FeaturedRecensioni

Aeon Drive – Recensione

Tempus fugit

Aeon Drive  è virtualmente il seguito dello sparatutto  Dimension Drive, ma con il suo predecessore ha ben poco a che spartire. Mentre il primo titolo era uno sparatutto a scorrimento verticale, qua ci troviamo di fronte ad è un platform 2D basato fondamentalmente sullo speedrunning.

Ambientato dopo la fine di  Dimension Drive,  Aeon Drive  ci vede vestire i panni dell’eroina spaziale Jackelyne che accompagnata dalla sua spalla, la IA Vera, si schianta nella città di New Barcellona. Scopre suo malgrado che la città è sul procinto di essere completamente rasa al suolo e naturalmente il suo, ovvero il nostro, intervento potrà fermare questa malaugurata catastrofe. E l’unico modo per fermare la distruzione globale e totale è recuperare le celle energetiche in ogni sezione del gioco. Naturalmente tela trama è talmente debole ed inconsistente che si capisce subito che seve solo come collante per tenere assieme tutto il gioco, ma alla fine devo dire di averla trovata anche abbastanza divertente, anche se traballante come un tavolino di Ikea montato da un bambino di 5 anni, di notte, senza luce.

In Aeon Drive ci sono 100 livelli, ma non è detto che questo rappresenti il fatto di trovarsi di fronte ad un sacco di contenuti. Mettendoci un minimo di impegno, senza andare a cercare tutti i collezionabili disseminati in ogni sezione, l’intero gioco può essere battuto in circa due ore e mezza se non ti interessano i collezionabili. Ovviamente facendo questa scelta, ci troveremo di fronte al finale peggiore che potremo vedere . Per ottenere il finale migliore dovremo raccogliere ogni gemma presente in ogni sezione. L’espediente di fondo che rende un gioco dedicato agli speedrunners Aeon Drive è il timer di trenta secondi che scandisce il tempo all’inizio di ogni livello, in un countdown inesorabile che ci spinge a mettercela tutta per arrivare all’uscita entro il tempo limite. Nel complesso ci sono dieci sezioni composte da dieci livelli, ognuna delle quali contiene clessidre che possiamo collezionare. Ogni quattro clessidre raccolte, possiamo premere un pulsante e aggiungere cinque secondi all’orologio. Dopo aver preso un po’ di pratica con i controlli, mi sono reso conto che alla fine non era così necessario aggiungere secondi al mio timer, perché ogni livello può essere comunque completato entro il tempo limite. Poiché il livello di sfida di Aeon Drive, oltre che battere il gioco, è legato anche ad ottenere il miglior piazzamento possibile nelle classifiche mondiali. Se non si usano secondi aggiuntivi, il nostro punteggio sarà maggiore. Con un po’ di pratica, come dicevo sopra, si può arrivare anche a superare ogni livello in circa 10 secondi, ma solo dopo aver imparato a memoria la sua struttura, la posizione di ostacoli e nemici ed ogni pixel che lo compone.

La parte divertente di Aeon Drive è proprio questa, ovvero la sua struttura dedicata esplicitamente agli speedrunners. Alla fine non si tratta tanto di affrontare il gioco nella sua interezza, ma di sezionarlo in ogni singolo livello e ripeterli così tante volte da risultare i migliori al mondo. I primi livelli ovviamente son o più semplici da affrontare e superare, mentre avanzando troveremo passaggi sempre più impegnativi dove la coordinazione occhio/mano è fondamentale. Difficilmente sono riuscito a piazzarmi in classifica, ma il bello di questo gioco è che ogni tanto mi attira nuovamente verso di esso per cercare di migliorarmi, senza bisogno di dedicargli ore ed ore, ma anche solo dei ritagli di tempo nell’arco della giornata.

Naturalmente un titolo del genere deve avere anche una giocabilità eccelsa e fortunatamente il gameplay di Aeon Drive è così buono che non lascia assolutamente delusi. La nostra eroina può tagliare con un’arma da mischia, scivolare, saltare sul muro e sparare a un dispositivo di curvatura che funge da proiettile che la teletrasporta attraverso il livello. I controlli sono molto ben implementati e mi sono quasi sempre sentito come se avessi il controllo completo anche dei più piccoli movimenti.

Troviamo sul nostro cammino nemici in ogni livello e naturalmente dovremo farci strada attraverso di loro schivando i raggi della morte e scegliendo i percorsi migliori per terminare nel minor tempo possibile. L’uso del teletrasportatore tascabile è un’ottima implementazione nel gameplay classico dei platform, perché ci rende sia più agili, ma che costringe ad usare il cervello per capire quale sia il punto migliore per attraversare il livello usandolo.  è così soddisfacente. Quando Jack spara con il dispositivo di curvatura a qualcosa, lei può teletrasportarsi direttamente su di esso premendo un pulsante. Il livello di difficoltà non è mai impossibile e cresce linearmente con l’avanzare dei livelli. Questo è stato fatto proprio perché non si crei un ulteriore ostacolo alla nostra esplorazione alla massima velocità possibile. La difficoltà intrinseco di questo titolo è solo legata a cercare di terminare ogni singolo livello nel più breve tempo possibile. Un casual gamer lo può portare a termine in un tempo relativamente breve e dimenticarlo nella sua libreria, ma un appassionato di classifiche ci passerà, ore, giorni, mesi a studiare ogni singolo livello per cercare di carpirne ogni segreto e sfruttare ogni singolo elemento a suo favore per rosicchiare un decimo di secondo e apparire tra i migliori del mondo. I livelli hanno infatti tutti più percorsi che possiamo scegliere e capire quale sia quello più veloce è una delle parti migliori del gioco. Troveremo anche  tre tipi di collezionabili sparsi nei livelli: gemme, cubi e…  hot dog. La caccia a questi è divertente, ma non a tutti interesserà.

Recensione realizzata con copia fornita dagli sviluppatori su hardware Xbox Series X

In Conclusione

voto - 8

8

Controlli fenomenali e un gameplay avvincente sono il punto cruciale di Aeon Drive. Mi sono trovato tra le mani un ottimo gioco di speedrunning, dedicato però solo ad una determinata fascia di gamers. Se siete tra coloro che passano il loro tempo a competere per arrivare in cima alle classifiche è il gioco che fa per voi. Ha una buona grafica, controlli meravigliosi e la meccanica è una favola. Tuttavia, è anche estremamente breve, e manca di qualsiasi attrattiva per chi non è un fan delle speedrun. Indipendentemente da ciò, nel complesso Aeon Drive è un gioco molto ben fatto che soddisferà le persone che vogliono competere per il dominio della classifica e che magari potrà stimolare anche qualche casual gamer a cimentarsi in questa "specialità"

User Rating: Be the first one !
Mostra tutto

Sergio "Cateye10" Grazzini

Digital dreamer, videogames addicted, wannabe Jedi. An old player that is still capable of wonder.
Back to top button