Counting Crows: è uscito il nuovo atteso album “Somewhere Under Wonderland”

Featured Musica

È disponibile da in digitale e in tutti i negozi di dischi “Somewhere Under Wonderland“, il nuovo album dei Counting Crows, la band che dal primo album del 1993 ha venduto oltre 20 milioni di copie nel mondo.

Il disco, che ha debuttato alla posizione n.6 della classifica americana, ha ottenuto commenti entusiastici negli Stati Uniti dove la critica musicale lo ha definito come “il migliore disco della band”.

Anticipato dai brani “Scarecrow” (https://vevo.ly/vqMehV) e Palisades Park” (https://youtu.be/8-tFkOBU1BQ)  il settimo lavoro del gruppo formato da Adam Duritz (voce), Jim Bogios (batteria), David Bryson (chitarra), Charlie Gillingham (piano), David Immergluck (chitarra), Millard Powers (basso) e Dan Vickrey (chitarra) racchiude 9 brani inediti (11 nella versione deluxe)

Questa la tracklist del disco: “Palisades Park”, “Earthquake Driver”, “Dislocation”, “God Of Ocean Tides”, “Scarecrow”, “Elvis Went To Hollywood”, “Cover Up The Sun”, “John Appleseed’s Lament”, “Possibility Days”. A cui si aggiungono nella versione deluxe i demo di “Earthquake Driver” e “Scarecrow”.

La cover del cd è stata creata dal pittore e artista contemporaneo Felipe Molina appositamente per questo nuovo progetto dei Counting Crows.

Conosciuti per la creatività e i live sempre innovativi, caratteristiche che hanno permesso al gruppo di rimanere in vetta per oltre 20 anni vendendo 20 milioni di dischi nel mondo, i COUNTING CROWS sono appena partiti per un tour mondiale che dopo le prime date in Nord America sbarcherà in Europa a novembre.

Dopo Birmingham, Glasgow, Newcastle, Leeds, Manchester, Leicester, Londra, Parigi, Amsterdam, Colonia, Brussels, Berlino e Monaco, la band arriverà anche in Italia per due imperdibili concerti: il 22 novembre al Gran Teatro GEOX di Padova e il 23 novembre all’Alactraz di Milano. Per informazioni www.barleyarts.it.

“Somewhere Under Wonderland,”  il primo album con materiale inedito in 6 anni, è forse  il miglior disco della band dal debutto nel 1993 con “August and Everything After”, con una manciata di canzoni (tra cui l’innovativa traccia che apre il disco “Palisades Park” e la ballad “God of Ocean Tides”) che si classificano tra le migliori del gruppo”. Washington Post

“Un album incredibile e pieno di significato che suona rock ma ha anche molti momenti di intimità”  AbsolutePunk.net

“Un senso di rinnovamento permea  “Somewhere Under Wonderland,” […] Tra le canzoni “Underwater Sunshine” guida una raffica di creatività che aiuta a ridisegnare l’approccio della band.  In nessun altro posto si può trovare un approccio così personale di Duritz come in queste nuove canzoni”  Seattle Times

“la band ha trovato quel giusto equilibrio tra una chiara direzione musicale, una varietà di suoni colorati e emozionalmente ricchi che combinano stili del passato, il sapore di “Underwater Sunshine” e lo spirito spontaneo delle loro performance live” Consequence of Sound

“Adam Duritz e la sua band sono tornati con uno dei loro lavori più forti”  USA Today

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up