Far Cry 4 – Recensione

Poster Far Cry 4

In quest’ ultimo periodo, in ambito videoludico si è fatto un gran parlare di titoli che stentano ad innovarsi, testimoni di brand che, dopo aver tentato di rinfrescare le loro meccaniche, sono caduti in disgrazia o peggio: hanno perso completamente la fiducia che i fan di vecchia data riponevano in loro. In questo caotico paesaggio produttivo, fa sicuramente eccezione Far Cry 4, capace di  ergersi a difesa della continuità e di stupire ancora, sebbene, già dai primissimi minuti di gioco, si riveli la naturale evoluzione del precedente capitolo.

Titolo: Far Cry 4
Sviluppatore: Ubisoft Montral
Publisher: Ubisoft
Genere: Sparatutto
Piattaforma: Ps3, Ps4, Xboc 360, Xbox One, Pc
Lingua: Completamente in Italiano

Far Cry 4

Nel quarto episodio della saga prodotta da Ubisoft Montreal, il giocatore sarà chiamato ad impersonificare Ajay Ghale, un ragazzo cresciuto negli Stati Uniti ma originario del Kyrat, ritornato nella sua terra natale per spargere le ceneri della defunta madre. La storia personale del protagonista è però destinata ad intrecciarsi con la difficile situazione che sta vivendo il piccolo stato del Kyrat, dilaniato da una guerra civile che dura ormai da diversi anni tra un gruppo di ribelli chiamato Sentiero d’Oro e il folle ed egocentrico re Pagan Min, eletto senza il favore del popolo. Seppur in questa poco fantasiosa cornice e con una trama che ricorda da vicino quella di Far Cry 3, il comparto narrativo funziona discretamente bene, grazie soprattutto ai personaggi che incontreremo durante la nostra avventura, tutti caratterizzati in maniera perfetta fino a resentare in alcuni casi la pazzia, e che riusciranno, con i loro folli pensieri, a strapparvi non di rado una risata oppure, nei momenti di massima tensione narrativa, ad emozionarvi fino a farvi cambiare idea sulla scelta che dovrete prendere di lì a poco. Tutto questo per merito di un doppiaggio, interamente in italiano, davvero eccezionale.  Il giocatore ha inoltre la possibilità di prendere delle decisioni che potranno modificare gli eventi successivi, questo riesce ad aumentare l’ immersione nella storia, ma non può cambiare la qualità di una trama che comunque non brilla in originalità.

Far Cry n.2

Sempre parlando di originalità, lo stesso discorso è applicabile al gameplay: questo Far Cry presenta le stesse meccaniche vincenti del suo predecessore. Tuttavia gli sviluppatori, pur non stravolgendo il lavoro fatto due anni fa per Far Cry 3, si sono occupati di limare i dettagli e di aggiungere tante piccole migliorie ad un sistema di combattimento già praticamente perfetto. Il gameplay ruota sempre attorno alla possibilità del giocatore di scegliere l’approccio offensivo che preferisce: potrà procedere in modo silenzioso e con l’ aiuto di coltelli da lancio, silenziatori, archi e frecce, liberarsi dei nemici senza che questi riescano neppure ad accorgersene, oppure buttarsi nella mischia ad armi spianate e riempire di piombo tutto ciò che trova sul proprio cammino. Ecco allora che l’aggiunta di nuova strumentazione come un rampino, che ci permetterà di scalare alture o di oltrepassare burroni scoscesi, e di nuove micidiali armi uniche, da sbloccare completando missioni in giro per il kyrat; offrono al giocatore quella varietà e quelle strategie utili a non far percepire il gusto di “già visto” nel gameplay.

Alle aggiunte in termini di strumentazione si sommano quelle di alcuni veicoli: uno su tutti il girocottero, con il quale spostarsi più rapidamente via aria e tendere micidiali attacchi dall’ alto ai nemici dell’armata reale; e quelle di alcuni tipi di missioni secondarie. Rispetto al precedente capitolo della saga, in questo Far Cry 4 i compiti che potremo svolgere oltre alle missioni principali risultano sicuramente più curati e presenti in numero maggiore: troviamo classiche richieste di caccia e di assassinio, ma missioni come quelle di sabotaggio, di scorta armata e addirittura di guida nei Kyrati Films sono una riuscitissima aggiunta.

Nella libera esplorazione l’attività principale sarà quella di liberare avamposti, ai quali, in questo nuovo capitolo si affiancano le fortezze, molto più impegnative e alle quali sarebbe meglio dedicarsi con l’ aiuto dei propri amici, nella modalità co-op online, o richiedendo l’ intervento dei mercenari; oppure aspettare che queste vengano indebolite avanzando nella storia per avere qualche possibilità di riuscita anche da soli. Interessante inoltre l’implementazione dell’arena in cui potremo combattere in diverse modalità per guadagnare soldi ed esperienza e che, anche se un po’ ripetitiva, non manca di regalare qualche ora in più di divertimento al giocatore.

Far Cry n.4

Anche dal punto di vista del crafting gli sviluppatori hanno conferito nuova dignità alle azioni di caccia, indispensabili per potenziare il proprio personaggio e progredire nelle missioni via via sempre più complicate. Per quanto riguarda i poteri che Ajay potrà apprendere, l’albero delle abilità è stato rivisto e ampliato ed è diviso in due grandi sezioni: quella della Tigre, concentrate sull’ attacco; e quelle dell’ Elefante, dedite alle abilità difensive.

A tutto ciò si sommano un numero quasi infinito di collezionabili sparsi per la mappa e alcuni pezzi di un dipinto su tela magico chiamato Thangka, con il potere di portarci sino a  Shangri-La; tutto questo comporta una notevole aggiunta di ore di gioco alla quindicina che vi servirà per completare la storia principale.

Un altro tipo di discorso merita la modalità competitiva online; gli sviluppatori hanno pensato di rivoluzionare un po’ questa componente, sostituendo le tipologie di scontro comuni a quasi tutti gli esponenti di questo genere con altre più particolari e il risultato sono delle modalità che non incoraggiano lo scontro e che difficilmente cattureranno i giocatori. Peccato visto l’enorme divertimento offerto dal gioco in single player.

Far Cry n.6

I ragazzi di Ubisoft Montreal ci hanno abituato, “un Far Cry alla volta”, a grandissimi risultati dal punto di vista tecnico. In questo nuovo capitolo l’ ambientazione scelta risulta davvero affascinante e grazie al motore grafico Dunia Engine, basato sul CryEngine, non manca di offrirci paesaggi davvero mozzafiato. Non mancheranno infatti grotte adibite a luoghi sacri, templi, ponti di corda sospesi su un precipizio e chi più ne ha più ne metta. Tuttavia potrà capitare anche voi di storcere il naso quando scoprirete che vi ritroverete a combattere sulla neve dell’ Himalaya solo in poche occasioni e solo per completare alcune missioni principali. A concludere un comparto grafico davvero degno di nota troviamo anche una componete audio eccezionale, sia per quanto riguarda il già citato doppiaggio, sia per quanto riguarda la colonna sonora capace di ritagliarsi un ruolo da vera protagonista nelle scene filmate.

Far Cry n.5
COMMENTO FINALE

Chi si aspettava un capolavoro che stravolgesse Far Cry 3, forse potrà rimanere deluso, perché questo titolo non è stato in grado di superare di molto il divertimento e il successo del predecessore; semplicemente perché questo sarebbe stato impossibile. Ubisoft ha trovato la giusta impronta che vuole dare al suo titolo già con lo sviluppo di Farcry 3 e in questo attesissimo seguito gli sviluppatori si sono limitati ad intervenire dove necessario, per migliorare piccoli aspetti senza modificare ciò che finalmente ha dato lustro e carisma a questo brand. Questa strategia di sviluppo che premia la continuità è sicuramente condivisibile, ma non si può applicare alla trama che in questo Farcry 4 risulta indubbiamente poco riuscita e in grado di stupire e catturare il giocatore in rare occasioni.
L’ambientazione davvero suggestiva, un gameplay volto interamente alla libertà di approccio alle situazione del giocatore e al divertimento, una quantità quasi infinita di missioni secondarie, collezionabili e strumenti bellici da utilizzare, un grandissimo comparto tecnico tra cui spiccano una grafica davvero eccezionale e con pochi inciampi visivi e un doppiaggio capace di dare veramente vita ai personaggi della vicenda; seppur affiancati ad una trama che non fa gridare al miracolo e ad una componente online competitiva che difficilmente catturerà i giocatori, direi che sono validi motivi per non lasciarsi sfuggire questo Far Cry 4.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com