Resident Evil 3: niente finali multipli e niente modalità Mercenari

Resident Evil 3 Remake, al secolo noto come Resident Evil 3: Nemesis, è sicuramente uno dei titoli più attesi nel 2020. Nel corso di una intervista con PlayStation Magazine UK, Peter Fabiano, producer del gioco, ha rivelato numerosi dettagli.

Eccoli qui di seguito:

- Non dovreste aspettarvi un'esplorazione di Raccoon City come in un gioco Open World. Ma ci saranno molte esplorazioni in molte aree della città.
- Nemesis utilizzerà una versione migliorata dell'IA sviluppata per Tyrant of Resident Evil 2 Remake.
- Il suono sarà molto importante in una città come Raccoon City, dovrete fare affidamento su di essa per anticipare i pericoli che vi attendono dietro l'angolo.
- Confermato che visiteremo le strade, i negozi, il distributore di benzina Stagla, gli uffici Raccoon Press, l'ospedale.
- Nemesis è stato creato nella vita reale per poter essere scansionato tramite fotogrammetria.
- La modalità mercenari non ritorna.
- I worm mutanti torneranno.
- Carlos sarà giocabile.
- Non ci sarà il meccanismo di scelta dell'azione come nell'originale, che potrebbe dare diverse sequenze di gioco in seguito o un vantaggio rispetto a un pericolo.
- Non ci saranno più finali. Sarà quindi interessante sapere chi volerà l'elicottero alla fine del gioco e se Nicholai sopravviverà o meno.