Beware Planet Earth! – Recensione

Beware planet earth! cover

Titolo: Beware Planet Earth!
Genere: Tower defense
Sviluppatore: Lightmare Studio
Publisher: Namco Bandai
Numero di giocatori: 1
Cooperativa: Assente
Risoluzione Video: fino a 1080P
Piattaforme: PC
Localizzazione: Inglese con sottotitoli in italiano

Introduzione

Dopo quasi due anni dall’esordio su diversi store digitali “Beware Planet Earth!” dei francesi Lightmare debutta finalmente su Steam grazie a Namco Bandai, casa che negli ultimi tempi si sta interessando particolarmente a titoli indie. Più in generale il genere dei tower defense ha avuto largo consenso su Internet con centinaia di flahsgame , quindi perfetto per i casual gamers di ieri e con quelli di oggi tramite i dispositivi mobile, esempio è il fantastico Plants vs Zombie dei PopCap Games che non cito casualmente visto che il titolo qui recensito ne è quasi un clone, vediamo se riuscito o meno.

Cowboy vs aliens

Partendo con un’introduzione vintage degna di un film di fantascienza degli anni 50 veniamo a conoscenza dell’invasione della Terra da parte degli alieni (qui rappresentati in modo simile al film “Mars attacks!” di Tim Burton) che però sono interessati esclusivamente alle mucche! Il fattore di turno, Barnie, impaurito e con seri problemi intestinali, si rifugia in una toilette e noi dovremo difendere il suo bestiame con vari strumenti e marchingegni da lui forniti.
Qui comincia la lunga campagna strutturata attraverso le 4 stagioni e in più di 40 livelli con una durata complessiva di 10 ore. In ognuno di essi c’è un percorso che unisce la zona di pascolo dove ci sono gli ignari bovini che brucano e il cerchio nel grano, zona di atterraggio dei classici dischi volanti, proprio su questo percorso dovremo piazzare le nostre difese, scegliere 8 gadget e cominciare la difesa. Nel corso della campagna oltre a lanciafiamme, mortai, mine e bombe a tempo sbloccheremo fino a 20 oggetti diversi, per poterli usare invece dei soldi qui avremo bisogno degli ingranaggi, vera e propria moneta del gioco reperibile solo costruendo una sorta di distributori.
Beware planet earth! 0

Se gli alieni dovessero raggiungere le vostre mucche nonostante le varie difese non preoccupatevi perché c’è ancora speranza, infatti una volta arrivati al pascolo dovranno percorrere il percorso a ritroso fino alla zona di atterraggio, nonostante ciò la mucca di turno sarà lenta nel tornare al pascolo, in questo caso potremo agitare un campanaccio così da velocizzare la cosa.
Altro aggeggio interessante quanto innovativo è la pistola laser aliena, oltre ad attaccare ci sarà utile per ricaricare i nostri scudi e superare quelli dei nostri nemici, perfino a sradicare degli odiosi funghi che ci affliggeranno durante la stagione autunnale, si perché le stagioni influiscono anche sul gameplay, d’inverno ad esempio per via del gelo dovremo sbloccare le nostre macchine.

Beware planet earth! 1

Così come gli zombie di PvZ sono diversi tra di loro anche gli alieni di BPE! non sono differenti, oltre a quelli classici è presente una grande quantità di classi “speciali”, una più divertente dell’altra: si va da alieni travestiti da ninja (velocissimi), scienziati (con scudi energetici di difesa), investigatori privati, perfino casalinghe con aspirapolvere! Oltre ad essere simpatici, questi personaggi danno anche una ventata di freschezza in un titolo che deve così molto ad altri dello stesso genere.
Presenza degna di nota in questa versione Steam è rappresentata da una sorta di DLC con alieni e livelli ispirati direttamente ai famosi giochi Valve come Half Life, Portal e Team Fortress, davvero un’ottima chicca!

Beware planet earth! 0

Aspetto tecnico

Tecnicamente la versione PC di “Beware Planet Earth!” è fantastica, i disegni sono davvero carini, colori che spaziano tra le varie stagioni e in uno stile cartoon, l’influenza di Plants vs Zombies trasuda da ogni pixel tuttavia il cambio stagionale è qualcosa di nuovo con tutte le varianti grafiche che vi seguono.
Anche il sonoro è all’altezza del tipo di titolo, musiche ed effetti sonori sembrano usciti direttamente da un vecchio b-movie di 60 anni fa.
Unica pecca, spero risolvibile con una patch, è quella di non poter sfruttare il rapporto 16:9 per via della risoluzione da tablet originariamente prevista, ergo avremo due bande nere laterali.

Beware planet earth! 3

Conclusioni

“Beware Planet Earth!” è un titolo davvero curato, forse un po’ troppo somigliante a Plants vs Zombies è vero ma se, come il sottoscritto, non vedete l’ora che il secondo capitolo esca su PC direi che nel frattempo BPE! è un ottimo passatempo, al prezzo di 8 € poi ci si può fare un pensierino considerando la buona longevità di 10 ore e i tanti aspetti simpatici. Se invece volete qualcosa di un più serio o non amate il genere guardate oltre o magari compratelo scontato.

Requisiti minimi PC:

– Windows XP SP3
– 1,8 GHz processore
– 512 MB RAM
– 320 MB di spazio libero su disco
– Scheda video con 64 MB


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.