HD is the way

La nuova fonte di guadagno di Ubisoft in questo periodo è certamente la rimasterizzazione in HD delle sue vecchie glorie: Prince Of Persia e Splinter Cell sono solo due esempi.

Non stupisce vedere quindi risorgere uno dei brand più amati della casa francese, la saga platform di Rayman. L’omonimo protagonista, nato dalla mente di Michel Ancel, è una sorta di melanzana con pugni e piedi fluttuanti, di volta in volta costretto a viaggiare attraverso mondi fiabeschi e fantasy, sfruttando le sue doti per sconfiggere il classico malvagio pronto a distruggere il mondo.

Il terzo capitolo, Hoodlum Havoc, ricevette ottime critiche,  complici una sequela di gag esilaranti e sezioni platform ben congeniate.

Questa avventura di Rayman viene ora venduta alla modica cifra di 10 euro per il mercato Digital Delivery con una veste grafica rinnovata. Sarà meritevole di acquisto?

La cattiva pallina nera

La trama di Hoodlum Havoc prende il via con la nascita del lum nero André, tanto piccolo quanto malvagio, che decide di soggiogare l’intero pianeta. Per errore egli viene tuttavia ingoiato dal goffo amico di Rayman, Globox. Per il nostro eroe si apre così un viaggio alla ricerca di un modo per cacciare dal suo compagno l’indesiderato ospite. Questo incipit introduce una storia semplice e priva di un intreccio particolarmente complesso, come è lecito aspettarsi. A renderla davvero spassosa vi sono i dialoghi e le situazioni assurde a cui assisteremo, con battute che spesso si lasciano a qualche licenziosità e al politically -uncorrect, facendo sorridere anche i giocatori più “grandicelli”.

Salta, pugno, salta ancora

Il gameplay su cui si fonda il titolo è un mix tra ampie fasi esplorative/platform e combattimenti con i sottoposti di André, gli Hoodlum, il tutto in un vasto mondo 3D.

La prima aggiunta rispetto a Rayman 2 è il punteggio, che apparirà in alto a sinistra nell’HUD del gioco. Per ottenere un risultato alto dovremo non solo raccogliere tutti i vari preziosi disseminati nella mappa, ma sarà  nostro obiettivo farlo velocemente, in modo da riempire l’indicatore combo. Col passaggio alle console next gen è stata inoltre introdotta una classifica online dove mettere in mostra i nostri risultati.

Feature di spicco in questo episodio sono tuttavia i power up temporanei che Rayman potrà ottenere, tramite i quali avrà ad esempio modo di utilizzare dei rampini per raggiungere luoghi inaccessibili.

Pur essendo qualcosa di già visto, tale caratteristica nel sistema di gioco riesce a rendere le fasi platform più intricate ed appassionanti.

Nei combattimenti invece faremo affidatamento sui potenti pugni di Rayman. A penalizzare il battle system vi è tuttavia un sistema di lock on difficilmente gestibile, ma soprattutto una telecamera davvero scomoda, che talvolta diverrà un ostacolo decisamente odioso. Un problema questo che va ad inficiare negativamente anche le sessioni platform, dal momento che spesso l’inquadratura non ci permetterà di destreggiarci tra le varie piattaforme su cui dovremo saltare. Viene ovvio chiedersi perché durante il porting in HD non si sia cercato di risolvere questo problema.

Indubbiamente l’azione di gioco scorre comunque veloce, e Rayman 3 riesce a divertire parecchio, grazie anche ad una ottima varietà di situazioni capaci di spezzare la linearità del gameplay: inseguimenti, corse in veicoli e quant’altro andranno a riempire l’offerta ludica proposta.

Ultimo tassello è rappresentato dalle sfide bonus, che faranno lievitare ulteriormente le già buone 14 ore necessarie a terminare l’avventura. Tali sfide sono di varia natura, e spaziano da sessioni di gioco in 2D ad una sorta di shooter in prima persona.

Melanzana in alta definizione

Il nuovo look del titolo è soddisfacente: pur senza esser state apportate migliorie ai modelli poligonali, le texture appaiono ora molto più pulite e il frame rate è stato portato a 60fps senza che vi sia un minimo calo.

E’ rimasto invece immutato il sonoro, caratterizzato da un doppiaggio italiano di buon livello e da musichette orecchiabili, spesso di grande qualità.

Lo compro allora?

La domanda che tutti però si devono sempre porre dinanzi una rimasterizzazione HD è: la nuova grafica giustifica l’acquisto?

I possessori dell’originale Rayman 3 non troveranno qui alcun incentivo particolare all’acquisto, dal momento che l’unica novità inserita è rappresentata dalla classifica online; tale scarsezza di contenuti extra penalizza ovviamente il voto finale. Tutti coloro che invece non avessero mai messo mano su questo titolo sono caldamente invitati a procurarselo, dal momento che il prezzo è decisamente basso e si avvicina peraltro a quello della versione per la vecchia generazione.

Rayman 3 è un titolo di grande spessore, divertente e spassoso, un gioco che appartiene ormai ad un’altra epoca: quella in cui le idee abbondavano e in cui i videogame erano creati con passione.

PRO

  • Gameplay vario e divertente
  • Esilarante
  • Piuttosto longevo
  • Restyle grafico buono
  • Sonoro di livello

CONTRO

  • Nessuna novità introdotta
  • Telecamera insopportabile
  • Sistema di lock on insoddisfacente

GRAFICA: 8

SONORO: 8.7

DIVERTIMENTO: 8.5

LONGEVITA’: 8.5

TOTALE: 7.5

 

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up