Sotto una buona stella – Recensione

Cinema Recensioni Cinema 1.0

Carlo Verdone torna nel triplice ruolo di regista, interprete e sceneggiatore in una commedia che si distacca dalla tradizione della narrazione su più fronti e protagonisti (Io, loro e Lara; Posti in piedi in paradiso), per concentrarsi su una pellicola che fa gruppo intorno alla figura di Federico Picchioni (Carlo Verdone). Ricco impiegato in una holding finanziaria, egli si trova ben presto ad affrontare l’improvvisa morte della ex-moglie ed il licenziamento a causa di uno scandalo che coinvolge l’agenzia per cui lavora.  Costretto ad ospitare i propri figli, insieme alla sua compagna Gemma (Eleonora Sergio), si troverà a dover sopportare una convivenza dai toni tragicomici. Solo l’arrivo di una nuova vicina, Luisa (Paola Cortellesi), permetterà a Federico di dare una svolta alla propria vita, sia con se stesso che nel rapporto con i propri figli.

sotto-una-buona-stella_cover

In Sotto una buona stella Verdone riesce abilmente ad incanalare con estrema delicatezza i temi seri nell’ambito della commedia. Disoccupazione, difficoltà giovanili, fuga dei giovani all’estero e scandali finanziari sono ben amalgamati alternando momenti comici a momenti di riflessione più o meno profonda. Ognuno all’interno del film è alla ricerca di affetto, e di una persona con cui possa condividerlo, della sua “buona stella”. Paola Cortellesi riesce ad essere una degna coprotagonista soprattutto grazie agli sketch ben orchestrati dalla mano di Verdone e grazie comunque agli ottimi tempi comici di entrambi gli interpreti. Viene forse lasciato troppo spazio ad una fase riflessiva sì importante, ma che sembra talvolta quasi forzare il ritmo narrativo e stroncare una vena comica che quando esplode da’ i suoi frutti. Gli stessi figli Lia (Tea Falco) e Niccolò (Lorenzo Richelmy) sono sì funzionali allo svolgimento dell’intreccio, ma sono protagonisti anche di segmenti che non convincono appieno appesantendo in generale la visione. Essi appaiono come figure stereotipate di una gioventù in difficoltà, ma esasperando alcune caratteristiche dei giovani di oggi risultano talvolta forzati o quantomeno poco credibili. Nel complesso non sembra che il film possa raggiungere un discreto spessore se non fosse per la necessaria presenza sia di Verdone che della Cortellesi, che non si limita ad essere una semplice spalla ma supporta attivamente lo stesso Verdone soprattutto nella fase comica, oltre a fungere da collante per i personaggi secondari, che altrimenti sarebbero decisamente fini a se stessi se non appoggiati da due figure molto forti sullo schermo.

La straordinaria comicità di Verdone insieme ad un’inedita Paola Cortellesi, ci consegnano comunque un film capace di divertire e far riflettere. Con Sotto una buona stella equivoci, incomprensioni e siparietti tipici della commedia verdoniana si affiancano a scene che fanno pensare lo spettatore, sintomo di un Verdone alla ricerca di una maturità di temi sicuramente convincente, ma non ancora eccezionale.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=I9BZHkq34eU]

Scheda film

Titolo: Sotto una buona stella
Regia: Carlo Verdone
Sceneggiatura: Carlo Verdone, Pasquale Plastino, Gabriele Pignotta, Maruska Albertazzi
Cast: Carlo Verdone, Paola Cortellesi, Tea Falco, Lorenzo Richelmy, Eleonora Sergio, Simon Blackhall
Genere: Commedia
Durata: 106′
Produzione: Aurelio De Laurentiis & Luigi De Laurentiis
Distribuzione: FILMAURO
Nazione: Italia
Uscita: 13/02/2014

Critico cinematografico, giurista e speaker. Classe '94, nato insieme a Dookie, Forrest Gump, Pulp Fiction e Le Ali della Libertà, ma con il cuore a Juno.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up