EA e Rockstar smart… working: lo sviluppo ai tempi del Coronavirus

EA e Rockstar non mollano lo sviluppo dei nuovi videogiochi e scelgono la via dello smart working per i propri dipendenti.

Non c’è proprio nulla su cui scherzare. Lo hanno capito anche le grandi case di produzione videoludiche, che questo Coronavirus non è una semplice influenza. Il rimedio? Stare in casa, si, ma portando avanti i lavori rimasti in cantiere. Su questa linea si sono schierate sia Rockstar che EA, che hanno deciso di chiudere i propri uffici ovunque nel mondo e di favorire il cd lavoro a distanza (o smart working) per portare a termine i propri progetti.

Rockstar ha fatto sapere questa mattina, attraverso il proprio account twitter, di aver preso la decisione di tenere chiusi tutti gli uffici sparsi nel mondo e di aver fornito ai propri dipendenti le chiavi per intraprendere il percorso di realizzazione dei videogiochi attualmente in fase di sviluppo attraverso il lavoro da casa.

EA, dal canto suo invece, ha fatto sapere che sarà obbligatorio per tutti i suoi impiegati in Europa, Asia e Nord America di lavorare attraverso lo smart working almeno fino al 1° Aprile, e che tutti gli eventi dal vivo riguardanti i vari e-sports sono ufficialmente annullati. Tra questi ricordiamo Apex Legends Global Series, FIFA 20 Global Series, FIFA Online 4 Live Events e Madden 20 Championship Series. Rimangono validi, tuttavia, gli eventi previsti online nel mese di Marzo.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com