cercano di costruire questo ponte, che condurrà i Forgotlings verso la terra. Ma a rompere le uova nel paniere ad Anne e Bonku ci pensa un attacco  da parte di un gruppo di ribelli che mette a repentaglio il progetto di quel ritorno. Così inizia il gioco e più non voglio svelarvi, perché la trama è sicuramente un punto focale di Forgotton Anne.

Anne porta al polso un dispositivo chiamato Arca, che ha il controllo sulla fonte di energia delle Terre dimenticate, Anima.
La maggior parte dei primi puzzle sono incentrati nella ricerca di batterie Anima disseminate in questi ambienti 2D, a volte nascosti in stanze segrete o scantinati. Usando questo  potere si possono attivare un sacco di  dispositivi che ci aprono la strada da percorrere.
Si può anche usare il dispositivo Arca anche  per cambiare la direzione di Anima in un circuito per  attivare un oggetto particolare.  Come dicevo sopra, una volta capito come funziona il meccanismo di base che regola il funzionamento di Arca, i puzzle poi non sono molto difficili da risolvere e si procede poi speditamente verso l’enigma ambientale successivo. La componente platform tuttavia, può essere sorprendentemente difficile.

All’inizio troveremo le ali di metallo di Anne, che le permettono di saltare più in alto per raggiungere aree più alte. Combinando le ali con con un pulsante sprint, si possono compiere dei balzi che ci portano piuttosto lontano. Il sistema di controllo delle varie azioni è molto rigido e nonostante la pratica che uno acquisisce nel tempo, ci sono sezioni che mi hanno impegnato molti minuti, in un estenuante ciclo di “trial&error”. La cosa più complicata è meno intuitiva, sono le combinazioni di tasti, e questo purtroppo penalizza la giocabilità.

 L’alternanza tra platform e puzzle dà comunque al gioco un ritmo interessante.  Il ruolo di Anne come “enforcer” è il fil rouge di tutta la storia. Infatti avremo anche il compito di indagare sui vari oggetti dimenticati che troveremo durante le nostre operazioni per capire chi di loro appartenga ai ribelli oppure possa essere in qualche modo collegato con loro.
Ci sono un sacco di dialoghi con gli oggetti (realizzati con un ottimo voice acting e coadiuvati dai sottotitoli in italiano), moltissimi indizi da cercare e la cosa bella è che il gioco ti spinge sempre in avanti per cercare di scoprire di più sia nella ricerca dei terroristi, che nella scoperta della vita di Anne, di Bonku e di questo misterioso e magico reame. Il fatto che si possano scegliere risposte che conducono a parti del gioco diverse rende il titolo in parte rigiocabile, anche se il finale rimane comunque il medesimo.


Già questo è  un curioso mix di elementi interessanti, eppure il momento saliente è chiaramente la rappresentazione grafica. Il mondo di Forgotton Anne è stupendo. Mentre l’animazione in stile disegnato a mano sembra un po ‘semplice  nei filmati, nel gioco crea un bellissimo effetto. Il contrasto tra l’immagine industriale grigia e gli interni magnificamente illuminati e caldi nelle terre dimenticate è incantevole. Le animazioni sono realizzate con cura e precisione. In qalcuni momenti del gioco mi sono soffermato ad ammirare estasiato le architetture e la perfetta fuzione dei personaggi con esse.

Pro

  • Grafica in game affascinante
  • Enigmi semplici ma efficaci
  • Trama intrigante che induce a proseguire

Contro

  • Sezioni platform penalizzate da controlli legnosi e poco intuitivi.

Commento finale

L'unione di enigmi, trama, sezioni platform ed una aspetto estetico affascinante, fanno di Forgotton Anne un titolo veramente appetibile. L'unica pecca è il sistema di controllo troppo rigido che penalizza le sezioni platform. Si può incorrere in momenti di frustrazione causati dalla difficoltà nel superare determinate sezioni, solo perché i comandi risultano troppo legnosi e non intuitivi. Però alla fine, questo difetto viene comunque messo in secondo piano dalla bellezza intrigante di un titolo che vale la pena di essere giocato, anche solo per godere di un comparto grafico veramente eccezionale.
7.9

Buono

Digital dreamer, videogames addicted, wannabe Jedi. An old player that is still capable of wonder.

Password Persa

Sign Up

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com