Toukiden: The Age of Demons – Recensione

Recensioni Videogiochi 1.0 Videogiochi

trew

Titolo: Toukiden: The Age Of Demons

Sviluppatore: Omega Force

Publisher: Tecmo-Koei

Piattaforma: Ps Vita

Numero giocatori offline: 1-4 (multiplayer offline tramite System Link)

Numero giocatori online: max 4

Localizzazione: audio inglese/giapponese, testi e sottotitoli in inglese

Sono anni  che su una portatile Sony non esce un gioco come Monster Hunter, e gli appassionati del genere iniziano a sentire il peso di questa assenza. God Eater e Soul Sacrifice hanno tentato di sostituire il brand, ma nonostante il concept di base fosse lo stesso vi erano comunque differenze evidenti, alcune in positivo altre in negativo. Gli utenti volevano Monster Hunter, senza troppi sconvolgimenti . Ma se l’originale non poteva arrivare su Ps Vita a causa degli accordi tra Capcom e Nintendo, perchè non creare allora uno palese clone? Ed ecco che Tecmo-Koei sforna Toukiden: The Age of Demons, una copia in tutto e per tutto di Monster Hunter ma che nonostante tutto funziona e tenta comunque di avere un pizzico di originalità.

rew

Toukiden: The Age of Demons è ambientato in un Giappone feudale alternativo, in cui l’umanità è in lotta da sempre contro gli Oni, ovvero i demoni. La situazione era bene o male equilibrata, almeno fino al “Giorno del Risveglio” accaduto 8 anni prima degli avvenimenti narrati: in quell’occasione un gigantesco Oni si materializzò da una breccia dimensionale con un’orda di altri Oni minori, che sovrastarono le forze umane decimando la maggior parte della popolazione mondiale. Ora i pochi sopravvissuti vivono in villaggi fortificati, e gli unici che tentano di resistere all’avanzata degli Oni sono gli Slayer, una gilda millenaria di guerrieri specializzati nel combattere i demoni. Il nostro alter-ego (il cui aspetto sarà personalizzabile tramite l’apposito editor) sarà l’ultima recluta arrivata nel villaggio di Utakata, e grazie alle nostre abilità dovremo diventare anche l’ultima speranza per l’umanità.

La trama non è quindi delle più originali, ma nonostante tutto svolge il suo dovere di intrattenerci tra una missione e l’altra, incuriosendoci specialmente con le vicende degli altri Slayer che incontreremo: questi sono tutti abbastanza stereotipati, ma ognuno ha caratteristiche e personalità diverse che ci porteranno spesso ad affezionarci a loro.

gew

Il gameplay, come già detto, è praticamente identico a quello di Monster Hunter: il villaggio farà da hub centrale dove girare e accettare quest secondarie, visitare il fabbro (utile per forgiare e potenziare armi e armature), il mercante e la sciamana, ed infine arrivare al bancone delle missioni, accettarne una e uscire nell’area esterna, composta da diverse micro-arene numerate e collegate tra di loro.

Le missioni sono di diversi tipi, come uccidere determinati mostri, rendere scure delle aree, raccogliere degli oggetti oppure scontrarsi con degli Oni giganti.

Ad assisterci troviamo diversi personaggi che si differenziano anche per stili di combattimento: alcuni sono più portati per l’attacco diretto, altri alla difesa, altri ancora alla velocità o alle tecniche spiritiche: in diverse missioni il party sarà prestabilito, ma in altre saremo liberi di scegliere chi portare con noi (fino a un massimo di 3 compagni) e capire chi si rivela più utile in base alla situazione sarà fondamentale, specialmente contro i boss.

E’ proprio contro i boss che il gameplay di Toukiden: The Age of Demons dà il meglio di sé: ogni Oni gigante ha dei punti deboli e dovremo collaborare con il resto del party per sfruttare al meglio le varie debolezze abbattendo il mostro arto per arto, e la soddisfazione nel vedere ad esempio un ragno colossale cadere sconfitto dopo che gli abbiamo reciso tutte le zampe dà grandi soddisfazioni.

rew

Il nostro arsenale sarà composto da spadoni giganti, lance, falci con catene, pugni di ferro, spade doppie e archi, inoltre raccogliendo i vari materiali lasciati dai cadaveri degli Oni si potranno forgiare versioni più potenti di ogni arma.

L’elemento più originale di Toukiden: The Age of Demons sono invece i Mitama: questi sono le anime di Slayer uccisi dagli Oni e intrappolate nei loro corpi, e una volta liberate possono essere “equipaggiate” sull’arma fornendo 4 poteri speciali. I Mitama possono essere di vari tipi (offensivi, difensivi, spirituali etc.) cambiando il nostro stile di gioco: contro un nemico molto difensivo ad esempio sarà più utile equipaggiare un Mitama che potenzi i nostri attacchi piuttosto di uno che punti alla difesa o alla velocità, ma dovremo comunque dosare saggiamente i poteri speciali forniti in quanto saranno disponibili in quantità limitata, ma tra una missione e l’altra verranno ripristinati.

Ogni Mitama inoltre può salire di livello o continuando ad equipaggiarlo durante le missioni oppure pagando la sciamana del villaggio, e ad ogni livello vengono sbloccati vari bonus passivi che migliorano le statistiche del personaggio.

rew

Nonostante lo stile di gioco sia ripreso da Monster Hunter, Toukiden: The Age of Demons apporta delle piccole modifiche che rendono i combattimenti meno impegnativi e tattici: per prima cosa la barra della Stamina non si consuma ad ogni attacco come nel titolo di Capcom, ma solo durante la corsa, la schivata o alcune mosse speciali, inoltre tramite la pressione del tasto L si attiva un comodo lock-on che permette di concentrarsi sul nemico inquadrato. Il gioco risulta quindi molto più frenetico e accessibile per tutti, ma nonostante tutto gli scontri con i boss richiedono comunque una certa dose di strategia e pazienza.

Per godere appieno del sistema di combattimento bisognerebbe giocare con altri giocatori umani, e per fortuna Toukiden: The Age of Demons dispone di un solido comparto multiplayer con cui ci può unire fino ad un massimo di 4 giocatori sia online sia in locale tramite system link.

Dal punto di vista tecnico Toukiden: The Age of Demons si difende piuttosto bene (in particolare i modelli dei protagonisti e degli Oni giganti risultano convincenti, mentre gli scenari e i nemici minori mancano di dettagli), anche se molti limiti sono dovuti al fatto che il gioco sia stato sviluppato con la stessa base della versione PSP (in uscita solo in Giappone) e che quindi non ha permesso di sfruttare al massimo le potenzialità hardware di PS Vita.

Peccato inoltre per la mancata localizzazione italiana, il gioco infatti propone l’audio in giapponese/inglese e i testi solo in inglese.

fds

VERDETTO FINALE

Toukiden: The Age of Demons sarà anche un clone spudorato di Monster Hunter, ma come clone è il migliore in circolazione e quasi non fa rimpiangere l’assenza del brand di Capcom su PS Vita. Il gameplay leggermente più semplice lo rende perfetto anche per i neofiti del genere, mentre gli appassionati potrebbero storcere il naso per quanto riguarda gli scontri con i nemici base che risultano poco stimolanti, mentre nelle battaglie con gli Oni giganti il tatticismo e l’abilità si rendono necessarie regalando grandi soddisfazioni, inoltre l’introduzione dei Mitama aggiunge un minimo di originalità e amplia le possibilità strategiche. Se siete in astinenza da Monster Hunter Toukiden: The Age of Demons si propone quindi come un degno sostituto con cui passare ore e ore di divertimento, mentre se il genere non vi ha mai appassionato qui non troverete nulla che vi faccia cambiare idea.

I videogiochi non sono solo una passatempo per Andrea: da anni ormai scrive su riviste e siti specializzati, trasformando così la passione in lavoro. Ha una ossessione al limite del maniacale per Batman, Star Wars e il collezionismo di statue e collector's edition di videogiochi, tanto che la madre ancora si chiede perché semplicemente non si droghi come tutti i ragazzi della sua età... di sicuro spendeva di meno.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Password Persa

Sign Up

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com