I responsabili dei leak di The Last Of Us Part II non fanno parte di Naughty Dog secondo Sony

I leak e gli spoiler riguardanti The Last of Us: Part II usciti recentemente in rete nel corso di questi giorni sono l’argomento più scottante del mondo videoludico, tant’è da far scattare la ricerca del colpevole.

Al’inizio si pensava che fosse un ex dipendete della casa produttrice del titolo ovvero Naughty Dog, scontento delle condizioni di lavoro molto ardue (il famoso crunch molto diffuso nel mondo della programmazione) e per mancati pagamenti di bonus dovuti al lavoro in più. Un rumor quanto affermato ma che è stato smentito da una voce molto affidabile come il collega e insider Jason Schreier.

Ci sono anche i complotti ideologici contro il titolo in quanto alcuni non apprezzino la scelta LGBTQ su alcune tematiche trattate dal titolo. Tutte supposizioni che arricchiscono questo caso di leak con un elemento ufficiale da parte di Sony rilasciate sul sito di GamesIndustry.biz

Sony ha identificato che gli individui principali di questo leak non fanno parte a Sony Interactive Entertainment o Naughty Dog come detto da alcuni rumor. Alla fine Sony non ha rilasciato altri dettagli in merito alla questione dichiarando solamente che sono in corso delle indagini.

E’ un pezzo importante che si aggiunge e sembra confermare un non conivolgimento interno ma esterno alla compagnia. Continuiamo a non sapere di chi si tratta ma soprattuto quali fossero le motivazioni di tale gesto ma per il momento questo è tutto quello che possiamo dire.