Everspace Stellar Edition (Nintendo Switch) – Recensione

Ho iniziato a giocare ad Everspace a gennaio 2017 su PC. Non c’era una vera storia e il ciclo di gioco era abbastanza ripetitivo Ci ho giocato per qualche giorno per poi abbandonarlo. Poi è uscita la Stellar Edition per PS4 e finalmente il gioco ha preso forma più definita e mi sono piacevolemnte dedicato a lunghe sessioni di gioco che mi hanno realmente intrigato, poiché era stata introdotta finalmente una trama interessante. Dopo quasi due anni Everspace è arrivato adesso su Switch e subito mi sono posto il dubbio se questa versione fosse in grado di mantenere gli standard che aveva sulle altre piattaforme. Fortunatamente non sono rimasto deluso.

Facciamo un riepilogo di cosa sia il gioco. Everspace è uno sparatutto spaziale roguelite. Si parte con una nave base armata con un laser, un cannone gatling e dei missili. Il nostro compito è quello di viaggiare da un settore all’altro ed ogni settore è generato proceduralmente, popolato con diverse risorse da raccogliere, insieme a relitti e asteroidi da esplorare.
Nel gioco incontreremo varie fazioni, ognuna con le proprie alleanze. Alcune di esse ci attaccheranno a vista, altre solo se le provocheremo, ma tutte le navi presenti in ogni settore rappresentano sia un rischio che una ricompensa.
I nemici infatti, quando sono distrutti, perdono risorse e denaro, insieme ad armi e equipaggiamenti per la nostra nave. La nostra più grande preoccupazione è quella di avere una scorta di carburante sufficiente per poter passare al settore successivo. Il carburante è quindi il bene più prezioso che si trova più spesso in grandi serbatoi. Essi però sono controllati da una fazione molto potente che, sebbene generalmente non aggressiva, ci attaccherà senza remore quando li distruggeremo per rifornirci.
Un metodo rischioso ma proficuo è quello di attendere che i suddetti serbatoi vengano attaccati da una delle fazioni aggressive, per poi prendere il carburante una volta finito l’assalto, oppure guidare gli attaccanti verso i serbatoi e lasciare che siano loro ad attaccarli. Questa soluzione implica il fatto che possiamo prendere tranquillamente le celle di combustibile, mentre la fazione che le possiede fa piazza pulita degli aggerssori.

Dovete però sapere che durante le prime partite potremo avanzare solo di qualche settore, perchè le nostre capacità offensive e difensive sono molto scarse. Essere distrutti significa iniziare un nuovo viaggio attraverso nuovi settori. Però Everspace, come ogni buon roguelite che si rispetti, ci da l’opportunità di spendere i crediti che abbiamo guadagnato durante la nostra ultima missione. Questi crediti possono essere utilizzati per acquistare aggiornamenti permanenti per la nostra nave e per l’acquisto di nuove navi, oppure progetti per costruire scudi e potenziamenti per learmi.
Con questo flusso costante di vantaggi sempre crescenti, saremo in grado di condurre la nostra nave sempre più lontano attraverso i settori.
Lungo la strada incontreremo una varietà di personaggi che ci offriranno sia utili e remunerative missioni secondarie, ma anche interessanti approfondimenti sul nostro oscuro passato.
Grazie a questo flusso costante di nuovi personaggi, chiarimenti sulla trama e nuove attività, la natura ripetitiva del gameplay roguelite viene molto addolcita, rendendo il gioco un flusso continuo che non si limita a morti e ripetizioni senza fine.

Everspace può essere giocato in terza o in prima persona. Personalmente uso entrambi le modalità, cambiando spesso visuale, per affrontare in maniera diversa le situazioni di combattimento e quelle di esplorazione.
La mia paura più grande, avendo visto il gioco girare sia su PC che sulla PS4 Pro, era le resa visiva, ma devo ammettere che Everspace regge abbastanza bene anche su Switch, a parte qualche sporadico calo di risoluzione e/o framerate in alcuni scenari. Un tipo di settore in particolare presenta dei densi agglomerati nuvolosi che combinati con elementi dalla geometria complessa, risultano essere un po’ troppo gravosi per il motore. Nonostante questo, Everspace su Switch sembra sorprendentemente comparabile alle versioni viste sinora su altre piattaforme.

In conclusione

Everspace è lo sparatutto spaziale più aperto che potete trovare su Switch.
Ha un alto indice di rigiocabilità e il  gameplay segmentato settore per settore è perfetto per il gioco anche in modalità handheld. Oltretutto l’inserimento di una storia di fondo ci porterà ad andare laddove mai nessuno è giunto prima


8.5
voto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.