Italiano Medio – Recensione

Cinema Recensioni Cinema 1.0

Giulio Verme (Maccio Capatonda) è un ambientalista quarantenne in crisi depressiva, cresciuto con l’odio per la televisione e l’amore per la natura e per gli animali. La sua vita è un continuo alternarsi di lamentele e un ripetitivo lavoro in un centro di smistamento rifiuti, fino a quando non si imbatte in un vecchio amico di scuola, Alfonzo (Herbert Ballerina), che gli propone una pillola che gli farà usare non il 20% del suo cervello, bensì il 2%. La trasformazione di Giulio è repentina e le conseguenze incontrollabili ed esilaranti.

vert ITALIANO MEDIO 3 b

Dopo una lunga gavetta sul piccolissimo schermo di YouTube e la positivissima esperienza con la serie Mario su MTV, Marcello Macchia, o meglio, Maccio Capatonda, compie il grande passo e approda sul grande schermo con ciò che vuole essere sunto ed evoluzione del mastodontico lavoro compiuto fino ad ora. Italiano Medio infatti evita fin da subito di porsi al pubblico come una semplice accozzaglia di sketch ed episodi, ma fornisce una trama più o meno verosimile in cui vengono dosati abilmente i pezzi forti del repertorio di Capatonda, Herbert Ballerina, Rupert Sciamenna ed Ivo Avido, riciclando i loro più celebri tormentoni ma allo stesso tempo inventandone di nuovi, sempre rispettando lo stile comico del gruppo.

Un po’ come a Giulio Verme serve una magica pillola per cambiare e svoltare la propria esistenza, così Italiano Medio ha bisogno di quasi un’ora per dare il meglio di sè. L’assunzione della pillola è infatti la svolta comica che indirizza il film verso i giusti binari rispetto ad un inizio sì propedeutico per l’intera sceneggiatura, ma un po’ compassato ed infarcito di riferimenti e comicità troppo limitata ai fedelissimi di Maccio. Con l’evoluzione di Giulio, evolve anche il film; non solo sul lato comico, aumentando esponenzialmente il volume delle risate, ma anche sul piano dell’intreccio, incanalando la trama verso poi quello che sarà un finale significativo e carico, a suo modo, di riflessione.

Il compito del regista abruzzese infatti non era, a priori, né facile né tantomeno banale. Il rischio di dipingere semplicemente stereotipi dell’italiano e della sua mediocrità sarebbe stato tanto semplice quanto probabilmente stucchevole ed imbarazzante per una popolazione fatta di luoghi comuni. L’italiano medio (o l’average italian guy, citando Facebook ed il suo dissacrante black humor) è molto di più che un informe ammasso di cliché, è uno stile di vita, un continuo compromesso, un continuo grigio di fronte ad un’esistenza che è scomoda da affrontare scegliendo nettamente tra nero e bianco.

Italiano Medio è infine sinonimo di una rinnovata (ma non nuova) comicità, che riporta sul grande schermo, dopo un quindicennio di format cinepanettonesco ormai abusato, quella commedia dei personaggi che ha fatto la fortuna del cinema italiano prima con Alberto Sordi e poi con più recenti esempi di verdoniana memoria (uno su tutti Bianco Rosso e Verdone, a cui la locandina stessa di Italiano Medio è ispirata), fatta di tipi cinematografici, non stereotipi, ma veri e propri esempi di una cultura e di una società. L’Italiano Medio è proprio questo, specchio di una società in cui posso esaltare i valori della famiglia, ma andare a donnacce; mangiare il porco fritto, ma essere vegano.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=MP3qVe8uh70]

Scheda film

Titolo: Italiano Medio
Regia: Maccio Capatonda (Marcello Macchia)
Sceneggiatura: Maccio Capatonda, Marco Alessi, Sergio Spaccavento
Cast : Maccio Capatonda, Herbert Ballerina, Ivo Avido, Lavinia Longhi, Barbara Tabita, Rupert Sciamenna, Gabriella Franchini, Francesco Sblendorio, Rodolfo D’Andrea, Matteo Bossofin, Anna Pannocchia, Nino Frassica, Andrea Scanzi, Pierluigi Pardo
Genere: Commedia
Durata:  90′
Produzione: Medusa Film, Lotus Productions
Distribuzione: Medusa Film
Nazione: Italia
Uscita: 29/1/15

Critico cinematografico, giurista e speaker.
Classe ’94, nato insieme a Dookie, Forrest Gump, Pulp Fiction e Le Ali della Libertà, ma con il cuore a Juno.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up