Grand Theft Auto V (PC/PS4/XONE) – Recensione

30311-grand-theft-auto-v-trailer-di-presentazione-a-picket-fence-and-a-dog-named-skip_jpg_0x0_q85

Titolo: Grand Theft Auto V
Sviluppatore: Rockstar North
Publisher: Rockstar Games
Genere: Freeroaming, Sparatutto in terza persona, Action
Piattaforme: Playstation 4, Xbox One, PC
Localizzazione: Testi in italiano e doppiaggio inglese

Il ritorno in scena di Grand Theft Auto V era tutt’altro che scontato, tutti ci aspettavamo il ritorno dei tre protagonisti nelle console di nuova generazione, e così è stato, ci ritroviamo per l’ennesima volta nei pressi di San Andreas precisamente a Los Santos. Pronto per dimostrare di essere ancora un titolo giovane e che offre oltre a 1080p di risoluzione e i suoi soli 30 fps, ha con se texture degne di un gioco di questa nuova generazione e non solo. Probabilmente questa è il guanto di sfida ad altri giochi dello stesso genere per dimostrare che Grand Theft Auto non ha rivali, o meglio, difficilmente riescono a raggiungere il suo livello qualitativo. Tra le nuove Feature di questa edizione troviamo la modalità First Person Shooter, infatti potremo vivere le vicende di Michael, Franklin e Trevor completamente in prima persona, in qualunque situazione potremo switchare da Terza Persona a Prima Persona con la pressione di un singolo tasto (nel caso di PS4 premendo il Touchpad).

Screen1

Los Santos è proprio come la ricordavamo, solare e piena di opportunità, pronta ad accogliere i nostri tre protagonisti con le sue sfumature. La storia ruota attorno a questi tre, che oramai conducono una vita tranquilla per certi punti di vista, ritornati nel mondo del crimine per un motivo o un altro. Quelli che hanno un motivo ben preciso per ritornare nel mondo del “Lavoro Sporco” sono Michael e Franklin, uno perchè è pieno di debiti fino al collo e l’altro perchè non ne può più della vita di quartiere e del vivere nello stesso tetto della sua odiosa Zia. Le missioni sono veramente varie e molto divertenti, difficilmente ci si annoia a completare le missioni principali dato la loro vasta varietà, inoltre in giro per Los Santos ci saranno diversi compiti secondari ad aspettarci, tra cui alcuni di questi ritroveremo una vecchia conoscenza, chi? Packie di Grand Theft Auto IV, che è arrivato a Los Santos ed è in cerca di soldi, proponendosi come membro e così poterlo scegliere durante i nostri colpi. Uno degli aspetti sorprendenti del gioco è che durante alcune missioni dovremo cambiare personaggio in tempo reale, per creare una sorta di collegamento cooperativo tra loro in modo da avanzare perfettamente nella missione. Un altro aspetto fondamentale e importante che è stato ben curato su questo quinto capitolo di Grand Theft Auto è sicuramente la pianificazione delle rapine, infatti prima di metterci a lavoro su un colpo dovremo studiare l’ambiente e in seguito recuperare l’occorente per la missione (Mezzi, Armi, Tute etc.), ma non solo, possiamo anche decidere come approcciare il Colpo, se in maniera diretta o in un modo più Stealth. La scelta dei compagni è importante, visto che più alta è la loro abilità e più basso sarà il rischio durante la missione, ma questo comporta una percentuale maggiore di divisione del guadagno totale, quindi bisogna scegliere con cautela i nostri compagni di crimine.

Screen4

Il Gameplay del gioco è veramente notevole, le animazioni dei personaggi, i veicoli sono ben curati e ben strutturati. Sfruttando la nuova Feature della visuale in prima persona godremo di una vista diversa quando saremo all’interno del veicolo, provando a guardare la radio vedremo la stazione che stiamo ascoltando, oppure, se il nostro vetro è lineato o graffiato dovremo guidare infastiditi da questa piccola scocciatura, comportando una maggiore attenzione alla guida. Andando dal famoso Ammun-Nation potremo personalizzare a nostro piacimento le nostre armi, aggiungendo caricatori – mirini e quant’altro per migliorare quanto possibile la nostra arma in base alle nostre esigenze, ed anche qui la visuale in prima persona gioca un ruolo importante, infatti i mirini saranno utili in quest’ultima visuale, visto che avremo una precisione maggiore contro i nostri nemici.

Screen2

Durante le sparatorie usando la visuale in prima persona, avremo una sensazione nuova, ne avvertiremo diverse, come se non stessimo giocando a un Grand Theft Auto, ma un gioco diverso, inoltre l’uso delle coperture risulta fondamentale se non si vuole morire con un paio di pallottole sul petto. Le ambientazioni risultano ancor più godibili con questa nuova veste grafica, non si avvertirà quasi per nulla che si tratta di un gioco della scorsa generazione, su questo punto di vista Rockstar ha saputo rimettere a nuovo completamente il suo titolo. Gli effetti sonori in giro per la città risultano di ottima fattura, tra Gangster che si danno del “Nigga” a vicenda e persone che litigano al cellulare per un motivo o un altro, la città e i suoi abitanti risultano sempre vivi e solari.

Screen3

Tra i contenuti aggiuntivi rispetto alla versione della generazione passata non troviamo missioni che alterano la trama oppure DLC esclusivi inerente al Multiplayer, quel che offre questa edizione sono: nuove armi, nuovi veicoli divisi tra moto e macchine e centocinquanta nuove canzoni da poter ascoltare nelle nuove stazioni radio mentre siamo alla guida di un veicolo, nuovi animali con l’aggiunta di nuove razze e in fine alcuni contenuti esclusivi per chi viene dalla versione della generazione passata.
Grand Theft Auto Online è così come lo ricordavamo, ricco di contenuti e divertimento, in questa versione Next-Gen troviamo tutti gli aggiornamenti fin ora usciti sulle console della scorsa generazione. Per chi non lo sapesse, iniziando Grand Theft Auto Online dovremo creare il nostro personaggio, ma si tratta di un editor che si basa sulla scelta del Padre e la Madre del nostro personaggio, mischiando i tratti dei due e in seguito poterli ridefinire attraverso l’editor. Una volta creati saremo catapultati in una Cut-Scene dove il nostro personaggio atterra a Los Santos e incontra una vecchia conoscenza, per chi ha giocato il Giocatore Singolo, stiamo parlando di Lamar. Ci guidera attraverso un “Tour” su Los Santos, regalandoci il primo ferro del mestiere, una pistola per difenderci. Una volta finito il Tour con Lamar, saremo catapultati in una gara Online, contro alcuni sfidanti controllati da altre persone che come noi stanno eseguendo il Tutorial. Durante la Lobby di gara potremo puntare qualche soldo sull’autista che secondo noi vincirà, potremo anche puntare su noi stessi se lo si vuole. Finita la Gara, Lamar ci darà altro lavoro da fare, fino a quando non finiremo le Quest di quest’ultimo. Una volta finito con Lamar saremo liberi di goderci Grand Theft Auto Online in tutta la nostra tranquillità, inoltre la visuale in prima persona sarà disponibile anche in quest’ultima modalità.

Screen7

Infine che dire su questo ritorno di Grand Theft Auto V? Sicuramente un ottimo trionfo per Rockstar e un ottima opportunità per far recuperare un titolo di alto calibro a chi non ha mai preso quest’ultimo capitolo della serie, le aggiunte sono consistenti e puntano per lo più sulla qualità e il divertimento, quindi possiamo dire che Grand Theft Auto V è stato promosso con voti alti da parte nostra, e che consigliamo assolutamente l’acquisto, principalmente a chi vuole un titolo ottimo e che impieghi parecchie ore, ma anche per chi vuole ritornare a Los Santos e sfruttare le nuove Feature di Rockstar.


Tags:, ,