Piccolo grande… Mario?

Praticamente tutti i platform devono almeno in parte una paternità nei confronti di Super Mario, re indiscusso del genere. Tra alti indimenticabili e rovinosi bassi, questa categoria di giochi ha subito una evoluzione che è andata ben oltre al semplice passaggio al 3D.

Tuttavia c’è chi ancora ricorda con piacere i fasti dei platform 2D, come i ragazzi di Media Molecule che propongono un titolo tanto semplice nelle idee quanto geniale: Little Big Planet.

Protagonisti indiscussi sono i piccoli Sackboy, dei pupazzetti di pezza personalizzabili con capi di vestiario e quant’altro. Nel corso della storia principale visiteremo mondi di vario genere, seguendo una struttura a scorrimento da destra a sinistra, ma le ambientazioni saranno completamente 3D.

Questa operazione nostalgia funzionerà?

Guarda come ti stupisco

Nonostante le somiglianze con altri titoli del genere del passato, Little Big Planet ha una personalità tutta sua.

I comandi di gioco saranno sostanzialmente due, uno per saltare ed un per interagire col mondo di gioco. In particolare l’interazione svolgerà un ruolo fondamentale, dal momento che spingere un cubo per raggiungere l’area successiva sarà una delle tante azioni all’ordine del giorno. In questo frangente possiamo ammirare l’eccelsa gestione della fisica, che muove in maniera estremamente realistica gli oggetti in movimento.

Nel corso delle 12-13 ore di gioco affronteremo stage di difficoltà crescente, senza risultare mai frustranti, fatta eccezione per le ultime fasi di gioco, decisamente più ardue.

Le location sono tutte curate e differenziate, e spaziano tra ambienti esotici e altri più… glaciali. Il tutto in un contesto allegro e spensierato, ancor più sottolineato dai Sackboy. Pur trattandosi di una feature accessoria, cose come il poter muovere le braccia del pupazzetto e mutare la loro espressione sul volto non potranno non strappare un sorriso al giocatore. Di fatto abbiamo di fronte la nuova mascotte della PS3.

Altri grandi, grandi mondi

La modalità principale non rappresenta tuttavia il piatto forte del titolo. Potremo anzi dire che alcune sezioni non riescano a mantenere sempre vivo il ritmo di gioco.
E’ qui che entra in gioco la colossale componente online.

Tramite un completissimo editor potremo creare livelli di qualsiasi genere, sfruttando una lunghissima serie di strumenti come arpioni e molle.

Per avere una idea di quanto profondo sia tale editor, basti pensare che gli stessi stage della storia, sempre molto elaborati, sono di fatto prodotti mediante questo level-creating.

Certo è che per imparare a maneggiarlo con perizia è una impresa alquanto ardua, ma ad aiutarci ci sarà un lungo tutorial selezionabile ogni qualvolta abbiamo dei dubbi. E tutto il resto viene lasciato alla fantasia.
Gli innumerevoli livelli creati dalla community sono semplicemente sbalorditivi, e propongono classici livelli platform ad interi rifacimenti di brand famosi come Silent Hill. Non mancano poi delle “Kill House” dove scontrarsi con altri giocatori oppure delle atipiche boss fight.

E parlando di “altri giocatori” si parla di un massimo di altri 3 compagni con cui condividere l’esperienza di gioco.

Utilizzando il sistema di matchmaking entreremo in un mondo appartenente ad un altro player e da lì entreremo in un livello creato dalla community oppure in uno della Story Mode.

Spiace notare come però il netcode non brilli per stabilità, anzi il lag è piuttosto frequente.

Luminoso e raggiante

Il comparto tecnico regala un colpo d’occhio incredibile: effettistica, texture e animazioni raggiungono livelli a dir poco ottimi, una gioia per gli occhi.
In particolare gli effetti di luce sono la ciliegina sulla torta.
La palette di colori è invece mutevole, e spazia tra colori saturi ed accesi ad altri più spenti e cupi, in base al contesto in cui si svolge il livello.

A chiudere il tutto vi è una colonna sonora decisamente azzeccata, peraltro personalizzabile qualora stiamo creando un livello, permettendoci di creare delle tracce originali.

Salto in alto del pupazzo

Little Big Planet fa centro e riesce a proporre le meccaniche di gameplay delle vecchie glorie del platform aggiungendo elementi nuovi ed un editor a dir poco incredibile.
L’enorme numero di creazioni degli utenti assicura una longevità enorme e il multiplayer (offline e online) assicura ore di divertimento in compagnia.

PRO

  • Editor strepitoso
  • Graficamente ottimo
  • I Sackboy
  • Gameplay immediato e divertente

CONTRO

  • Lag frequente
  • Modalità Storia con alti e bassi

GRAFICA: 9

SONORO: 8

DIVERTIMENTO: 9

LONGEVITA’: 9

TOTALE: 9

 

 

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up