Recensione: Splinter Cell: Pandora Tomorrow

Recensioni Videogiochi 1.0 Videogiochi

Il gioco sviluppato da Ubisoft e pubblicato in Europa per Pc, Xbox, Ps2 e Gamecube il 23 Marzo 2004 è un stealth game in terza persona che narra le vicende dell’agente segreto del governo Americano Sam Fisher.

Il gioco segue le vicende del primo capitolo e Sam Fisher si trova in Indonesia dove il leader Sadono ha ucciso diversi militari dell’esercito Americano e ha catturato l’amico di Sam Fisher: Douglas Shetland. Il compito di Sam Fisher sarà quello di salvare Douglas Shetland e di raccogliere informazioni sulla Darah Dan Doa, una milizia Indonesiana a cui fa capo lo stesso Sadono. Sam Fisher, in seguito, riuscirà a salvare Shetland ma non riuscirà a catturare Sadono, fuggito dall’Indonesia, scoprendo però informazioni su un piano chiamato Pandora Tomorrow, secondo il quale sono state progettate diverse bombe equipaggiate con il virus del vaiolo da collocare sul suolo Americano. In seguito partirà una caccia all’uomo che vedrà come protagonista Sam Fisher.

La narrazione si dimostra per tutta la durata del gioco, che gode di un ottima longevità, interessante e avvincente grazie ai numerosi colpi di scena e grazie al carisma del protagonista del gioco.

Il gameplay rappresenta l’elemento principale del gioco ed esso risulta fin da subito molto vario, grazie alla diversità degli incarichi che costringeranno il giocatore ad adottare approcci completamente diversi tra una missione e l’altra; infatti in alcuni casi non potremo uccidere nessun nemico e dovremo adottare un approccio prudente e silenzioso mentre in alte situazioni potremo adottare un approccio completamente differente e molto più action poichè potremo uccidere i nostri avversari. Il giocatore potrà anche evitare i nemici e ridurre al minimo gli scontri o scontrarsi con tutti i nemici.

A migliorare ulteriormente il già ottimo gameplay ci pensa l’ottima creazione dei livelli, che godono dell’assenza di linearità, elemento che porta il giocatore a poter seguire percorsi differenti. Altro elemento importante del gameplay è l’ottimo equipaggiamento caratterizzato dalla presenza di una pistola e di un mitra e di diversi tipi di proiettili, ciò renderà spesso necessario un approccio stealth visto che i proiettili finiscono rapidamente e visto che sarà difficile reperirli nei vari livelli. Ottimo anche il livello di difficoltà caratterizzato da un ottima intelligenza artificiale che non renderà mai basilari i livelli e che spesso costringerà il giocatore a ripetere alcuni passaggi per comprendere il giusto approccio al livello; infatti spesso sarà necessario essere molto silenziosi dato che sarete scoperti al minimo rumore.

Ottima la longevità, infatti la campagna principale a livello difficile può essere completata in 15 ore, longevità che viene aumentata dall’ottimo multiplayer.

Graficamente il titolo è ottimo, nonostante il comparto tecnico non sia stato modificato moltissimo rispetto al primo capitolo della serie, nonostante questo visivamente il gioco è splendido con ottimi effetti di luce e ambienti curati nei minimi dettagli. Ottimo anche il dettaglio delle texture caratterizzato da un elevato numero di poligoni che presentano pochissimi bug, particolari irrilevanti e che non vanno a peggiorare l’ottimo aspetto visivo del gioco.

Il sonoro è fantastico grazie ad uno dei migliori doppiaggi in Italiano della storia dei videogiochi dato dalla presenza di Luca Ward, ottimi anche gli effetti sonori che donano maggior realismo al gioco e ottime anche le musiche che, però,  rappresentano un aspetto secondario del titolo.

La principale aggiunta del titolo è sicuramente il comparto multiplayer in cui si affrontano due squadre: una chiamata Shadownet che non deve farsi scoprire dal nemico e una di mercenari che deve scoprire gli avversari, il multiplayer offre tre diverse modalità: sabotaggio, estrazione e neutralizzazione.

In definitiva il titolo migliora in tutto il precedente capitolo sebbene non introduca molte novità; nonostante questo Splinter Cell: Pandora Tomorrow risulta superiore rispetto al primo capitolo e rappresenta insieme al seguito, Chaos Theory il miglior gioco stealth mai creato, un titolo da avere assolutamente magari in versione Xbox o in versione Pc.

PRO:

  • ottima trama
  • gameplay migliorato e più realistico
  • ottima creazione dei livelli
  • ottimo comparto tecnico
  • modalità multiplayer davvero riuscita

CONTRO:

  • versioni Ps2 e Game Cube  nettamente inferiori dal punto di vista grafico rispetto alla versione Xbox e Pc
  • non molte novità rispetto al capitolo precedente

Grafica: 9,2

Gameplay: 9,4

Trama: 9,2

Longevità: 9,2

Totale: 9,3

Fan di Halo e PCista, vado matto per il cinema, le serie tv, lo sport, la musica rock anni 60-70, i Simpson e Futurama, Tolkien e Asimov. Amante di natura e animali, spero in futuro di poter lavorare come redattore per un sito videoludico. Per contattarmi: antonio.vitale.95@gmail.com

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up