SPECIALE E3 2012: La scelta degli editori

Featured Videogiochi

Siamo giunti alla conclusione… E come ogni anno, l’E3 ha riservato numerose sorprese e come sempre, ha alzato sensibilmente l’hype di coloro che si alimentano di pane e videogiochi.
La più importante conferenza sull’intrattenimento elettronico, contrariamente al parere degli esperti che vedevano la sua popolarità andare verso il baratro, ha ancora una volta stupito, con conferenze ricche di novità e prodotti, che, nonostante il periodo non proprio roseo, si sono mostrati all’altezza delle esigenze dei consumatori, almeno a primo impatto.
Con la collaborazione di e3expo.com e GameSpot, ecco gli esiti di un sondaggio condotto, sui titoli che più hanno colpito durante l’Electronic Entertainment Expo 2012, in quel di Santa Monica, Los Angeles.
Pronti… Via!

 

1. THE LAST OF US 

L’action game post-apocalittico di Naughty Dog, è stato mostrato in maniera spettacolare a questo E3. I protagonisti Joel e Ellie, non hanno combattuto contro zombie infetti, come ci si aspettava, ma con degli opportunisti e ben armate gang di sopravvissuti. Le animazioni erano fluide, gli ambienti curati e i combattimenti brutali e realistici.
Ma ciò che ha maggiormente impressionato è stata l’IA.

Questa non è impresa da poco, dato che abbiamo avuto modo di vedere le facce dei personaggi cambiare fisionomia a seguito di impatti contro oggetti contundenti. Ma l’IA è talmente sviluppata, quasi da far apparire le loro reazioni come script. Joel ed Ellie, saranno a stretto contatto, scambieranno opinioni ed i nemici si comporteranno in maniera differente a seconda dell’arma che stiamo imbracciando, e nel caso in cui le munizioni termineranno, Ellie rapidamente si cimenterà nel trovarne delle altre. La prova con Joel è stata molto soddisfacente, ma non possiamo fare altro che aspettare l’anno prossimo, cioè quando The Last Of Us verrà rilasciato.


2. LEGO CITY UNDERCOVER

Lego city undercover, è stato una delle sorprese più piacevoli di questo E3.
Rivelato durante la conferenza Nintendo, come una esclusiva Wii-U, ha mostrato tutto il fascino del marchio Lego, ma in un contesto ancora più ampio, mai visto prima, tanto da poterlo chiamare “Grand Theft Lego”.

Il controller del Wii-U, porta il videogiocatore in una nuova dimensione, infatti potrà essere utilizzato come una comoda mappa dinamica, un dispositivo di comunicazione, e come in Batman, come uno scanner termico utile a rintracciare i cattivi.

Il gioco è un open-world, ispirato alla linea di giocattoli Lego-città, e racconta la storia di Undercover Cop Chase McCain, mentre rintraccia i cattivi e risolve crimini.
Come in ogni rispettabile gioco open-world in stile GTA, Undercover comprende l’esplorazione ed il combattimento in diversi modi: a piedi, in auto e persino in elicottero. E tramite quest’ultimo è possibile notare la grande estensione della città Lego. Sicuramente è una delle stelle che più hanno brillato durante l’E3 di quest’anno.


3. PIKMIN 3 

I Pikmin sono carini. Questo non è solo giudizio, ma un dato di fatto. Ma Pikmin va oltre… Pikmin è quel franchise che ha portato l’azione in tempo reale dei giochi di strategia da PC, su console. Concentrato sul posizionamento e sulla manovra del nostro esercito in miniatura, Pikmin è un gioco che si basa sulla prontezza dei riflessi e sulla strategia intelligente.

Nintendo non ha voluto discostare Pikmin 3, dai suoi predecessori, soprattutto perché sono passati 8 anni dall’ultima volta che Olimar ha controllato i suoi amici vegetali, e ora è tornato il momento di raccogliere ancora i rifiuti per salvare ancora il mondo.
Inoltre, Nintendo ha mostrato come l’esperienza in singolo possa essere impegnativa come giusto che sia, ma con Pikmin 2 ha mostrato che anche il gioco competitivo ha il suo fascino, quindi siamo entusiasti della possibilità di mettere in scena un’altra piccola-grande guerra contro un altro giocatore.

Pikmin fino ad ora, è la più eccitante esclusiva Wii-U, in questo show affollato.


4. ASSASSIN’S CREED III 

Battaglie navali! Asce, con la testa a forma di logo degli Assassini! Alberi! Archi e frecce! La caccia agli animali selvatici!
Assassin’s Creed III, ha avuto uno show spettacolare durante l’E3, riscuotendo enorme successo sul palco dell’E3, e impressionando tutti con la sua grandezza e la sua eleganza, su tutte le piattaforme, inclusa wii-U.

La storia di Connor Kenway, consiste nel tentativo di distruggere i Templari tra i tumulti della rivoluzione americana. E questa sembra destinata ad essere una delle produzioni più maestose dell’anno, che esplora tematiche storiche poco Sfruttare nei videogiochi, eccetto per i giochi di strategia per PC.
Assassin’s Creed III, è molto più che la solita minestra con il solito protagonista tra gli alberi… Ubisoft sta davvero spingendo in avanti il franchise, e si sta evolvendo oltre le idee che avevamo visto durante le ultime incarnazioni di Ezio. Specialmente Revelations, ha spostato i propri lidi sull’azione-RPG, e ciò che abbiamo visto in Assassin’s Creed III, sembra un ulteriore evoluzione in questo settore, con quest secondarie proposte da alcuni casuali passanti.


5. HALO 4

Quante volte un sequel in una serie campione d’incassi riesce a colpire il punto debole, conservando gli elementi che hanno reso i suoi predecessori tanto amati e contemporaneamente prendere le cose in una direzione nuova e coraggiosa?
Se la proiezione in occasione dell’E3 è un’assaggio di ciò che sarà il prodotto finito, Halo 4, potrebbe fare parte della categoria di titoli che rispondono alla sopracitata domanda.

Master Chief sembra essere lo stesso eroe coraggioso che conosciamo, ma il pianeta Requiem è diverso da qualsiasi mondo, in cui la serie ci ha portato prima. E’ abitato da nuovi intriganti nemici chiamati Prometheans, che hanno abilità diverse rispetto ai nemici affrontati in precedenza da Master Chief. Nel frattempo Cortana si sta deteriorando, uno sviluppo della trama che avrà sicuramente un impatto significativo su quello che è sempre stato un rapporto sobrio nella saga di Halo.

Con la modalità Spartan Ops a episodi ed il gioco competitivo che mira a bilanciare la personalizzazione con la sensazione costante della serie, Halo 4 sembra essere una miscela formidabile di vecchio e nuovo in singolo, così come in multiplayer. Halo 4, sembra essere l’inizio di una nuova era, per uno dei franchise di maggiore successo degli ultimi 10 anni.


6. STAR WARS 1313

Star Wars 1313 mette subito in chiaro una cosa – la prossima generazione di videogiochi è qui.
La demo è risultata visivamente spettacolare, con scorci di illuminazione, animazioni ed altri effetti di alta qualità cinematografica che non sono possibili su hardware corrente. Anche il più piccolo dei dettagli, come il fuoco blaster, le texture delle navi, e le cascate di luce in fondo ai personaggi sono tutti elementi impressionanti di una demo incredibilmente memorabile.

Ma ancora più imporante in questa demo dell’E3 2012 è che, la totalità della software house Lucasfilm ha pesantemente investito nello sviluppo di un gioco griffato Star Wars. Questo è evidentemente visibile nell’aspetto tecnico del gioco, ma anche nell’interazione tra la coppia di cacciatori di taglie, il loro dialogo e l’impostazione generale che ci da grandi speranze sulla storia, ma anche sul gameplay sparatutto in terza persona.

Se non altro non ci sono segni di Jedi, la forza non esiste sotto la superficie Cruscant al livello 1313. E francamente dopo aver testato la demo, non ci mancano affatto.

7. RAYMAN LEGENDS

Presentato lunedì, durante il primo girno dell’E3 2012, Rayman Legends ha stupito un pò tutti, soprattutto quando due persone sono salite sul palco per giocare un livello di Rayman Legends su Wii U.

Dato che Rayman Origins aveva impostati i controlli touchscreen nella versione PSVita, non c’è da sorprendersi che il tocco sul tablet di Wii U, funzioni dannatamente bene.
L’unica preoccupazione è che un gioco così veloce può venir meno, nel caso in cui avessimo bisogno di interagire con qualcosa.

In caso contrario Rayman Legends, sembra essere molto simile a Rayman Origins.
In aggiunta a ciò, la versione Wii U, si presenta meglio delle versioni Xbox 360 e PS3.


8. DISHONORED

Il Lead Artist di Dishonored ha lavorato su Half-Life 2, e questo si vede. La città di Dunwall ha sfumature che ricordano la city 17, ma con un’inclinazione steampunk. Ma se l’impostazione può ricordare Half-Life, il gameplay è più vicino a Deus Ex.
Possiamo raggiungere il nostro obiettivo tramite la finestra, la porta o il tetto. Ma in questo universo alternativo le regole non stanno così strette.

Ma la furtività non è l’unica opzione. Si può andare a tutto campo con le armi che desideriamo. Possiamo utilizzare una balestra, una pistola o tagliare il collo con un pugnale. Teletrasporto, trappole… Possiamo farlo come vogliamo e farlo con stile.

Oppure potremo intraprendere la campagna senza uccidere nessuno. Il potere di scelta in Dishonored sembra essere estremamente flessibile, così come il suo gameplay.


9. WATCH DOGS

L’E3 2012, ha un mare sequel/reboot… Ma non è completamente priva di idee originali.

Ringraziamo il cielo per Watch Dogs.

Il titolo open world, è a cura di UbiSoft, e come se non bastasse si avvale di idee estremamente intriganti. In un’epoca in cui le aziende private possono intromettersi sulla vostra identità, è possibile utilizzare un dispositivo portatile per determinare le informazioni vitali di una persona a colpo d’occhio.
Sieropositività, predisposizione alla violenza, fedina penale: possiamo vedere queste informazioni con un semplice sguardo.
Inoltre possiamo incidere sulle apparecchiature elettroniche, spegnendo le luci, disturbare le comunicazioni, interrompere i segnali stradali con la semplice pressione di un pulsante.

La demo di UbiSoft si muoveva ad un ritmo naturale, che ha permesso al gioco di creare tensione. Azione che è culminata con un incidente stradale ed una sparatoria. Ancora non è chiaro quale delle azioni siano a cura del videogiocatore, oppure dei semplici script.
Ma ciò che è certo è che Watch Dogs, è uno dei giochi più intriganti dell’E3 2012.

10. BEYOND: TWO SOULS

Una giovane ragazza, fissa la videocamera.
Il suo viso, poroso, sudato, con una vistosa cicatrice, è ben realizzato.
La sua espressione è di sfida.
Sente le domande rivolta a lei da un agente di polizia, ma non risponde…
La ragazza sta nascondendo qualcosa.

Beyond: Two Souls, la nuova IP di Quantic Dream, creatori di Heavy Rain, sta cercando di coinvolgere il suo pubblico ad un livello che raramente abbiamo visto in titoli AAA.
Con le sue immagini impressionanti, l’attenzione ai dettagli, esploreremo la storia di Jodie, una ragazza il cui legame con il mondo dei morti, l’ha resa un latitante.

Nonostante i pochi footage di gameplay, è un titolo che incorpora azione e puzzle solving, ma possiamo dire che i giocatori potranno interagire in modi diversi con i personaggi e gli ambienti.


11. SPLINTER CELL BLACKLIST

Splinter Cell Blacklist è visivamente sorprendente ma quello che spicca è la coreografia mozzafiato che conferisce al gioco una qualità visiva che è stata chiaramente influenzata dalla fluidità e l’eleganza di Assassin ‘s Creed.

Blacklist spinge ai limiti il gameplay del genere action/stealth.
Le nuove capacità come “Uccidere in movimento” e “Sprint attivo”, danno la capacità a Sam di eliminare i bersagli in modo fluido, attraversare il terreno di battaglia e sfuggire rapidamente al pericolo.
Questo permette ai giocatori di eseguire una missione nei modi che preferiscono: fantasma stealth, assassino stalker o fulminante eroe d’azione. Il gameplay estremamente flessibile consente ai giocatori di pianificare tattiche accurate, ma anche di cambiare strategia al volo.

Sam può eliminare grandi gruppi di nemici in modo lineare.
Infatti è stata mostrata una sequenza di dieci secondi dove Sam ha messo ko cinque nemici in una rapida sequenza di dieci secondi, rendendola mozzafiato e soddisfacente.

Inoltre, per i fan del multiplayer ritorna Spie vs. Mercs, dopo la sua assenza in Splinter Cell: Conviction.
Tutti questi nuovi dettagli, non hanno fatto altro che stimolare ulteriormente i nostri appetiti.

12. RESIDENT EVIL 6

Tanto atteso è stato il ritorno di Resident Evil, dopo un quinto capitolo, si ottimo, ma dall’impronta più action.
Ebbene, i fan storici della saga, si mettano l’anima in pace, poiché nonostante questo Resident Evil 6, riprenda alcuni capisaldi dei primi episodi
(ambienti tetri e zombie affamati), rimane a conti fatti un action/horror.

Nonostante ci sia palesemente ancora un ampio margine di miglioramento, è innegabile come la prova di Resident Evil 6 a cui abbiamo assistito, ci ha lasciati piacevolmente sorpresi, con diversi miglioramenti a livello di gameplay come un sistema di copertura dinamico e la possibilità di schivare gli assalti nemici.

Il ritmo di gioco è elevatissimo, nella sequenza mostrata, infatti abbiamo visto Leon Kennedy fare piazza pulita di numerosi non-morti prima con la pistola successivamente con una granata, senza contare un comparto tecnico già adesso a buoni livelli.

Nonostante non è stato menzionato alcun dettaglio sul multiplayer, possiamo affermare che con la dovuta perizia e abnegazione Capcom possa sfornare il capitolo più interessante della saga… Ma bisogna prestare molta attenzione, poiché si tratta comunque di un capitolo di transito, e questo rende il gioco estremamente vulnerabile.

Videogiocatore vecchio stile (predilige il singleplayer alle modalità online), si avvicina ai videogame alla tenera età di 9 anni con Resident Evil e Metal Gear Solid, divenendone immediatamente stregato.
Amante del rock e del metal (o della buona musica in generale), la notte diventa il Cavaliere Oscuro, a patto che sia quello scritto e diretto da Christopher Nolan (e non quello di Tim Burton o l’aborto di Joel Schumacher).
Del regista britannico è un grande sostenitore, mentre la sua vita è costantemente accompagnata dalle musiche di Hans Zimmer.
Ama i gatti e i cani.

3 Commenti

  1. a me hanno deluso resident evil e splinter cell non perchè sono brutti ,anzi sono degli ottimi action che penso di prendere ,ma perchè ormai appartengono ad un altro genere , resident evil 6 non fa paura e splinter cell non sembra per niente uno stealth ma uno shooter in terza persona ,per gli stessi motivi di resident evil mi ha deluso dead space 3 e anche crysis 3 non sembra aver risolto i problemi del secondo capitolo.Un titolo che ha confermato tutte le aspettative è borderlands 2 che secondo me sarà un titolone e uno dei migliori del 2012

    Rispondi
  2. Sinceramente questo E3 è stato molto spettacolare secondo me…
    Non c’è un titolo che mi ha particolarmente deluso.
    A me sono piaciuti Assassin’s Creed III, Far Cry 3, Tomb Raider, Watch Dogs, Sleeping Dogs, Beyond Two Souls e The Last Of Us.
    Mentre Resident Evil 6 e Splinter Cell Blacklist, devono ancora dimostrare tutto (le potenzialità ci sono, ma sono giochi che vanno testati con mano).
    Mentre ci sono titoli che mi potrebbero piacevolmente sorprendere come: Halo 4, Forza Horizon, Dishonored e DmC: Devil May Cry
    L’unico gioco che veramente mi è passato inosservato per la sua inutilità è stato God Of War Ascension.

    Rispondi
  3. ottimo articolo! i giochi che mi hanno colpito di più all’e3 sono sicuramente halo 4, tomb raider,assassin’s creed 3,rayman legends e far cry 4 ,mentre mi hanno deluso tantissimo splinter cell e resident evil 6

    Rispondi

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up