7

Buono

American Assassin – Recensione

È giusto che il cinema ci mostri la violenza in tutta la sua crudeltà? A cosa serve? Ad esorcizzare in qualche modo, questo nostro mondo pieno di ferocia, di aggressività, di “atti violenti in luogo pubblico”? O, sostanzialmente, è solo “messa in scena”, “sport”, “hobbies” che poi sfocia immancabilmente in sparatorie, omicidi e violenza gratuita per ...

6

Sufficiente

Auguri per la tua morte – Recensione

Quando presenzi ad un’anteprima la affronti sempre con quel pizzico di aspettativa ingenua, una sorta di speranza – “friccicore” nella parte inferiore dello stomaco, esattamente come quando ti accorgi di aver sbagliato fermata del bus a cui scendere. Incoscienza? Illusione di un amante della nona arte? Questo nonostante tu ti sia documentato, prima e durante il periodo che ...

Intervista a Marco Conti: l’Italia ha talento ma non lo sa mostrare!

Uno scrittore. Uno scrittore italiano. Uno scrittore italiano che, in punta di penna, narra emozioni, timori e le idiosincrasie di un mondo confuso, spesso sciatto e violento. Ma anche pieno di colori, sapori, odori… Quella che segue non è un’intervista. Non è una confessione. Non è un botta e risposta. È molto, molto di più… Benvenuto Marco! Partiamo subito con la prima domanda:...

7

Buono

The Paris Opera – Recensione

Affrontare un documentario nella sua totalità (ideazione, scrittura, produzione e distribuzione) è sempre una sfida. Speri che il risultato finale, da cui dipendono i fattori / le fasi di cui sopra funzionino. E soprattutto che l’argomento trattato – ed il modo in fui viene trattato! – sia da stimolo ed attragga lo spettatore all’unisono. Il mondo è pieno di “punti di...

7.5

Buono

Promised Land – Recensione

Promised Land. Ovvero IL documentario della Festa del cinema di Roma. Pieno di significato, di sogni (disillusi e realizzati), di pugni allo stomaco e di… risate! Molte guest star presenti (su tutti Ashton Kutcher, Ethan Hawke, Alec Baldwin e Emmylou Harris). La trama: Il regista americano Eugene Jarecki (Freakonomics, Reagan, Why we flight) giustappone in maniera inedita la storia socio-pol...

5

Mediocre

Spielberg – Recensione

HBO Documentary alla produzione. Susan Lacy (Janis: Little blue girl, American Masters, Imagine) al timone. E poi, Scorsese, De Palma, Coppola e Lucas assieme in video. Non pensi l’opera che possa deragliare. Naufragare. Che si possa sbagliare il bersaglio. E invece… E invece questo documentario è un buco nero che si apre minuto dopo minuto attorno allo schermo dello spettatore ignaro ...

6

Sufficiente

Borg McEnroe – Recensione

Un biopic su Borg ( McEnroe ha ruolo marginale nel flusso di immagini che dura 100 minuti, pur comparendo nei titoli di testa e coda e sulla locandina, qui interpretato da Shia Labeouf – Eagle Eye, Indiana Jones) di cui (non) se ne sentiva la mancanza. La trama: La calma glaciale del tennista Björn Borg (Sverrir Gudnason – Il commissario Wallander: La colpa, Wallander: La vendetta, A B...

Festa del Cinema di Roma – Premio alla carriera a David Lynch

Un meritatissimo premio alla carriera, quello omaggiato dalla Festa del Cinema di Roma al regista David Lynch. Una carriera stellare che racchiude piccoli grandi capolavori (Twin Peaks su tutti) ed intramontabili classici (Eraser Head, Dune, Velluto Blu ed il recente Mullholland Drive). Una sala sinopoli al completo per la cerimonia che ha ospitato prima un bellissimo incontro con il format, orama...

7.5

Buono

Trouble No More – Recensione

Bob Dylan. Il menestrello inglese, la sua vita, la sua musica. La sua anima. In un turbinio di emozioni che si avvicendano sullo schermo durante tutto il corso del film, c’è tutta l’essenza, la cultura Dylaniana che ha permesso, al Bob inglese per antonomasia, di essere insignito del Premio Nobel. Un Dylan come non lo avete mai visto, supportato da un Michael Shannon in scena nei panni...

Festa del Cinema di Roma: Sir Ian McKellen, “ho paura della stupidità umana”

Allegro, disponibile. Professionale. Ian McKellen entra nella Google Cinema Hall a mani alzate, col sorriso stampato sulle labbra. Presentato non senza emozione dal Direttore artistico del Festival, Antonio Monda, l’attore britannico viene travolto da un unico, gigantesco e sincronizzato applauso di tutto il pubblico presente (stampa inclusa), che per un minuto ha regalato al baronetto ingle...

Festa del Cinema di Roma: Chuck Palahniuk – American Gothic

Chuck Palahniuk. Chuck Palahniuk. Un autore che non ha bisogno di presentazioni (Fight Club, Beautiful You, Cavie, Invisible Monsters, Diary, Ninna Nanna, Soffocare, Dannazione). La Sala Teatro G. Borgna ospita l’autore, 55 anni originario di Pasco (Washington) che si lascia andare a confessioni, ricordi, aneddoti e ci regala la top five del cinema “Gothic”, in puro stile Palahni...

7

Buono

The Only Living Boy in New York – Recensione

Cinico, divertente, spietato. Un film, questo The Only Living Boy in New York di Marc Webb, che è un romanzo di formazione, una mappa dell’umana specie anni 10, troppo falsamente vera e troppo inquieta per essere cosciente di quello che fa. Dei suoi alti. Dei suoi bassi. Del suo percorso che crede definito, deciso. E che invece, come un flusso infinito, si limita a cavalcare. La trama: Thoma...

Password Persa

Sign Up