Colpa delle Stelle – Recensione dell’Anteprima Italiana

Cinema Giffoni Film Festival Recensioni Cinema 1.0

Presentato in anteprima nazionale alla 44° edizione del Giffoni Film Festival, Colpa delle stelle è l’adattamento cinematografico dell’omonimo bestseller di John Green (oltre 9 milioni di copie in USA). Il film è reduce dal grande successo negli Stati Uniti dove, nel suo primo week-end di programmazione, si è piazzato al primo posto del box office con un incasso di oltre 48 milioni di dollari. Il film uscirà nelle sale italiane nel mese di Settembre e sarà distribuito dalla 20th Century Fox.


La pellicola racconta la storia d’amore tra Hazel (Shailene Woodley) e Gus (Ansel Elgort), due adolescenti che si incontrano all’interno di un gruppo di sostegno per malati di cancro. Uniti da una passione travolgente, i due cercano di combattere le difficoltà di un’esistenza in cui tutto può cambiare da un momento all’altro, con il destino sempre pronto a giocare brutti scherzi.

Dove c’è speranza c’è vita”: è questa la frase di lancio di Colpa delle stelle, un film che riesce a mettere in risalto gli aspetti positivi di un tema scottante come quello del cancro. La pellicola è sorprendentemente leggera e i personaggi caricati di un sano ottimismo, nonostante le difficoltà della loro condizione esistenziale. Un film dalla doppia identità che  cerca di evidenziare  – quanto più possibile –  gli aspetti positivi del dramma, trasmettendo un messaggio buonista che, per gran parte, funziona alla perfezione. La storia d’amore tra i due protagonisti viene raccontata con un linguaggio a se stante, suscitando partecipazione e coinvolgimento, anche tramite buone intuizioni di tipo tecnico (sms ed email evidenziate sullo schermo con sovraimpressione). Il film intrattiene, dimostrandosi capace di saper affrontare in modo intelligente il dramma dei protagonisti, soprattutto legati da una speranza che si manifesta in modo puro, mai eccessivo. La vicenda trova linfa vitale nella speranza di un sogno, nei desideri che solo con la forza di volontà possono diventare reali. Colpa delle stelle mette in risalto il tema del tempo perduto, dell’esigua fetta di eternità che ognuno di noi trascorre su questo pianeta.

La regia di Josh Boone accompagna in modo fluido la vicenda, mantenendo il focus costantemente sui due protagonisti. La scelta di un tono leggero si rivela una carta vincente, e l’autore si dimostra particolarmente abile nel definire un linguaggio vicino al pubblico più giovane. Le inquadrature sono rapide, con steadycam e carrellate, ed il ritmo è quello di un film adolescenziale, in cui però emergono i valori drammatici. Seguendo il canovaccio narrativo, Josh Boone inseriesce inquadrature realizzate mediante la macchina a mano nei momenti di maggior tensione drammatica, dimostrando un’ottima gestione della costruzione scenica. La voce narrante fuori campo della protagonista conferisce al film una buona compattezza, sia nella forma che nella sostanza, aiutando il montaggio di Robb Sullivan a gestire al meglio la situazione.

Lo script di Scott Neustadter e Michael H. Weber riesce a catturare lo spettatore per buona parte del film, colpendo nel segno per la sua incredibile freschezza e lucidità. Nella seconda parte, però, qualcosa si perde, e la pellicola diventa eccessivamente melensa, smarrendo un po’ di quella brillantezza iniziale che lo aveva reso accattivante. I sentimenti vengono fuori e il dramma emerge spazzando via l’originalità di una vicenda che cade, purtroppo, in una messa in scena ridondante e in una serie di clichè che stonano con l’impianto di partenza. Le note positive comunque rimangono, e tra queste si segnala la straordinaria prova recitativa della ventitreenne Shailene Woodley – nei panni di Hazel Grace Lancaster -, già candidata al Golden Globe nel 2012 per il ruolo in Paradiso amaro. Colpa delle stelle è un film che vive di momenti, che lancia un messaggio positivo e trasmette un senso di appartenenza raro nel cinema contemporaneo. Peccato per il poco graffiante epilogo, ma a volte bisogna arrendersi alle regole dettate dal mercato.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=V1TT4otTTH8]

Scheda del film

Titolo: Colpa delle stelle (The Fault in Our Stars)
Regia: Josh Boone
Cast: Shailene Woodley, Ansel Elgort, Willem Dafoe, Laura Dern, Nat Wolff, Lotte Verbeek, Sam Trammell, Emily Peachey, Milica Govich, Allegra Carpenter, David Whalen
Genere: Drammatico
Durata: 125′
Produzione: Temple Hill Entertainment
Distribuzione: 20th Century Fox
Nazione:USA
Uscita: 04/09/2014

Nato nel 1985, sin da piccolo si è sentito attratto dal mondo delle arti: il cinema, la pittura e la musica. Tra una partita a calcetto e una pizza con gli amici, a poco a poco si lascia rapire da esse ed inizia a studiarle a fondo. Chitarrista provetto e discreto ritrattista, nel 2005 si diploma al Liceo Artistico C.Levi di Eboli (SA) ma capisce presto che il suo campo preferito è quello cinematografico, e non lo abbandona più. Passa gran parte dell’adolescenza a guardare centinaia di film e ad approfondire la storia della settima arte. Nel 2013 si laurea all’Università degli studi di Salerno al Da.Vi.Mus. (Discipline delle arti visive, della musica e dello spettacolo) e inizia a collaborare con svariati portali online – Iovo.it, SupergaCinema.it, Cinefilos.it – dove scrive, recensisce e si occupa della sezione cinema. Egli si ritiene un appassionato non un fervido critico, lavora tuttora sodo per ampliare le sue conoscenze. All’inizio del 2014 entra a far parte dell’associazione culturale di Eboli, la sua città natale, con cui inizia ad organizzare eventi. Nel gennaio 2014 diventa direttore artistico della prima edizione di “CineProspettive”, una rassegna cinematografica che ottiene un buon successo. E’ alla ricerca costante di nuove sfide, di obiettivi da raggiungere. Oltre a scrivere recensioni e news, gli piace viaggiare, ascoltare la musica, disegnare ritratti a matita di personaggi famosi, strimpellare la chitarra e passare del tempo con le persone che ama. Si ritiene un ragazzo ordinario, non straordinario. Vive lasciando vivere gli altri, inseguendo i suoi sogni e cercando di seguire il vento.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up