Batman: The Enemy Within – Episodio 5 “Same Stitch” – Recensione

Featured Giochi Recensioni Videogiochi
8.5

Ottimo

Finalmente: dopo tanta attesa, anche la seconda stagione del Batman targato Telltale volge al termine, congendandosi dai fan con un dignitoso quinto episodio che, a differenza di quanto visto fino a ora, è un crescendo di emozioni e di colpi di scena, riuscendo così a salutare in maniera soddisfacente una serie che è stata sicuramente più bella e convincente della prima. Questa la mia esperienza con il quinto episodio di Batman: The Enemy Within, denominato “Same Stitch”.

n.b. Questa recensione non contiene spoiler 

Da fan di Batman e delle sue diverse incarnazioni, ammetto di non avere accolto con entusiasmo la notizia che Telltale, dopo avere quasi toppato con la prima stagione di Batman: The Telltale Series, avrebbe avuto l’intenzione di riprovarci con una seconda stagione che, a rigor di logica, avrebbe dovuto seguire il filone narrativo della prima. E invece no: mi sbagliavo e sono lieto di essermene potuto accorgere poiché, senza alcuna ombra di dubbio, Batman: The Enemy Within è stata una serie pazzesca, conclusasi nel migliore dei modi possibili. Innanzitutto Same Stitch ha messo in risalto un lato più umano ed emotivo di Batman, mettendo in discussione tutte le certezze del Cavaliere Oscuro e del suo alter ego Bruce Wayne. E’ inoltre meraviglioso il modo in cui i narratori di Telltale hanno fatto evolvere e crescere il personaggio di John Doe fino a farlo diventare l’acerrimo nemico di Batman. Dal punto di vista narrativo Same Stitch chiude in maniera eccellente alcuni percorsi narrativi della stagione, mentre altri terminano troppo velocemente o non hanno avuto l’attenzione che avrebbero meritato.


Per la prima volta in un titolo Telltale, inoltre, le decisioni prese e le scelte fatte dal giocatore riescono a influenzare realmente il corso degli eventi e giungere quindi a una delle due differenti conclusioni programmate dagli sviluppatori. Giungendo alla fine della storia, inoltre, è evidente come Telltale abbia già in programma una terza stagione di Batman e di come alcuni personaggi faranno prepotentemente ritorno con una personalità che, con tutta probabilità, verrà “impostata” in base alle scelte che avete fatto.

Se dal punto di vista narrativo  è definibile come “un fiume in piena”, dal punto di vista ludico Same Stitch presenta la stessa vuotezza degli episodi precedenti. In sostanzia siamo di fronte al consueto film interattivo in cui il giocatore deve parlare con gli altri personaggi, risolvere qualche piccolo enigma o lanciarsi in alcuni Quick Time Events di facile risoluzione in cui è praticamente impossibile morire. Bisogna invece sottolineare che, grazie al rilascio delle ultime patch, Same Stitch non presenta alcun rallentamento o bug tecnico capace di minare la qualità di uno dei migliori episodi di sempre per un  titolo targato Telltale.

Nota: il voto è assegnato all’intera stagione di Batman: The Enemy Within e non all’episodio in questione

Pro

  • Storia appassionante da vivere tutta d'un fiato
  • Nemici carismatici
  • Le scelte fatte(finalmente) cambiano la storia

Contro

  • Gameplay "vuoto"

Commento finale

Batman: The Enemy Within è stata la stagione che avremmo sempre voluto in un titolo Telltale dopo il capolavoro di The Walking Dead (stagione 1). Profonda, appassionante, ricca di contenuto Batman: The Enemy Within è una esperienza di gioco appagante per tutti i fan del Cavaliere Oscuro, anche per quelli che si sono limitati a conoscere solo il Batman cinematografico. Purtroppo, ancora una volta, il gameplay del gioco si presenta vuoto e privo di situazioni realmente complicate, ma la storia è veramente bella e sarà comunque capace di tenervi incollati allo schermo.
8.5

Ottimo

Password Persa

Sign Up

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com