L’Autorità sulla concorrenza britannica mette sotto inchiesta Microsoft, Sony e Nintendo

VG247.com ci informa che il governo britannico ha deciso di attivare la Competition and Markets Authority per indagare sulla correttezza e sulla legalità dei servizi online forniti da Microsoft, Sony e Nintendo con Xbox Live, PlayStation Network e Switch Online.

L’iniziativa assunta dall’autorità inglese garante della concorrenza e dei mercati si pone l’obiettivo di esaminare attentamente l’aumento dei prezzi e le politiche commerciali portate avanti dai tre colossi attraverso gli abbonamenti mensili a servizi come Xbox Game Pass e PlayStation Plus.

L’indagine della Competition and Markets Authority si focalizzerà inoltre sull’accessibilità dei servizi che comprendono la cancellazione dei preordini, le politiche di rimborso e il rinnovo automatico.

“L’Autorità garante della concorrenza e dei mercati è preoccupata dal fatto che alcune delle pratiche commerciali di queste società siano legali”, ha voluto dichiarare la CMA, prima di aggiungere che “se la CMA(acronimo che sta per Competition and Markets Authority, ndr) riterrà che le pratiche delle società in questione siano fuorvianti o che i loro termini siano iniqui, tali da infrangere la legge sulla protezione dei consumatori, potrebbe prendere delle misure a difesa di questi ultimi e di contrasto per le aziende interessate”.

Nel corso del 2018, il mercato che gravita attorno all’intrattenimento domestico,  ha registrato ben 5,7 miliardi di sterline di incassi, in aumento rispetto all’anno precedente.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.