Dance Central Spotlight – Recensione

Recensioni Videogiochi 1.0 Videogiochi

dance-central-spotlight-cover

E’ passato qualche anno da quando fece la sua apparizione il Kinect, e Harmonix lanciò Dance Central, titolo di riferimento per la periferica di movimento di casa Microsoft. Pochi altri giochi hanno saputo approfittare di questa tecnologia e Dance Central, sia in termini di prestazioni che di affidabilità è risultato uno dei titoli migliori per Kinect. Ora siamo entrati in una nuova generazione, e con Xbox One e Kinect 2, ancora una volta, Harmonix vuole definire lo standard. Andiamo a vedere se gli sforzi degli sviluppatori saranno stati ripagati.

Titolo: Dance Central Spotlight

Genere: Musica
Sviluppatore: Harmonix Music Systems, Inc.
Publisher: Microsoft
Piattaforme: Xbox ONE
Localizzazione: Totalmente in italiano
 02/09/2014

Dance Central Spotlight è disponibile sull’Xbox Games Store al costo di 9,99 euro, un prezzo budget che darà accesso al gioco base e ad una tracklist di 10 brani. Questo pacchetto di canzoni offre una discreta varietà tra i generi, e ritmi, da lenti a veloci, in grado di coinvolgere tutti gli appassionati del ballo, dai principianti ai professionisti. Ogni canzone ha poi, otto diverse routine che possono essere sbloccate, traducendosi così in 80 diversi “livelli”, che non suona male sulla carte, ma che scopriremo presto come questi numeri siano un po’ ingannevoli.

Per chi non conoscesse il gioco, si tratta di posizionarsi di fronte allo schermo, selezionare i brani dalla tracklist ed esibirsi direttamente seguendo le evoluzioni del ballerino sullo schermo. In basso a destra sarà visualizzato un piccolo riquadro che mostrerà la mossa successiva, dando modo al giocatore di prepararsi al nuovo passo di danza. Ogni mossa portata a termine aumenterà il punteggio complessivo.

Come nei precedenti titoli, non abbiamo una vera e propria storia, e ad essere onesti non è mai stato il fulcro di questo titolo, ma potremmo accedere fin da subito ai dieci brani disponibili, anche se non a tutte le routine. Inoltre possedendo un qualsiasi DLC appartenente ai giochi precedenti, quelle canzoni saranno subito disponibili, così come numerosi altri brani scaricabili a 1.99 euro ciascuno. Può sembrare un approccio alquanto maldestro, ma che abbiamo apprezzato molto, dandoci l’opportunità di creare una  tracklist personale, ma soprattutto che sia di nostro gusto, ed alla fine, molto probabilmente, spendere la cifra di un titolo retail (70 euro).

Questa la tracklist iniziale:

  1. #thatPOWER di will.i.am ft. Justin Bieber;
  2. Counting Stars di One Republic;
  3. Diamonds di Rihanna;
  4. Happy di Pharrell Williams;
  5. I Wish di Cher Lloyd;
  6. Royals di Lorde;
  7. Show Me di Kid Inc ft. Chris Brown;
  8. Talk Dirty di Jason Derulo ft. 2 Chainz;
  9. Titanium di David Guetta ft. Sia;
  10. Wake Me Up di Avicii ft. Aloe Blacc.

dance-central-spotlight_eyzdj.T640

Come abbiamo detto precedentemente, ogni singolo brano è composto da otto routine, ma solo una potrà essere giocata all’inizio. Le altre dovranno essere sbloccate superando in ordine le routine, piacevole per chi si avvicina per la prima volta al titolo Harmonix, ma non per i veterani di Dance Central, che si troveranno a dover affrontare le prime “noiose” routine prima di sbloccare quelle più divertenti. Ahimè, è qualcosa che deve essere fatto!

Mentre ci si potrebbe lamentare della scelta fatta da Harmonix, nel proporre all’utente un titolo “castrato”, non posiamo fare a meno di confermare come questo sia uno dei migliori giochi per Kinect 2.0. L’affidabilità e la rilevazione dei movimenti è eccellente, e questo si può notare durante il gioco. Non sarà infatti la mancata mossa di danza a dare l’errore o valutare il passo non perfetto, ma il gioco si accorgerà del movimento del corpo, magari segnalando la posizione errata di un braccio. Siamo rimasti veramente colpiti da questa precisione, che sicuramente aiuterà il giocatore nell’affinare i propri passi e migliorare.

Il gameplay è rimasto invariato rispetto ai predecessori anche se qui sono state eliminate alcune modalità, diminuito il roster e gli stage a disposizione. Abbiamo apprezzato però l’aggiunta della modalità Fitness, in cui potremo inserire le nostre caratteristiche fisiche ed eseguire un determinato programma, modificando la scelta della routine (se sbloccata precedentemente) e la lunghezza, da dieci a novanta minuti. Questo potrebbe essere uno dei punti di forza del titolo, rendendolo sia utile che divertente.

image

Commento finale

Dance Central Spotlight ci ha veramente spiazzati, se da un lato è uno tra i giochi più reattivi per Kinect che abbiamo mai giocato su Xbox One, con un rilevamento praticamente perfetto ed estremamente affidabile, dall’altra parte non c’è molto in termini di esperienza di gioco, come c’era stato nei precedenti titoli del franchise. Inoltre si è costretti a partire dalle routine iniziali per poter sbloccare quelle più avanzate, anche se la disponibilità dei DLC acquistati nei precedenti capitoli ci farà digerire meglio questo boccone amaro. Anche se non possiamo considerarlo uno dei migliori titoli della serie, è sicuramente uno dei migliori per quanto concerne la tecnologia Kinect. Il passaggio al digitale, assieme ad un prezzo ridotto e una tracklist base è stata sicuramente una grande scelta, dando la possibilità al giocatore di potersi costruire la propria colonna sonora secondo i gusti personali. Forse ci saremmo aspettati qualcosa di più in termini di sostanza.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up