Recensione Ratchet & Clank: A Spasso nel Tempo

Recensioni Videogiochi 1.0 Videogiochi

Super coniglio e mega robot

La saga di Ratchet e Clank risale agli albori della PS2 e divenne subito una delle esclusive Sony più amate. Ambientato in un lontano futuro iper tecnologico, il giovane lombax Ratchet, accompagnato dal suo piccolo amico robot Clank, vive in ciascun episodio avventure assurde e cariche di forti dosi di humor.

Nel finale del primo capitolo apparso su  PS3 (Armi di distruzione) tuttavia, proprio Clank viene rapito da strane creature chiamate Zoni, costringendo Ratchet a cercare il suo amico nell’episodio “Alla Ricerca del Tesoro”. In “A Spasso Nel Tempo”, il nostro eroe è ormai vicino a salvare il suo amico, scontrandosi nuovamente con una sua vecchia nemesi:  il Dr Nefarious.

La storia prosegue così con continue gag e dialoghi esilaranti, ma non manca di uno spessore quasi sconosciuto rispetto ai vecchi capitoli: pur senza esagerare, abbiamo di fronte per la prima volta una trama più matura legata a questo brand Sony, mantenendo comunque solida la componente umoristica. Riuscirà anche il gameplay a rivelarsi così buono?

Cannoni di Navarone portatili

Il gameplay di questo Ratchet & Clank non muta il consueto mix tra platform e shooter.

Nei panni del giovane lombax, dovremo esplorare pianeti di vario tipo, sfruttando i nostri gadget all’avanguardia per superare gli ostacoli ed eliminando i nemici con armi fuori dal comune. Come da tradizione della saga infatti, le bocche da fuoco disponibili sono tutte esagerate e dotate di un potere distruttivo incredibile. Da giganteschi ranocchi spara-rutti si passa ad una sfera da discoteca che costringe gli avversari a ballare fino a giungere ad un gigantesco spara missili a canne rotanti.
Man mano che utilizzeremo tali strumenti inoltre, saliranno di  livello, migliorando alcuni parametri.

Qualora dovessimo cambiare pianeta invece, utilizzeremo in prima persona la nostra astronave, avendo così modo di dedicarci anche ad alcune missioni secondarie o all’esplorazione di piccoli satelliti, strutturati come dei livelli di puro platforming o shooting.
Non mancherà inoltre l’indimenticata arena, nettamente migliorata rispetto a quella vista su Armi Di Distruzione, dove potremo scontrarci contro orde e orde di nemici, anche se resta comunque inferiore rispetto a quella di “Ratchet & Clank 3”.

A questa formula di gioco ormai consolidata si affiancano delle sezioni in cui controlleremo Clank. Dal momento che egli si troverà confinato in una struttura denominata “Grande Orologio”, il suo compito sarà quello di riportare la normalità  nel continuum spazio-temporale dell’universo.

Per fare ciò dovrà superare enigmi e prove di abilità; tramite l’utilizzo di particolari pedane potremo attivare pulsanti e leve simultaneamente, sdoppiando il piccolo protagonista, passando così alle zone successive.

In altri casi invece dovremo agire direttamente sull’equilibrio temporale dell’universo, superando dei  brevi minigiochi in cui dovremo eliminare tutti i malus che affliggono un pianeta.

L’aggiunta delle sezioni con Clank  riesce così a dare una ventata d’aria fresca al gameplay, senza snaturarne la formula originale, come sempre frenetica e divertente, ricca di extra e collezionabili in grado di aumentare una longevità che già di per sé si attesta sulle 13 ore.
Il miglioramento rispetto a “Armi di Distruzione” si nota sotto ogni punto di vista.

Esplodi, schermo!

Tecnicamente il titolo è sbalorditivo: A Spasso nel Tempo regala uno spettacolo per gli occhi, fatto di panorami mozzafiato ed esplosioni, il tutto senza un minimo calo di frame rate, che anzi si mantiene stabile sui 60fps. Il costo di ciò sono le texture che, da vicino, dimostrano un dettaglio non sempre al top.
La scelta degli Insomniac di preferire la fluidità al dettaglio resta comunque decisamente più azzeccata. Osservare un tripudio di luci e colori senza alcun rallentamento è appagante, specialmente durante alcune battaglie dove il numero di nemici a schermo è più considerevole.

Nota positiva anche per la colonna sonora, piacevole e capace di accompagnare l’azione di gioco, mentre è molto buono il doppiaggio, che vanta anche alcuni picchi di qualità.

Il beniamino Sony con le orecchie a punta

Ratchet & Clank: A Spasso Nel Tempo è un acquisto obbligato per i fan della saga ma anche per qualsiasi possessore di PS3; un titolo in grado di soddisfare gli amanti del genere e che riesce a rimediare ai difetti del capitolo precedente, avvicinandosi ai fasti del terzo uscito per PS2. Spassosa ed irriverente, la nuova avventura del coniglio spaziale e del piccolo robottino è promossa a pieni voti.

PRO

  • Una trama più  matura e gag esilaranti
  • Gameplay solido e divertente come sempre
  • Le sezioni con Clank
  • Tecnicamente ottimo e frame rate stabilissimo

CONTRO

  • Qualche novità  in più nelle sezioni con Ratchet sarebbe stata gradita

SONORO: 8.5

GRAFICA: 9

DIVERTIMENTO: 9

LONGEVITA’: 8.5

TOTALE: 9

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up