LEGO DC Super-Villains – Recensione

Ogni anno, puntualmente, oltre ai vari Call of Duty, FIFA, Pro Evolution Soccer, fa capolino almeno uno o due titoli LEGO ispirati a una qualsivoglia celebre serie. Nel corso degli anni, infatti, i celebri mattoncini danesi sono stati protagonisti di decine di trasposizioni videoludiche che hanno spazio da Harry Potter a Jurassic Park, passando per i supereroi Marvel e quelli DC. Questa volta, però, Traveller’s Tale ha ben pensato di raccontare una nuova storia che vi permetterà per la prima volta di vestire i panni di alcuni Supercattivi dell’universo DC Comics.

La storia di LEGO DC Super-Villains ha inizio nella sempre tetra Gotham City, dove il famigerato Lex Luthor tenta una fuga dal carcere in compagnia del Joker e di Harley Quinn. L’intervento della Justice League non tarderà ad arrivare ma improvvisamente un’altra schiera di supereroi provenienti dal pianta Terra-3 riesce a imprigionare i supereroi e a sostituirsi a loro. Contrariamente a quanto è possibile immaginare, i super cattivi di turno non ne approfitteranno della situazione ma, piuttosto, cercheranno di allearsi tra loro al fine di ristabilire l’ordine delle cose.
Quella raccontata in soldoni poc’anzi è la trama che fa da sfondo alle vicende narrate in LEGO DC Super-Villains, una trama decisamente diversa dai canoni tradizionali LEGO e che permette di vivere, per la prima volta, una storia dal punto di vista dei cattivi. Come è possibile immaginare, nel corso delle vicende non mancheranno numerosi scambi di battute, gag, e scenette comiche capaci di strappare più di qualche risata anche ai giocatori più attempati.

Se avete provato qualche titolo LEGO del passato, ricorderete sicuramente la possibilità di vestire i panni di uno tra decine di personaggi. In LEGO DC Super-Villains, oltre alla tradizionale caratteristica citata in precedenza, avrete la possibilità di creare un vostro alter-ego virtuale combinando tra loro decine di elementi che vanno dal taglio di capelli, alla forma della bocca, passando per gli occhi, aggiungendo chiaramente accessori e selezionando il suo abbigliamento. La possibilità di creare il proprio personaggio è sicuramente affascinante, peccato però che questo riguardi puramente il fattore estetico: indipendentemente dal tipo di personaggio che avrete creato, il plot narrativo è sempre lo stesso e il Superpotere della “Recluta” si limita alla possibilità di acquisire tutti gli altri tipi di poteri. Per quel che riguarda i super poteri, sarà possibile ottenerne un discreto numero delle più svariate tipologie come il raggio infuocato (dove potrete scegliere anche il tipo di raggio da “sparare”) o la possibilità di ingrandire o rimpicciolire il corpo del nostro eroe.
Superata la questione della customizzazione, ahimè, siamo sempre di fronte al consueto gioco LEGO che richiede ai giocatori di procedere nei diversi scenari, superare gli enigmi necessari all’accesso a nuove aree di gioco e menare le mani ai diversi nemici minori. Come sempre per procedere nell’avventura sarà necessario che il giocatore cambi il personaggio utilizzato più volte all’interno della stessa missione, al fine di sfruttare le sue abilità esclusive. Insomma, sebbene LEGO DC Super-Villains non offra praticamente nulla di veramente nuovo, il prodotto di Traveller’s Tale è un gioco che scorre piacevolmente missione per missione, fino alla sua fine, grazie al suo design colorato (sebbene più tetro del solito) e scanzonato.
Nel corso delle diverse missioni che compongono la campagna principale (ma anche alla fine della stessa grazie alla modalità Gioco Libero), i giocatori avranno la possibilità di esplorare la versione “Lego” di alcune celebri location tratte dai fumetti DC Comics, alcune fedelmente realizzate. Come accennavamo poc’anzi, alla fine del gioco sarà possibile accedere alla modalità Gioco Libero vestendo i panni di uno tra i 162 personaggi utilizzabili, al fine di sbloccare oggetti speciali e ottenere nuovi mattoncini lego. Non mancheranno inoltre degli “aiuti” sbloccabili alla voce Extra del menù di gioco che consentiranno ai giocatori un po’ più giovani di ottenere qualche piccolo vantaggio.

Dal punto di vista tecnico, LEGO DC Super-Villains non offre sostanziali differenze per quel che riguarda la grafica in-game. Abbiamo invece notato gli enormi passi in avanti fatti dagli sviluppatori durante le varie cut-scene che si presentano questa volta più belle del solito, grazie soprattutto alle animazioni molto fluide. Il doppiaggio si presenta ancora una volta eccellente e completamente in lingua italiana, con attori capaci di calarsi alla perfezione all’interno delle situazioni surreali presenti nel gioco.

Giudicare LEGO DC Super-Villains come una semplice copia degli altri titoli della serie sarebbe offensivo in quanto è evidente l'impegno che gli sviluppatori ci hanno messo nella realizzazione del gioco, ma è forse il momento che la serie cambi rotta, introducendo nuove dinamiche e nuove caratteristiche. Tutto sommato siamo di fronte a un platform piacevole, fresco e divertente, capace di intrattenere maggiormente i giocatori più giovani, ma anche in grado di divertire quelli più grandi tra un titolo maturo e l'altro.
7.5
voto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.