Batman: Arkham Origins Blackgate Deluxe Edition – Recensione

Titolo: Batman Arkham Origins Blackgate
Genere: action
Sviluppatore: Armature
Publisher: Warner Bros.
Giocatori: 1
Cooperativa: assente
Piattaforme: Ps3, Xbox 360, Wii U, PC
Localizzazione: sottotitoli in italiano

Il ritorno del cavaliere oscuro

Se siete grandi fan di Batman e di videogiochi in generale, la trilogia Arkham non vi suonerà nuova e ricorderete senza dubbio la qualità e l’atmosfera che hanno contraddistinto tutti e tre i capitoli. Questa volta è il turno di un progetto minore, uscito l’anno scorso su 3DS e PsVita, ora convertito sulle ormai vecchie 360 e Ps3 (ma anche WiiU e Pc). Come avrete intuito in questo piccolo capitolo avrete a che fare con il carcere di Blackgate e i criminali in esso rinchiusi, nei panni di un Batman sempre pronto a sventare i piani dei malviventi con tutti i suoi gadgets futuristici. Ma andiamo a vedere l’incipit di questo capitolo.

Joker, Maschera Nera e Pinguino

I fatti narrati in Blackgate si svolgono tra l’Origins e l’Asylum, partiremo vestendo ovviamente i panni di Batman e ci troveremo sui tetti della città, intenti ad inseguire la bella e agile Catwoman dopo aver messo a segno un colpo ad una agenzia governativa, trafugando file segreti. L’atmosfera è simile ai capitoli home, con la pioggia battente, il cielo grigio della city ed enormi palazzi intricati. In questo prologo dovremo usare attivamente il rampino per tentare di raggiungere l’abile ladra e sconfiggere, tra un balzo e l’altro, gli uomini della sicurity. Anche i comandi sembrano al loro posto e non faticheremo a trovare il giusto feeling con il gioco, a parte una leggera lentezza che contraddistingue le nostre azioni. Una volta acciuffata Catwoman la spediremo nel carcere di massima sicurezza  ma, dopo breve tempo, verremo chiamati da Gordon per essere informati di un problema: i super criminali rinchiusi in Blackgate si sono liberati e hanno preso il controllo. Toccherà all’uomo pipistrello mettere a poste le cose, con l’aiuto di Catwoman che ci fornirà consigli per liberare le tre zone del carcere prese con la forza dai rispettivi tre cattivi del gioco: Joker, Maschera Nera e Pinguino.

 

Batman in piccolo

Come dicevamo sopra, il gameplay di questo spin-off è stato preso di peso dai capitoli principali ma il 2.5D che contraddistingue il gioco penalizza non poco le nostre azioni: esplorare le seppur limitate aree si dimostrerà un po’ frustrante e molte azioni che negli altri capitoli venivano naturali, qui appaiono un po’ forzate. Usare le numerose abilità di Batman non regala le stesse sensazioni degli altri giochi per colpa dell’asse di movimento bidimensionale. Da questo punto di vista sarebbe stato meglio realizzare un semplice titolo a scorrimento. I combattimenti, pur mantenendo il Free-Flow, si mostrano molto semplificati e aggirare gli avversari più ostici si rivelerà poco intuitivo e divertente. Penalizzate anche le sezioni stealth che fecero grande questa saga; la visuale limitata e le due dimensioni creano solo confusione nel compito di osservare i movimenti delle guardie. Immancabili le Boss-fight, qui limitate nel premere i tasti giusti col giusto tempismo per parare/schivare i colpi dell’avversario. Tirando le somme sulla giocabilità possiamo affermare che purtroppo Blackgate perde molto rispetto gli altri giochi e alcune scelte dovevano essere sviluppate in modo diverso. Nonostante tutto il gioco è comunque piacevole per gli appassionati della saga e può regalare qualche ora di divertimento in attesa del grande capitolo finale: Arkham Knight.

Tecnica semplice

Sul versante grafico ovviamente il gioco non fa faville, ma questo è abbastanza normale per via della sua genesi portatile. Le texture, il modello di Batman e dei nemici sono molto semplificati rispetto i capitoli maggiori. Resta comunque un dettaglio discreto e consono con la natura del titolo.

Questo piccolo capitolo uscito l’anno scorso sulle console portatili serve unicamente come antipasto (una manciata di ore la durata) in attesa della grande portata Arkham Knight che siamo sicuri non deluderà i fan e porterà verso nuove vette la fortunata saga.

Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com