Dragonball Evolution: come distruggere un mito..

“Kamehameha!!!!” e un lampo di luce blu si sviluppa dalle mani del nostro beniamino Goku contro l’avversario di turno.
Ora, guardando Dragonball Evolution, non si riesce a trovare altre somiglianze con l’opera del maestro Akira Toriyama che ha fatto sognare una generazione di adolescenti.
Il film ( uscito in giappone nel 2009 ) si presenta allo spettatore come una trasposizione americana del manga, e, per questo, risulta inguardabile da qualunque parte della sala.
Un esempio su tutti è l’assenza di qualsivoglia riferimento alla razza Sayan.
La trama è una sorta di accozzaglia di eventi presi a caso dalla serie di Dragonball Z e incollati con la colla Vinavil, alcuni privi di un vero e proprio senso logico.
I personaggi risultano completamente diversi dal manga ( voi riuscite ad immaginare Goku seduto dietro un banco, Bulma che usa le pistole meglio di James Bond e Yamcha nel ruolo di sciupafemmine, senza scimitarra e biondo ?!?! Per non parlare del cattivo, al secolo Piccolo, che non è in grado, pur essendo un namecciano, di usare nessuna peculiarita che hanno reso famosa tale razza di alieni ?!?! ( generare uova, rigenerazione accellerata ecc.)
Credo che non occorra dire altro.
Spendere altre parole sarebbe solo cercare di aggiustare un palazzo già crollato.
La cosa più sensata da fare è una sola: comprare l’intero cofanetto della serie di Dragonball ( Dragonball, Dragonball Z, Dragonball Gt e i vari OAV ) e guardare solo quelli, girando il più lontano possibile da questo film.


3 Comments

  1. Avatar fullmetalalchemist25
  2. Avatar fullmetalalchemist25

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.