Jason Schreier: “Dopo aprile i giochi usciranno in ritardo”

Parla il giornalista Jason Schreier: “I videogiochi di Marzo e Aprile ce la faranno, ma per quelli che verranno dopo non ci scommetterei“.

Il Coronavirus, si sa, sta mettendo in ginocchio una moltitudine di settori che riscontrano grande difficoltà nel produrre i propri beni in questo periodo. Anche il mondo videoludico non fa eccezione. Se pur con qualche speranza riposta nel fenomeno dello smart working, che consente ai dipendenti di operare da casa, anche i videogiochi previsti in uscita dopo Aprile 2020 potrebbero subire ingenti ritardi.

È proprio questa l’idea del giornalista Jason Schreier, che ieri sera, attraverso il suo account Twitter, ha fatto pervenire la sua visione sui possibili “delay” che i giochi potrebbero subire: “Certo non è la cosa più importante al mondo ora, ma non passerà troppo tempo prima che l’epidemia di Covid-19 inizi a far ritardare anche alcuni videogiochi. Tutti quelli previsti a marzo e aprile probabilmente ce la faranno, ma per quelli che verranno dopo non ci scommetterei“.

Una visione più che probabile, anche se per quanto riguarda Cyberpunk 2077, uno dei titoli più attesi di questo 2020, CD Projekt RED ha già fatto sapere che l’uscita, prevista nel mese di Settembre, non subirà ritardi di sorta grazie allo smart working intrapreso dal team di sviluppo.