In UK le loot box potrebbero essere classificate come gioco d’azzardo

In un rapporto intitolato Gaming The System (che dovrebbe essere pubblicato oggi 22/10), il Commissario per l’infanzia per l’Inghilterra Anne Longfield chiede alle autorità di includere le loot box nella legislazione sui giochi d’azzardo. Inoltre, sollecita anche i giochi a introdurre limiti di spesa giornaliera per frenare le spese eccessive

“I bambini ci hanno detto che temono di giocare d’azzardo quando acquistano delle loot box, ed è chiaro che alcuni bambini stanno spendendo centinaia di sterline per inseguire le loro perdite”, ha affermato Longfield. “Voglio che il governo classifichi le loot box in giochi come Fifa come una forma di gioco d’azzardo”.

Questo lo apprendiamo da VG247 e il fenomeno sta diventando veramente preoccupante, visto che addirittura ci si muove a livello governativo per arginare questo problema. La Longfield ha affermato che non ritiene che in generale i videogiochi siano dannosi, che anzi stimolino l’apprendimento e la coordinazione, ma al contempo è molto preoccupata dalle spese che molti ragazzi affrontano solo per ottenere aleatori vantaggi in-game. Un ragazzino di 14 anni, riguardo a quanto accade su Fifa, ha dichiarato che “Non ottengo mai niente dai pacchetti, ma li continuo a comprare lo stesso”.

Secondo noi è un bene che questo fenomeno venga affrontato serriamente e senza pregiudizi, cercando di bloccare le microtransiazioni prima che diventino un serio problema sociale.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com