MXGP: The Official Motocross Videogame – Recensione

MXGP e’ finalmente uscito ed è nelle mie mani pronto ad essere scoperto. Ho atteso molto questo titolo perchè ho sempre ammirato il Motocross, vuoi per l’abilità richiesta, per la spettacolarità e l’adrenalina che regala. Milestone punta a farci rivivere tramite i nostri joypad l’emozione di questo magnifico sport.

Titolo: MXGP
Sviluppatore: Milestone
Publisher: Milestone
Numero di Giocatori Offline/Online: 1-12
Risoluzione Video: 720p 1080i 1080p
Piattaforme: Xbox 360, PS3, PSVita
Localizzazione: Italiano

Inutile dire che per chi come me è un appassionato, l’aspettativa è che questo titolo sia una esperienza che renda giustizia alla Motocross, e secondo me c’è riuscito più che bene!

I tracciati sono quelli ufficiali del campionato Mondiale MX1 ed MX2 (che sono le categorie in cui potrete partecipare) e sono riprodotti in maniera fedele, con la stessa cura in cui si riproducono i tracciati dei più famosi e popolari giochi sulla Formula1 o Moto GP.

La giocabilità è altissima e divertente grazie al sistema che permette di controllare la moto con la levetta sinistra ed il corpo del nostro corridore con la levetta destra, aggiungendo divertimento e complessità alla guida, e permettendo di effettuare spettacolari derapate e spostamento di assetto in aria durante i bellissimi salti tipici di questo sport!

La fisica è decisamente ben fatta, con un piccolo neo durante le collisioni tra piloti, che in alcune situazioni sembrano essere molto permissive con una certa percentuale di compenetrazione dei poligoni: mi ha fatto decisamente storcere la bocca questo neo, poiché una cosa avvincente di questo sport è proprio la difficoltà che presentano anche certi salti con moto appaiate, e le curve che portano i motociclisti gomito a gomito, ma che per qualche motivo nel gioco non presentano grande rischio di collisione.

Le modalità di gioco permettono un multiplayer fino a 12 motociclisti contemporaneamente, una modalità carriera, campionato e corsa rapida.

Non dimentichiamoci anche ben 60 tipi di moto, telecamera davvero ottima, e una riproduzione realistica di tutto quello che rende avvincente il Motocross!
La modalità carriera risulta la più interessante, per via della possibilità di partire dal basso come “wildcard” (un membro che non fa parte della squadra ufficiale) fino a guadagnarsi un contratto ufficiale con una squadra.

Il percorso non sarà privo di rivalità, intoppi e decisioni tattiche, ma riserverà un sacco di divertimento.
L’unica cosa che non credo tutti digeriranno, è lo smenarsi per 30 minuti il circuito a caccia del tempo migliore, per le qualificazioni.

La grafica non è assolutamente all’altezza, anche col migliore degli schermi e cavi HDMI, personalmente a tratti, mi ricorda molto più un gioco per dispositivi mobili che uno per una Xbox 360.

E’ vero che siamo alla fine del ciclo di vita di questa Console, ma se già molto tempo prima si sono visti titoli che superano e non di poco, la qualità grafica di MXGP, l’unica cosa che viene da pensare è una certa incuria o frettolosità nel realizzarla.

Questo si nota soprattutto durante le fasi di setup, nella procace signorina che regge il cartello e nello sfondo durante le gare, per dirne qualcuna. Fa quasi pensare che non l’abbiano finito o che da Android lo abbiano aggiustato per la nostra console.

E la mia bocca da storta diventa una smorfia alla Richard Benson.

Il sonoro ha delle musiche particolarmente in tema con l’ambiente “Racing” in generale, le campionature sono ben eseguite, tranne poerò purtroppo il rombo stesso del motore che dovrebbe essere la cosa più deliziosa.

Peccato anche che quando si va a sbattere violentemente contro un cartello od un oggetto solido (specie a causa di un salto venuto male) non si sente nessun rumore, ma vediamo che il pilota si accascia “sordamente” nel sabbione.

Un gioco che non è perfetto, soprattutto graficamente, ma che una volta avviato sa regalare divertimento, immediatezza e coinvolgimento.

Un gioco che non rende pienamente giustizia dal punto di vista grafico a questa disciplina, ma che piacerà sia al casual gamer, che a chi voleva la riproduzione del campionato ufficiale, ed un vero feeling di corsa.

Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com