Epic Games smetterà con le esclusive se Steam pagherà di più gli sviluppatori

È risaputo che una delle caratteristiche con cui l’epic games store si è presentato è l’alta percentuale di ricavo per gli sviluppatori.

Lo store di epic, infatti, dà agli sviluppatori l’88% dei ricavi dei titolo in qualunque caso, al contrario di Steam che in base al motore di gioco utilizzato, fornisce il 65% o il 70%.

Questo è uno dei motivi per i quali molte software house hanno reso i propri giochi non disponibili sulla piattaforma di Valve, temporaneamente o permanentemente, preferendo invece la concorrente.

La situazione controversa ha creato diversi problemi, dai giocati PC che sono costretti ad usare una nuova piattaforma alle review bombing per titoli come Metro, per colpa dell’esclusività.

Tim Sweeney, CEO di Epic Games, forse stanco della situazione, ha affermato che se steam darà anch’esso agli sviluppatori l’88% dei ricavi, la società valuterà di mettere i propri giochi, attualmente in esclusiva, su steam.

“If Steam committed to a permanent 88% revenue share for all developers and publishers without major strings attached, Epic would hastily organize a retreat from exclusives (while honoring our partner commitments) and consider putting our own games on Steam.”


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.