Super Smash Bros for 3DS – Recensione

Super Smash Bros” è una tradizione, un appuntamento ormai consolidato e atteso ad ogni nuova generazione di console Nintendo. Qual è il segreto del suo charme? Perché i numerosi tentativi di emulazione (come ad esempio il discreto e recente tentativo Sony, “Playstation All-Star Battle”) non riescono a raggiungere lo stesso livello di qualità? Sarà per il roster di carismatici e simpatici personaggi, presi a piene mani dai franchise storici Nintendo, oppure le numerose modalità di gioco, single e multiplayer…oppure, semplicemente, è un buon titolo estremamente divertente? Tante domande, poche risposte, ma una sola certezza: nel caso in questione, “Super Smash Bros per 3DS” non interrompe la tradizione e riesce a consegnare ai posteri il primo titolo Smash per console portatile, mantenendo intatta la qualità e il divertimento e portando con se numerose aggiunte e migliorie.

Titolo: Super Smash Bros per 3DS
Sviluppatore: Sora Ltd., Bandai Namco Games
Publisher: Nintendo
Genere: Combattimento/Party Game
Piattaforma: 3DS
Giocatori: 1-4 con Multiplayer Online
Localizzazione: Italiano

BOTTE DA ORBI

Le basi del gioco sono le classiche che tutti gli appassionati di “Super Smash Bros” conoscono a menadito: in una normale partita in “Modalità Mischia” contro la CPU o altri sfidanti umani, fino ad un massimo di 4 giocatori, si dovrà scegliere un personaggio dal nutrito elenco selezionabile, dal quale non mancano gli storici Mario, Pikachu, Link e Samus, presenti fin dal primo capitolo della saga, oppure combattenti aggiunti più di recente, come il Pokémon Lucario e Sonic the Hedgehog, “concesso in prestito” da SEGA ai tempi di “Super Smash Bros Brawl”, di nuovo giocabile in questo sequel. Non mancano, naturalmente, le new entry come Shulk da “Xenoblade Chronicles“, fortunato RPG per console Nintendo Wii, il Trainer di Wii Fit (nelle versioni maschile e femminile) e Pac-Man, disponibile nel gioco grazie ad una esclusiva partnership con Bandai Namco, il quale ha aiutato nello sviluppo del titolo, fino ad un totale di oltre 40 personaggi giocabili.

Una volta scelto il proprio beniamino, bisognerà sfidare gli avversari in una lotta tutti contro tutti o in coppia, a seconda della modalità scelta; i lottatori non avranno una vera e propria barra della vita, ma un valore in percentuale che parte da zero, che si alzerà man mano che subiremo danni: più danni subiremo, più sarà facile essere scaraventati lontano dai colpi nemici, fino ai limiti dell’arena di gioco. Chi riuscirà a far volare gli avversari fuori dall’arena guadagnerà un punto e, ovviamente, chi ne possederà di più allo scadere del tempo, sarà il vincitore. Naturalmente questa è solo la più classica delle regole di gioco: volendo potremo optare per una sfida con un limite di vite, invece che di tempo, tutto con regole completamente personalizzabili, per creare le sfide che più ci divertiranno.

Durante i combattimenti, potrebbero fare la loro comparsa un’incredibile quantità di strumenti di varia natura, ognuno utilizzabile per dare una marcia in più ai vostri attacchi o per aiutarvi nelle situazioni più difficili. Non mancheranno gli attrezzi classici, già presenti nelle passate edizioni del gioco, come pistole e fucili laser per attacchi a lungo raggio, il Fiore di Fuoco di Super Mario per scaldare la situazione a distanza ravvicinata o il cibo per abbassare la vostra percentuale di danni. Ovviamente, un nuovo capitolo di “Super Smash Bros”, porta con se anche nuovi strumenti, come una serie di armi prese direttamente da “Kid Icarus Uprising”, titolo uscito tempo fa per 3DS, oppure l’infame Guscio Blu della serie di “Mario Kart“, che provocherà pesanti danni al giocatore in vantaggio.

Direttamente da Brawl, il capitolo “Super Smash Bros” per console Wii, fanno il loro gradito ritorno gli “Assistenti”, personaggi evocabili per un breve periodo, anch’essi provenienti da alcuni noti franchise Nintendo, che aiuteranno il giocatore in modi diversi, attaccando tutti i nemici o scombussolando la situazione per tutti indifferentemente; torna inoltre la “Sfera Smash” che, una volta raccolta, permetterà di utilizzare un formidabile e potentissimo attacco, creando l’occasione per liberarsi di più avversari in un colpo solo.

Come accennato prima, le regole degli scontri sono totalmente personalizzabili, per scontri brevi o lunghi, con la possibilità di disattivare tutti o parte degli strumenti che possono comparire in gioco, oppure semplicemente modificare la frequenza con il quale appariranno; tutto questo regala un alto livello di giocabilità, in quanto passerete molto tempo gozzovigliando tra le varie opzioni, per creare la partita più adatta alle vostre esigenze e quelle dei compagni con cui vi sfiderete. Questa, tuttavia, è solo la punta dell’immenso iceberg che è “Super Smash Bros per 3DS”.

2051694-632937_20130821_001

Il Trainer di Wii Fit e l’Abitante di Animal Crossing sono solo due dei nuovi personaggi introdotti nel gioco.

UNA MODALITÁ PER OGNI OCCASIONE

Oltre alla “Modalità Mischia” accennata all’inizio, è possibile giocare la “Modalità Classica”, da sempre presente nella serie Smash, che ci porterà ad affrontare una serie di lotte contro la CPU, fino ad arrivare al confronto finale con lo storico boss Master Hand. Questa modalità è arricchita da una libera scelta del livello di difficoltà, scommettendo un determinato numero di gettoni: più se ne punteranno, maggiore sarà la difficoltà degli scontri (ad un livello di sfida medio alto si avrà anche una piccola sorpresa durante l’ultima battaglia, ma non vi diciamo niente), ma si otterranno anche ricompense più generose alla fine di ogni incontro.

Grande assente in questa versione la Story Mode presente in “Super Smash Bros Brawl”, ovvero la Modalità “Emissario del Subspazio”, rimpiazzata però dalla “All-Stars Mode” e “Avventura Smash”: nella prima si dovranno affrontare tutti i singoli personaggi giocabili in gruppi, separati a seconda dell’anno di rilascio del loro gioco di provenienza, con limitate possibilità di curare la propria salute tra uno scontro e l’altro; la seconda invece, decisamente più corposa e interessante, ci vedrà catapultati in un immenso stage affollato di numerosi nemici, provenienti dai più disparati franchise Nintendo.

Dovremo esplorare questo gigantesco labirinto, scoprendo tesori e sconfiggendo i nemici entro un tempo limite; i nemici sconfitti rilasceranno dei potenziamenti che andranno a incrementare le nostre statistiche, come attacco, difesa, velocità e capacità di salto; allo scadere del tempo, tutti i giocatori si affronteranno in una lotta classica (oppure in un incontro a squadre o un diverso genere di competizione) , resa però ancora più intensa e imprevedibile, grazie alla marcia in più che i potenziamenti raccolti nel labirinto forniranno a tutti i combattenti: vedere un personaggio pesante come Bowser, scattare e saltare più agilmente di qualcuno come Fox, non è una cosa da prendere sottogamba. Peccato che il tempo da trascorrere all’interno del labirinto sia molto striminzito, poichè è una modalità che nasconde grande potenziale, ma non può essere pienamente apprezzabile in pochi minuti di gioco.

zlCfzR_Bgn0NCBTXTJ

Lo schermo inferiore del 3DS sarà la vostra finestra per tenere sott’occhio le percentuali di danno di ogni giocatore

NON SOLO BOTTE

Per prendersi una piccola pausa dalle battaglie, sarà possibile prendere parte a due minigiochi molto semplici, “Gara di Home-Run” e “Scoppiabersagli“: nel primo, dovremo riuscire a lanciare il più lontano possibile un sacco da allenamento, sfruttando lo stesso principio usato contro un normale avversario, ovvero, più danni gli procureremo, più distante sarà possibile scaraventarlo; nel secondo minigame, i giocatori avranno davanti una bomba, che esploderà 10 secondi dopo essere stata colpita: bisognerà in seguito scagliarla per distruggere blocchi e bersagli ed accumulare punti, calcolando quindi bene i tempi per l’esplosione e i danni collaterali che vi permetteranno di colpire più elementi. Nessuno di essi rappresenta un appuntamento imperdibile per i giocatori di Smash Bros, ma è pur sempre un piacevole passatempo.

Non mancheranno tonnellate di trofei da collezionare, ottenibili completando le varie modalità speciali e i minigames, oppure comprandoli nell’apposito negozio con i gettoni ottenibili durante la partita, oppure spendendo le monete di gioco della console 3DS. Come si può notare, ci sono moltissimi modi per divertirsi con “Super Smash Bros per 3DS”, le modalità sono tante, ricche e con un elevato tasso di rigiocabilità, grazie alla grande quantità di trofei e obiettivi sbloccabili.

Non solo questo, ad aumentare il valore del gameplay, avremo la possibilità di personalizzare le mosse e le caratteristiche di ogni singolo lottatore. Giocando, potremo sbloccare degli elementi, come armi, armature e accessori che, una volta equipaggiati su un personaggio, gli garantiranno nuovi e particolari effetti che altereranno in modo considerevole le sue statistiche: potremo optare per un equip che premia l’attacco al posto della difesa, per arrecare più danno agli avversari, anche a rischio di subirne di più noi stessi. Le mosse speciali inoltre potranno essere modificate, una volta acquisite giocando, per generare nuovi effetti mai visti prima, in alcuni casi, arrivando al punto da alterare in modo considerevole l’intero stile di gioco del personaggio. Il livello di personalizzazione è estremamente elevato e ciò rappresenta un grandissimo passo in avanti rispetto ai titoli precedenti.

gamemode2-4

Non prendete la modalità Avventura Smash sottogamba, i nemici compariranno da tutte le parti e vi attaccheranno senza tregua

GRANDE POTENZA, SPAZIO RIDOTTO

Fin dal suo annuncio ci è stato fatto intendere che “Super Smash Bros 3DS”, avrebbe spremuto le potenzialità hardware della console portatile fino al limite e, dopo averlo provato, non abbiamo nessun dubbio al riguardo. Il titolo appare graficamente ottimo, considerata la sua natura da titolo per dispositivo handheld: i modelli poligonali dei personaggi risultano molto ben realizzati, anche se non mancano alcuni compromessi che risulteranno molto evidenti ad un occhio critico, come textures poco definite in alcuni scenari e su certi personaggi ricchi di dettagli. Inoltre è evidente come portare un titolo del genere su una console dallo schermo ridotto, crei non pochi problemi nel momento in cui, per permettere a tutti i personaggi di essere visualizzati, l’eccessivo zoom out renda i lottatori microscopici, creando confusione per i rispettivi giocatori.

Il tutto comunque, gira ad una fluidità assolutamente impeccabile, con un frame rate saldamente ancorato a 60fps, solidi anche utilizzando l’effetto 3D. Al contrario, gli Assistenti evocati, gireranno a 30fps, bizzarro, ma niente di atroce. L’elevata qualità grafica è accompagnata da una grande varietà di musiche che accompagnano i nostri scontri, con famosi temi provenienti dai titoli Nintendo più blasonati, tutti ascoltabili in tranquillità in una sezione dedicata.

Integrata nel gioco anche la possibilità di scattare foto e salvare replay, per conservare i nostri migliori momenti di gioco. Peccato che, come Nintendo ci ha confermato, le esose richieste di potenza che “Super Smash Bros per 3DS” esige, costringe la console a disattivare alcuni software installati come Miiverse, rendendo impossibile la condivisione istantanea dei nostri screenshots. Un sacrificio comprensibile, che con molta probabilità sarà eliminato una volta che arriverà sul mercato la nuova e più potente console New Nintendo 3DS.

Rainbowraodsamaurosalinlumasf24r2daily

Come accennato, la grafica è di alto livello, ma occasionalmente alcuni scenari e dettagli del fondale vi lasceranno perplessi

UNO É POCO, QUATTRO SONO TROPPI

Alcune note dolenti si devono riscontrare, purtroppo, nella modalità multiplayer online. Per carità, sfidare giocatori in tutto il mondo è divertente come non mai e Nintendo è riuscita anche a venire incontro alle esigenze sia dei casual gamers che dei giocatori hardcore, dividendo le partite online in due macro categorie selezionabili, una per partite all’insegna del divertimento, dove è possibile sfidarsi con tutti gli strumenti disponibili e sfruttando le gimmick dei singoli stage e una per coloro che vogliono una sfida pulita, senza strumenti, su arene di gioco “pulite” (la classica Final Destination).

Purtroppo queste partite online sono minate da lag e rallentamenti al limite dell’ingiocabile, problema riscontrabile specialmente nelle mischie con 4 giocatori, un po’ meno negli scontri 1vs1. Questo piccolo ma sostanziale problema, corrode leggermente il divertimento che può generare un titolo dove la componente multigiocatore è così importante. Tra le modalità online disponibili, c’è anche la “Modalità Spettatore“, già presente in Brawl, dove assisterete senza possibilità di intervento alla partita di altri giocatori, scommettendo sulla vittoria di uno o di un team, vincendo una discreta somma nel caso di puntata vincente.

Super_Smash_Bros._screenshot_9

Giocare contro altri avversari online è un divertimento imperdibile…peccato per il lag

COMMENTI FINALI

Etichettare “Super Smash Bros 3DS” come semplice antipasto in attesa della versione Wii U, significherebbe sminuire il suo valore. Indubbiamente, la versione casalinga sarà qualitativamente migliore, graficamente parlando, con numerose modalità aggiuntive, ma anche questa edizione portatile possiede indubbie qualità. Avere la possibilità di giocare a questo titolo ovunque si voglia, è un piccolo miracolo che, ammettiamolo, non avremmo mai ritenuto possibile fino a poco fa. Gli unici difetti riscontrabili sono legati principalmente alla risoluzione dello schermo, troppo ridotta per consentire una visuale panoramica decente e un online estremamente ballerino, con picchi di rallentamenti e lag decisamente fastidiosi. Per i possessori di Nintendo 3DS rappresenta, comunque, un acquisto obbligato e una vera killer application che manterrà salda la sua posizione sulle vostre console per molto tempo.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.