En duva satt pa en gren och funderade pa tillvaron (A pigeon sat on a branch reflecting on existence) – Recensione

Cinema La Biennale di Venezia Recensioni Cinema 1.0

Sam e Jonathan sono due venditori ambulanti di travestimenti e articoli per feste. Il loro girovagare li porterà a conoscere la vita tramite una serie di incontri dal tono più o meno serio, di fronte alla bellezza di alcuni momenti e la tristezza di altri, gioia e dolore, umorismo e tragicità che animano la vita di tutti noi.

PIGEON

En duva satt pa en gren och funderade pa tillvaron (A pigeon sat on a branch reflecting on existence) è una commedia amara indecifrabile tanto quanto il suo titolo, fatta di momenti e di impressioni, di immagini forti e di poche parole. Di fronte a scene umoristiche viene sempre contrapposto un tono cupo, misterioso. I personaggi coinvolti continuano a ripetere di essere contenti che a loro vada tutto bene, quando probabilmente non va tutto bene né a loro né ai loro interlocutori. E’ una vita ingiusta, quella dei due erranti protagonisti, e malgrado ciò Roy Andersson è in grado di riportarci tutto ciò con un’introspettiva serena e piacevole.

Nei due protagonisti ritroviamo un dualismo che ha profondi echi nel passato; viene infatti riproposto il vincente binomio tra un compagno più sveglio e realista ed un altro più imbranato, sbadato e sognatore. Le loro avventure spaziano attraverso situazioni completamente differenti, talvolta anacronistiche ed inspiegabili, in un mondo che sembra essere sospeso tra il ripetuto bianco di ogni parete di scena e le incontestualizzabili truppe reali di Carlo XII che partono per combattere una guerra sconosciuta. E’ un mondo fermo, quasi una natura morta che Sam (Nils Westblom) e Jonathan (Holger Andersson) contemplano con un certo distacco e una peculiare impotenza. Il loro modesto ruolo di venditori ambulanti permette loro di essere solo dei taciturni osservatori di una realtà semplice ma eterea, fatta di piccole cose, da immagini forti e canzoni popolari.

Andersson ci consegna dunque una pellicola particolare, fatta di una continua tensione tra banale ed essenziale, tra immobilismo e dinamismo. Emerge l’idea di un mondo colto in un’istantanea del suo declino, senza per questo voler tracciare alcuna linea di pensiero o teoria al riguardo, ma lasciando lo spettatore di fronte a delle potenti e significative esperienze di vita.

Scheda film

Titolo: En duva satt pa en gren och funderade pa tillvaron (A pigeon sat on a branch reflecting on existence)
Regia: Roy Andersson
Sceneggiatura: Roy Andersson
Cast : Holger Andersson, Nils Westblom, Charlotta Larsson, Viktor Gylienberg, Lotti Tomros
Genere: Commedia, Drammatico
Durata: 101′
Produzione: Roy Andersson Filmproduktion, 4 1/2 Fiksjon, Parisienne de Production, Essential Filmproduktion
Distribuzione:
Nazione: Svezia, Germania, Norvegia, Francia
Uscita: –

Critico cinematografico, giurista e speaker. Classe '94, nato insieme a Dookie, Forrest Gump, Pulp Fiction e Le Ali della Libertà, ma con il cuore a Juno.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up