Risen_3_titan_lords

Titolo: Risen 3: Titan Lords
Genere: RPG
Data di uscita italiana: 15 agosto 2014
Sviluppatore: Piranha Bytes
Publisher: Deep Silver
Piattaforme: PC, Xbox 360, PlayStation 3
Localizzazione: Audio inglese, testi in italiano

Risen 2: Dark Water fu un coraggioso tentativo da parte di Piranha Bytes di rinnovare la sua serie, abbandonando il fantasy medievale e proponendo il tema piratesco legato alle leggende dei mari. L’esperimento riuscì solo in parte, e con Risen 3: Titan Lords gli sviluppatori hanno deciso di tornare sui loro passi, optando per un mix tra le ambientazioni piratesche ed elementi da fantasy tradizionale: scopriamo se il risultato è stato in grado di convincerci.

1400948356-17

La trama riprende da dove si era conclusa quella del precedente episodio, ma questa volta il protagonista del gioco sarà il figlio del leggendario pirata Barba D’Argento, e insieme a nostra sorella Patty (già incontrata in Risen 2) nel prologo del gioco sbarcheremo nella Baia dei Granchi alla ricerca di un grande tesoro. Le cose però non vanno come previsto, e attaccati da un mostro verremo uccisi e la nostra anima rubata. Riportati in vita dal negromante vudù Bones inizierà così la nostra avventura per recuperare l’anima perduta, ma ben presto scopriremo che il nostro destino è quello di fermare la minaccia dei Titani.

Il nostro personaggio non sarà vincolato da specifiche classi come nella maggior parte degli RPG, né potrà essere personalizzato nel sesso e nell’aspetto, se non con i differenti capi d’abbigliamento.

Inoltre, a differenza del precedente episodio, le varie statistiche come Forza, Destrezza, Mira etc. non saranno potenziabili tramite i punti Gloria fino ad un massimo di 10, ma il level cap è stato alzato a 100 con step da 5 punti, garantendo così uno sviluppo del personaggio più libero e in grado di rispecchiare maggiormente lo stile che decidiamo di approcciare.

Il gameplay riprende in gran parte quello di Risen 2, con un tasto dedicato alle armi bianche che, se premuto con in sequenza con il giusto tempismo, può creare delle brevi combo da tre colpi con potenza crescente con la possibilità di essere intervallati dalle armi da fuoco attivabili con il dorsale sinistro del pad. Fondamentale inoltre sarà la schivata, grazie alla quale si potrà evitare gran parte dei danni: questa mossa però si rivela fin troppo utile essendo svincolata da indicatori di stamina, così che la tecnica “mordi e fuggi” si dimostra essere la più efficace in quasi ogni situazione.

Torna infine l’uso di magie tramite cristalli e pergamene che si consumano dopo l’utilizzo, ma unendosi ad una delle tre Gilde presenti (altro gradito ritorno dal primo Risen) è possibile imparare anche alcuni incantesimi elementali permanenti.

1400947906-1

Come da tradizione per la serie avremo piena libertà di esplorazione, senza vincoli sull’ordine in cui seguire le missioni della trama principale e le numerose quest secondarie.

Le 7 isole che compongono la mappa di gioco hanno dimensioni piuttosto generose e possono essere raggiunte grazie al nostro galeone, inoltre nei vari centri abitati possiamo interagire con praticamente tutti i personaggi che incontriamo, molti dei quali ci affideranno missioni opzionali. Alcune potranno essere attivate anche selezionando le varie scelte durante i dialoghi, per cui approfondire alcuni argomenti può rivelarsi, oltre che interessante, anche utile per scoprire incarichi secondari.

Dal punto di vista tecnico purtroppo il gioco mostra il suo lato più debole, e anche se si tratta di un passo avanti rispetto al precedente capitolo trattandosi di un titolo uscito a fine generazione e con le nuove console già sul mercato risulta decisamente insufficiente, con texture di bassa qualità e soprattutto aliasing e tearing a non finire, oltre ad occasionali cali di frame rate o piccoli blocchi in caso di caricamento a schermo.

Su PC, piattaforma per il quale Risen 3: Titan Lords è stato pensato, la situazione è decisamente migliore, anche se di certo non si grida al miracolo.

1400947917-9

COMMENTO FINALE

Risen 3: Titan Lords risolleva in parte le sorti della saga, con una trama appassionante e che mescola bene scenari pirateschi ed elementi fantasy classici, proponendo inoltre un buon sistema di progressione del personaggio e una gran quantità di quest secondarie che portano la longevità del gioco ad oltre 50 ore. Peccato solo per un comparto tecnico decisamente datato, oltre che un gameplay buono ma che non convince del tutto, complici anche le legnose animazioni. Da tenere in considerazione se si cerca un’avventura RPG di vecchio stile in attesa dei grandi titoli che usciranno nel periodo autunno/inverno.

I videogiochi non sono solo una passatempo per Andrea: da anni ormai scrive su riviste e siti specializzati, trasformando così la passione in lavoro. Ha una ossessione al limite del maniacale per Batman, Star Wars e il collezionismo di statue e collector’s edition di videogiochi, tanto che la madre ancora si chiede perché semplicemente non si droghi come tutti i ragazzi della sua età… di sicuro spendeva di meno.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up