FeaturedRecensioni

WRC9 – Recensione

WRC9 è arrivato, a distanza di un anno dal precedente capitolo, per continuare una dinastia di videogiochi relativi ad un Motorsport che negli anni ci ha sempre accompagnato sulle console casalinghe e portatili: il Rally. Dal 3 Settembre è quindi disponibile l’ultima fatica di Kylotonn Racing che per ora si presenta nella sua versione PC, PS4 e Xbox One, in attesa dell’uscita su Nintendo Switch che parrebbe comunque imminente, come punto di riferimento per il mondo delle corse sullo sterrato. Andiamo quindi a scoprire il nuovo WRC9, che si pone non tanto come innovatore di una più completa esperienza di gioco, bensì rifinitore delle passate edizioni e capace di aggiungere migliorie significative per permettere ai giocatori, ed ai tanti appassionati, di misurarsi in maniera molto competitiva sui tracciati proposti. 

Per iniziare, diamo uno sguardo alle modalità di gioco nella quali potrete competere. Da subito va segnalato, che in questa edizione, fa la sua comparsa ufficiale “Club”. Una modalità completamente innovativa, che permette al giocatore di scegliere tutte le regole per una sfida, oltre al tracciato, da condividere con altri giocatori selezionati, in quello che diviene una sorta di tour. Novità, questa, che si pone come miliare per il titolo e che si propone punto di riferimento per tutti i giocatori. Altra novità, già annunciata ma in arrivo nel mese di novembre, sarà la modalità “Co-op”, nel quale due giocatori potranno salire nell’abitacolo in vesti di pilota e, appunto, co-pilota e sfrecciare su uno dei tracciati in un’esperienza che si propone totalmente immersiva oltre che innovativa dal punto di vista del gaming. Non mancano poi le classiche modalità, come la “Carriera” nella quale rivestire i panni di un pilota che dovrà essere abile a gestire l’intero team, la parte economica, lo sviluppo della macchina, e persino l’umore dello staff durante tutto l’arco del suo cammino professionale. E ancora la modalità “Stagione”, che consente di competere durante un singolo anno senza pressioni esterne di gestione del team. Non manca nemmeno il “Multyplayer” dove mettersi alla prova contro altri giocatori per ottenere i migliori tempi su ogni tracciato. 

Ecco, i tracciati sono un’altra novità di WRC9, che quest’anno ne porta ben tre alla ribalta. Stiamo parlando di Giappone, Kenya e Nuova Zelanda, pronti ad ammaliarvi con tre esperienze di guida completamente differenti. In Giappone, infatti, dovrete vedervela con un tracciato disegnato esclusivamente su strada, mentre in Kenya sarà l’esatto opposto, con lo sterrato a farla da padrone. Infine, in Nuova Zelanda un misto di strada e sterrato che lasciano grande spazio ad un paesaggio disegnato appositamente per ammaliare il giocatore. Con queste aggiunte, che immaginiamo assai gradite dagli appassionati, il numero complessivo di tracciati proposti dal gioco sale a 13, dando così ampio spazio alla diversità di condizione. 

Per quanto riguarda le macchine, non vi sono da segnalare particolari modificazioni. Il parco mezzi è composto dalle vetture WRC3, WRC2, WRC e JWRC, alle quali vanno aggiunte una dozzina di auto storiche, che hanno segnato le competizioni di questo sport nel passato. 

Altro aspetto importante è sicuramente il comparto grafico, che diciamo subito non essere impeccabile. Infatti, se presi singolarmente, gli oggetti tendono a sfocare e questo è poco accettabile in un videogioco che invece vuole proporre paesaggi davvero mozzafiato. Tuttavia è importante considerare che tutto questo è solo mera cornice che fa da sfondo alla nostra macchina, ed in questo contesto dobbiamo considerare che il tutto è da vedere in movimento a velocità elevata. Ed è proprio qui che la cornice assume il suo aspetto migliore, mostrandoci il colpo d’occhio perfetto mentre sfrecciamo lungo il tracciato. Certo, questa non vuole essere una giustificazione, ma sicuramente è da considerare nell’insieme. 

Siamo quindi giunti al momento di parlare del gameplay. Premettiamo, anzitutto, che quando viene avviato per la prima volta, il gioco ci propone un parco base dove mettere alla prova le nostre abilità. In base a come guideremo il gioco imposterà per noi gli aiuti durante la guida. Guida che, per altro, appare davvero ben realizzata ed in grado di restituire una sensazione più verosimile che in passato, attraverso una manovrabilità accurata che varia da tracciato a tracciato e da condizione a condizione. Attenzione però, perché se da un lato queste migliorie risultano estremamente apprezzabili dal punto di vista del realismo e della sensazione di guida, dall’altro portano ad un gameplay a nostro avviso un po’ troppo punitivo verso i giocatori più in erba. Anche con gli aiuti la situazione non sembra migliorare granché, e troppo spesso si rischia il ribaltamento, l’uscita di pista o, più banalmente, di andare in testacoda. Si conferma, dunque, la tendenza della scarsa inclinazione verso tutti i giocatori non appassionati della serie, che da una parte premia in maniera eccellente i più esperti, ma che dall’altro rende davvero difficile l’accesso al gioco ai neofiti. 

In Conclusione

WRC9 si pone di fatto come caposaldo del genere, in un’evoluzione del precedente capitolo apprezzabile ma non determinante. Il gioco, infatti, resta davvero complicato per chi è alle prime armi e la manovrabilità, sopratutto in certe condizioni, resta impraticabile anche per i più esperti. Il tutto contrasta con la grande completezza di sensazione che restituiscono i tracciati e le macchine, come anche con il livello di dettaglio e di qualità che il gioco punta a raggiungere. Un ottimo risultato, tranne che per un comparto grafico definitivamente non all’altezza.

La recensione è stata effettuata grazie al codice promo fornito dallo sviluppatore per PS4. 

Mostra tutto

Andrea Megazzini

Nato nel 96' nella città "Superba per uomini e per mura" il fato mi concesse di appassionarmi al calcio, e quindi al Genoa. Il mio rapporto con i videogiochi partì proprio da FIFA 99, ma è proseguito in strade molto diverse con tanti GDR e qualche FPS. 3 giochi preferiti? Red Dead Redemption, The Witcher 3 e Skyrim.
Back to top button