Preparati a kombattere di nuovo

Dopo una sequela di titoli mediocri, la saga di Mortal Kombat si trova ad un punto di stallo, in bilico tra il declino e la possibilità di ascendere nuovamente alle stelle, nel firmamento dei migliori picchiaduro sul mercato.
E l’operazione scelta dai Netherrealms Studios è stata quella di riportare la serie proprio alle sue origini, con un reboot originale che non va a cancellare quanto visto finora.

Nel mezzo dell’eterna guerra tra bene e male, il malvagio Shao Kahn è riuscito ad ottenere il potere supremo per scatenare la potenza del Regno Esterno e iniziare l’Armageddon. Il benevole dio del tuono Raiden riesce tuttavia a mandare un messaggio criptico al se stesso del passato poco prima di morire: “deve vincere!”

Da qui prende il via una storia che ci riporterà proprio al primissimo Mortal Kombat, ritrovando tutti i personaggi storici della serie, ma con un intreccio narrativo che prenderà ovviamente pieghe diverse rispetto al passato.

Salverai la terra?

La modalità Storia di questo Mortal Kombat viene narrata con gli occhi di ciascun protagonista, conoscendone così accuratamente il background. Al termine di ogni combattimento prenderanno il via delle brevi cut scene, che nella loro semplicità riescono a proporre una trama sorprendentemente buona ed avvincente, con un colpo di scena finale degno di nota. A penalizzare il tutto vi è tuttavia un doppiaggio in italiano raccapricciante, che riesce a toccare i minimi storici con la voce di Johnny Cage.

Nonostante ciò, abbiamo a che fare con una main quest profonda, che ci proporrà non solo classici scontri uno contro uno, ma anche alcune handicap fight, dove ad esempio avremo a che fare con 2 nemici da sconfiggere contemporaneamente, senza dimenticare i potenti boss che ci sbarreranno spesso la strada. Un’esperienza di gioco talvolta frustrante, ma di indubbio valore, oltre che longeva.

La lunga via del kombattimento

Il battle system poggia come sempre su combo brevi ma veloci, oltre che alle consuete mosse speciali per ciascun personaggio. Il sistema di gioco è snello e può essere appreso anche dai novizi, senza però sacrificarne la profondità: imparare a padroneggiare tutti i personaggi che riempiono il corposo roaster (30 lottatori circa) è un’impresa decisamente ardua.

I neofiti della saga potranno impratichirsi con il tutorial, dove non riceveranno però solo brevi cenni per imparare i fondamenti basi del gameplay, lasciando così che il giocatore conosca da sé i comandi avanzati.

Se da un lato il sistema di gioco riprende quello dei cari vecchi Mortal Kombat, una novità riesce a mettere ulteriore carne al fuoco: la Barra Super. Questa si riempirà man mano che subiremo colpi o concateneremo delle combo. Riempiendo i 3 blocchi che la compongono potremo sfruttare 3 abilità: la prima ci permetterà di utilizzare le mosse speciali in una versione avanzata, potenziata; la seconda fungerà da Combo Breaker per fermare la successione di attacchi dell’avversario; l’ultima è rappresentata dal tremendo attacco X-Ray. Questo rappresenta la tecnica più forte del nostro combattente: una volta eseguita e andata a segno, assisteremo ad una breve sequenza dove il malaugurato avversario riceverà dei colpi violentissimi che porteranno a dolorose conseguenze come la rottura delle ossa del cranio, evidenziate da una visione ai raggi x.

E la violenza, si sa, è uno dei marchi di fabbrica di Mortal Kombat e non da meno sono le celebri Fatality che potremo eseguire al termine di ciascun combattimento: eseguendo una determinata serie di tasti daremo vita a brutali esecuzioni con cui eliminare definitivamente il nostro nemico. Scene non adatte ai deboli di cuore.

La pratica rende perfetti

Oltre alla modalità Storia, il pacchetto offerto da questo Mortal Kombat propone l’immancabile modalità arcade, giocabile con uno o due combattenti in tag team. Solo questa riesce già a regalare ore e ore di divertimento. Per non farsi mancare niente però, i Netherrealms hanno voluto strafare, introducendo la Torre delle Sfide, una serie di ben 300 sfide di difficoltà crescente che spaziano dai normali combattimenti ad altri più particolari fino a brevi minigiochi.

Alcuni minigiochi rappresentano poi una modalità ulteriore a sé stante, e sono raggruppati nei “Test Your Might”, dove dovremo riempire una barra premendo furiosamente i tasti del controller; “Test Your Luck”, dove riceveremo bonus o malus casuali durante uno scontro con un avversario a random; “Test Your Sight”, in cui il nostro obiettivo sarà osservare delle teste mozzate in movimento per indovinare dove si trovi l’occhio nascosto.

Giocando in una qualsiasi modalità di gioco comunque, otterremo dei gettoni che potremo spendere nella Kripta per ottenere bozzetti, musiche ma, soprattutto, costumi alternativi e nuove fatality, per un totale di oltre un centinaio di extra.
Porta la violenza online

L’enorme numero di ore offerte dal single player si sommano ad un corposo multiplayer, che ci vedrà protagonisti di furiosi scontri contro giocatori di tutto il mondo, con un netcode generalmente molto stabile e rari casi di lag.

Potremo affrontare gli altri giocatori in scontri 1vs1, 2vs2 oppure nella modalità Re Della Collina.

Questa è probabilmente la novità più interessante sul fronte del multiplayer, e ci permetterà di combattere contro una serie di avversari che ci sfiderà, mentre gli altri presenti in partita potranno seguire lo scontro. Alla nostra sconfitta il vincitore prenderà il nostro passo divenendo lui l’oggetto della sfida.

La forza dei kombattimenti su schermo

Il lavoro svolto sul comparto tecnico è davvero encomiabile, in particolare per quanto concerne l’effettistica e le animazioni. Ottima anche la fluidità e la cura degli sfondi, così come anche il dettaglio generale delle texture, che però soffre di qualche difettuccio, in particolare durante le cut scene della modalità Storia.

Tralasciando l’orribile doppiaggio invece, il sonoro è decisamente buono, con tracce molto varie, ben contestualizzate. Trattandosi di un titolo multi5 potremo tuttavia giocarlo anche col doppiaggio originale, un lavoro realizzato con una professionalità del tutto superiore.

Mortal Kombat è tornato!

Abbiamo tra le mani il vero ritorno della saga di Mortal Kombat, grazie ad un gameplay che torna alle sue radici storiche, una trama appassionante e una longevità semplicemente incredibile. Il battle system, tanto profondo quanto accessibile, rapirà sia i veterani che i neofiti, senza però far mancare un livello di sfida elevato.

Un titolo ottimo e divertente, da non lasciarsi scappare

PRO

  • Gameplay divertentissimo
  • Longevità enorme
  • Trama sorprendentemente appassionante

CONTRO

  • Doppiaggio italiano scandaloso
  • Qualche texture meno dettagliata qua e là

GRAFICA: 9

SONORO: 8

DIVERTIMENTO: 9

LONGEVITA’: 9.5

TOTALE: 9

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up