Sherlock: pretenziosa trasposizione o semplice omaggio?

Cinema

zdhnfy,.jklòjàlkjhgf

Cos’è che gli inglesi amano più di Shakespeare?

Rendiamo tutto più semplice, rimaniamo nell’ambito della letteratura per un attimo.

Il vincitore non può essere altri che Sherlock Holmes, il geniale investigatore nato dall’abile penna di Doyle che dalla sua prima pubblicazione non ha mai smesso di avere un posto nel cuore degli inglesi…e non solo.

Ed ora permettiamoci un piccolo salto in avanti…

Immaginate di voler raccontare ancora una volta le imprese del nostro amatissimo investigatore e di volerlo fare in modo diverso, nuovo.

Su di lui è stato già fatto molto ed è quasi impossibile realizzare una trasposizione senza che l’esigente popolo inglese faccia un confronto.

Eppure una soluzione esiste, sebbene molto azzardata. Potrebbe essere una novità prendere Holmes e riscriverlo muovendolo nella Londra attuale, con tutto quello che il ventunesimo secolo comporta.

Questo è stato il pensiero degli sceneggiatori Mark Gatiss e Steven Moffat (entrambi conosciuti per la sceneggiatura di Doctor Who) quando hanno deciso di dare vita alla serie tv Sherlock, del quale sono state attualmente realizzate tre stagioni, per un totale di soli nove episodi.

Ogni episodio, della durata di circa 90 minuti, racchiude un romanzo o un racconto, rendendolo a tutti gli effetti un film per la tv più che un’effettiva serie.

Una “serie” dal successo piuttosto controverso.

I personaggi si discostano moltissimo da quelli originali e i romanzi sono stati rimaneggiati a seconda delle necessità che l’adattamento presentava di volta in volta. Ma procediamo per ordine e partiamo dai protagonisti.

sdrftgyhuj

Non credo ci sia bisogno di fare le presentazioni con Sherlock Holmes e con il suo fidato coinquilino John Watson!

Iniziamo con il più semplice ovviamente. Il “nuovo” John (Martin Freeman aka Bilbo Baggins ne “Lo Hobbit”) ricalca piuttosto bene il personaggio originale: un medico militare sempre disponibile e di buon cuore, di gran cultura e intelligenza, nonostante venga spesso adombrato dal genio di Holmes. Un compagno sempre molto impressionato dalle doti di Sherlock e ben disposto a tollerarne le mille stranezze.

Tuttavia è la caratterizzazione di Holmes (Benedict Cumberbatch alias Kahn in “Star Trek Into Darkness”) a provocare grandi discussioni!

Molto giovane e affetto da una particolare forma di sociopatia (come ama precisare quando gli viene dato dello psicopatico); più arrogante e spesso anche più scortese dell’originale, non sembra essere molto in armonia con il soggetto descritto da Doyle, sembra solo condividerne il nome, il coinquilino e l’appartamento. E’ un personaggio, insomma, che ha fatto storcere molti nasi e sollevato diverse polemiche.

Le stesse obiezioni si possono fare per quanto riguarda i personaggi secondari quali Lestrade, Irene Adler e lo stesso Moriarty, che abbandona addirittura il titolo di “professore”.

Una breve parentesi va aperta anche sulle sceneggiatura che spesso hanno in comune con la storia da cui sono tratti solamente il titolo e qualche vago riferimento; succede quindi di avere un serial killer che avvelena le sue vittime in “uno studio in rosso” al posto dell’americano che cerca vendetta per un vecchio torto subito.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=JP5Dr63TbSU]

Anche per me, sulle prime, è stato difficile accettare questi immensi cambiamenti nei personaggi e nelle loro vicende, poi è subentrata la consapevolezza che l’intento degli sceneggiatori era, probabilmente, proprio quello di stupire e non di rimanere fedeli agli originali. Gatiss e Moffat non volevano realizzare una vera e propria trasposizione, per i problemi evidenti elencati all’inizio, ma rendere omaggio al secolare investigatore creando un personaggio che fosse brillante quanto lui ma completamente sopra le righe e “viziato” con difetti più tipici del ventunesimo secolo.

Posso però dire di non aver molto gradito la caratterizzazione di Miss Adler, degradata a prostituta di lusso e ricattatrice di politici; nulla a che vedere con l’affascinante ladra seduttrice che aveva catturato l’attenzione di Sherlock Holmes in “uno scandalo in Boemia”. Si deve certo considerare che inevitabilmente il personaggio originale avrebbe stonato in un contesto moderno, ma la sensazione che si ha osservando la nuova Irene è piuttosto sgradevole e deludente.

Come per moltissime cose, comunque, basta avere i punti di riferimento giusti e “perdere tempo” su due considerazioni veloci per apprezzare un film o una serie tv di qualsiasi tipo; per questo, nonostante queste osservazioni relativamente negative di sopra, ne consiglio molto spesso la visione a chiunque si sia stancato dei soliti CSI e simili e a chi ama immergersi in una meravigliosa atmosfera Londinese e un po’ sopra le righe.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Password Persa

Sign Up

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com