Sonos Playbar – Recensione

sonos-logo

Ed ora signori, silenzio in sala e che lo spettacolo abbia inizio!

Sonos ha trovato un punto debole nel mondo dell’audio! La tecnologia senza fili, lo streaming di musica da qualsiasi sorgente, sia esso un cloud o in locale, e la semplicità nella configurazione, rendono i prodotti Sonos oggetto del desiderio per molti. Tutto molto bello, ma oltre a queste funzionalità, i prodotti Sonos suonano bene? Fortunatamente si, il Play:3, Play:5, così come il Sub hanno tutti impressionato per la loro qualità audio. Playbar è uno dei nuovi membri della famiglia, e con questo prodotto Sonos sta entrando in punta di piedi nel mercato dell’home theater. MyReviews.it ha avuto l’opportunità di provare l’ultimo prodotto di casa Sonos, abbinato al Sub e al Bridge.

La Playbar si presenta in una confezione sobria che contiene all’interno, oltre la soundbar, una scatola con le istruzioni e la cavetteria necessaria, un cavo ethernet, un cavo di alimentazione e un cavo ottico digitale. La Playbar pesa 5,4 kg e misura 85mm AL x 900 mm L x 140mm P, non si avrà alcun problema ad inserirla sotto lo schermo della propria TV. Noi l’abbiamo posizionata sotto un TV Led da 40 pollici, risultando di dimensioni appropriate. Esteriormente è rivestita di un tessuto nero, lateralmente sono presenti delle griglie con degli inserti color peltro, con i pulsanti volume + e – , il mute e il LED di alimentazione sul lato destro. I bordi lungo la soundbar sono realizzati in alluminio estruso, dove il più ampio fa spazio al ricevitore IR e ad un vano sul lato inferiore per le due prese ethernet , la porta Toslink e quella dell’alimentazione. La qualità costruttiva è eccellente!

379146-sonos-playbar-internal

Oltre a fornire un contrasto visivo, il bordo più grande in alluminio funge da dissipatore di calore per i nove altoparlanti contenuti nella soundbar. Questi sono montati all’interno  in un involucro di plastica rigida con un angolo di 45 gradi, angolazione che permette una buona elaborazione acustica sia che la barra sia montata sulla parete sia che venga appoggiata sul mobile della TV. Naturalmente, l’accelerometro e il processore PowerPc da 800 Mhz, lavorano in tandem per determinare l’orientamento della barra e modificare di conseguenza l’equalizzazione, garantendo una perfetta qualità audio.

Stesso discorso per il Sub, contenuto in una confezione simile a quella della Playbar e corredato di una scatola con istruzioni, cavetteria (cavo di alimentazione e cavo ethernet) ed un panno in microfibra per pulirlo. Infatti il Sub si presenta stilisticamente al top con finiture nere lucide, il marchio Sonos nella parte anteriore, il pulsante di connessione e il LED posti lateralmente e le porte ethernet e di alimentazione nella parte inferiore. Pesa ben 16 kg e misura 380 mm AL 158mm P 402 mm L.

sonos-sub-2

l_21289364_004Per ultimo, ma non certo per importanza, il Bridge, contenente anch’esso le istruzioni, il cavo ethernet, cavo di alimentazione e cd per il setup da computer. Unico neo, ma prettamente soggettivo, il colore del Bridge, che mi sarei aspettato nero, in sintonia con il sistema, ma che risulta essere bianco! Il prodotto è molto semplice, di piccole dimensioni e presenta nella parte posteriore due porte ethernet e una per l’alimentazione.

sonos-bridge

106857_3_Sonos vanta dei sitemi facili da installare, e la Playbar non fa eccezione. Basterà semplicemente collegare il cavo d’alimentazione e il cavo ottico al televisore. Dopo di che, la soundbar richiederà di premere il pulsante del volume + sul vostro telecomando TV, che permetterà di trovare il codice IR corretto. Da quel momento in poi, il telecomando sarà in grado di controllare il volume della Playbar. Nel caso il telecomando non venga riconosciuto, il software Sonos vi chiederà di fare alcune operazioni in modo che possa acquisire il codice corretto e aggiungerlo alla lista sul server Sonos. In questo modo i futuri clienti non dovranno passare attraverso questi passaggi aggiuntivi. Un’altra chicca ingegneristica di Sonos.

Il collegamento del Bridge e del Sub risulta altrettanto semplice. Il Sub necessiterà il solo collegamento alla corrente elettrica mentre il bridge  anche alla rete domestica. Premendo il pulsante posto nella parte superiore del bridge e i pulsanti del Sub e il mute e volume + della Playbar verranno immediatamente riconosciuti.

Sonos-Controller-FamilyPer gestire tutte le funzionalità del nostro impianto avremo bisogno del Sonos Controller, applicazione gratuita, disponibile per i dispositivi iPhone, iPad, Android, Mac o PC. Non è necessario un controller dedicato per ogni stanza o zona, si potrà installare il controller su ognuno dei vostri dispositivi e controllare l’impianto con ognuno di essi. Da qualsiasi punto della casa sarà possibile controllare ciò che viene ascoltato in ogni stanza. I controller non sono legati ad uno specifico impianto Sonos, ed è quindi possibile utilizzare qualsiasi Sonos Controller per controllare la musica e il volume in ogni stanza, riprodurre la stessa musica o canzoni diverse in ogni zona. Il controller ci permetterà di navigare in oltre 100.000 stazioni radio o cercare la propria stazione radio preferita utilizzando le lettere chiave. Il controller integra diversi servizi come Pandora, iHeartRadio, Napster, Rdio, Deezer, Last.fm, Rhapsody, SiriusXM, Internet Radio, Spotify, Wolfgang’s Vault e il download da qualsiasi servizio che offre tracce senza DRM.

Per iPad e Mac o PC avremo tre riquadri principali, il più a sinistra mostra tutti i diffusori Sonos collegati, quello centrale visualizza una coda di brani e ciò che è attualmente in riproduzione su un altoparlante selezionato, ed il riquadro di destra visualizza le sorgenti musicali disponibili. In cima ci sono il volume, i controlli play / pausa l’equalizzazione, e un campo di ricerca. Nella barra in fondo ci sono anche i pulsanti per mettere tutto in pausa, cancellare la coda o salvarla come playlist, oltre alle impostazioni del timer e della sveglia.

Tutte queste funzionalità sono disponibili anche nelle applicazioni per cellulari, ma si trovano all’interno di menu, invece di essere immediatamente disponibili. Non è certo una interfaccia utente ideale, anche se completa e molto comoda dal punto di vista della portabilità.

Ma veniamo al dunque, lo abbiamo già detto all’inizio della recensione, ma vale la pena ripeterlo, la Playbar ha un qualità audio superiore alla concorrenza, in particolare quando si tratta di musica. E’ un prodotto versatile, capace di dare il massimo con qualsiasi tipo di musica sia essa di genere rock o leggera. Allo stesso modo, la soundbar brilla durante la riproduzione audio TV e film, fornendo un ottimo surround. Ma è un valido sostituto per il vostro stereo di casa? La risposta è no! Questo nuovo prodotto Sonos non è in grado di fornire la profondità audio fornita da un set di altoparlanti di qualità o da un impianto stereo completo, pur difendendosi comunque bene. Ma le peculiarità di questo sistema sono altre!

Durante la visione di un film, tramite il Sonos Controller, avremo la possibilità di scegliere due modalità di ascolto, Night Sound e Miglioramento Dialoghi. Il primo è rivolto a coloro che preferiscono la visione di un film durante la notte e non vogliono svegliare i vicini. Selezionandolo, la gamma dinamica dell’audio viene ridotta abbassando il volume. I suoni morbidi, come i dialoghi, diventano più forti, mentre i suoni bassi e potenti come ad esempio le esplosioni saranno attenuati. La modalità Miglioramento Dialoghi, funziona invece con una rimodulazione dei bassi a favore del canale centrale, rendendo le voci più chiare e più ricche.

Nel complesso, la serie di nove diffusori amplificati suona molto bene, e nonostante Sonos sia riluttante a parlare di Watt, la Playbar può davvero raggiungere volumi altissimi, senza rilevare alcuna distorsione durante l’ascolto a massima potenza. Nonostante le capacità a tutto tondo della soundbar è inutile negare che l’esperienza di ascolto diventa sublime quando accoppiata al Sub della Sonos, creando un sistema surround 3.1. A completare l’impianto possiamo scegliere di collegare due diffusori Play:3 e creare un vero sistema 5.1.

Non abbiamo parlato di prezzi. E qui la nota dolente! La Playbar viene venduta alla modica cifra di 699 euro, non pochi, soprattutto se si vuole migliorare l’esperienza aggiungendo il Sub, alla stessa identica cifra. Il bridge ha un costo di circa 50 euro.

5932_2

In definitiva Sonos Playbar è un prodotto di alta qualità, sapientemente costruito, che in coppia con il Sub offre una grande esperienza audio nell’ambito dell’home theater. Tra i numerosi prodotti in commercio, non è sicuramente il più economico, tuttavia molti di essi non offrono, musica in streaming tramite Sonos Controller, un hardware robusto e ben ingegnerizzato, né l’eleganza e la semplicità di installazione che solo Sonos sa offrire.


Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.