Ever Oasis – Recensione

Featured Giochi Recensioni Videogiochi
7.5

Buono

Un’oasi nel deserto, luogo di salvezza e desiderio di molti viandanti che percorrono l’esteso territorio di sabbia e dune ma questa volta è un po’ diverso. Ever Oasis potrebbe sembrare un insolito rpg misto ad un gestionale ma i bulbini sono pronti a catturarti facendoti diventare il capo oasi migliore del regno.

UN’OASI NEL DESERTO

La storia narra della razza dei bulbini, piccoli esseri metà umani e metà vegetali, che unendosi con le ninfe dell’acqua possono creare la propria oasi nel deserto, costruendo botteghe per rivendere determinati prodotti ai viaggiatori o per far lavorare i propri abitanti. Sembrerebbe tutto molto bello e felice ma il caos è alle porte e l’oasi di vostro fratello verrà attaccata delle forze del male distruggendola. Al termine del raid la ninfa dell’acqua, Esna vi offrirà la possibilità di ricostruire tutto da zero, e da qui comincerà la vostra avventura, alla ricerca di 3 cristalli che verranno usati per poter bloccare la forza del caos e distruggerlo definitivamente.

L’UNIONE FA LA FORZA

Il gameplay di Ever Oasis si presenta molto elementare, ma partiamo dall’inizio. Il gioco è di base un rpg visto che dovrete formare il vostro gruppo, completare missioni ed esplorare zone per risolvere quest o recuperare oggetti richiesti, ma non solo, il titolo ha anche una forte impostazione di gestionale ma su questo ne parleremo tra poco. I combattimenti sono molto semplici, attacca-schiva ed i mostri da affrontare non sono del tutto impossibili, tranne ovviamente i boss di fine dungeon che possono mettervi in seria difficoltà. Alla fine basta solo capire il pattern dei movimenti per poterne uscire nei migliori dei modi e semplificare il tutto. Le uniche difficoltà durante il freeroming saranno dettate dal vostro livello d’esperienza basso ma il livellaggio del personaggio è molto rapido e semplificato, visto che dopo pochi livelli vi ritroverete a costruire i migliori upgrade per la vostra spada. L’aiuto degli abitanti durante le vostre uscite dall’oasi è fondamentale perchè ogni tipologia di abitante avrà la sua abilità particolare per poter continuare il vostro viaggio in determinati scenari durante le quest ma questo spesso si trasforma in un problema. E’ difficile indovinare la propria formazione al primo tentativo e questo purtroppo vi porterà a perdere tempo a teletrasportarvi da un punto A all’oasi e da quest’ultima al punto precedente.

LA SALVAGUARDIA DELL’OASI

Come anticipato prima, Ever Oasis ha anche un lato gestionale da non sottovalutare. La cura della vostra oasi vi porterà a gestire tutti i rifornimenti per le botteghe costruite, dovrete mettervi in viaggio alla ricerca di determinati materiali per rifornire i negozi dei vostri abitanti. La felicità dei vostri compaesani viene dettata sopratutto dalla frequenza di rifornimenti ricevuti, e tale felicità offrirà bonus al di fuori dell’oasi tramite la cosiddetta “protezione” derivata appunto dal livello di felicità dei bottegai. Ogni bottega può salire di livello dopo un determinato numero di consegne, ampliandosi e vendendo altri prodotti. Ovviamente tutto questo è un do ut des, infatti le botteghe vi ripagheranno dopo quasi ogni giorno con le idrogemme, la moneta locale. Ad un certo punto della storia però potrete delegare alcuni abitanti per poter partire e cercare i materiali richiesti, purtroppo però il gioco non vi darà la possibilità di prendere tutto ciò che vi servirà ma riconoscerà solo determinati prodotti.

IL 3D CHE CI PIACE

Ever Oasis ha una grafica cartoonesca, molto colorata nei momenti di tranquillità e cupa quando cominciano gli attacchi da parte delle forze del caos. La funzionalità del 3D non da minimamente problemi di cali di frame, anzi, riesce a dare la fluidità visiva giusta senza neanche dar fastidio alla vista.

 

Pro

  • Grafica apprezzabile
  • Durata giusta

Contro

  • Gestione delle oasi da rivedere
  • Difficoltà quasi nulla

Commento finale

Per quanto Ever Oasis possa sembrare un gioco incentrato su una fascia d'età compresa tra gli 8 ed i 12 anni, il gioco della software house Grezzo, può essere apprezzato anche da un pubblico in età adulta. La bontà dei bulbini vi ammalierà.
7.5

Buono

Password Persa

Sign Up