The World Ends With You – Final Remix – Recensione

Come molti di voi avranno potuto notare, nell’attuale generazione di console il numero di titoli “remastered” è veramente esorbitante, e mentre alcuni publisher si limitano ad offrire il prodotto cosi com’era un tempo, altri cercano di arricchire la release originale di contenuti oppure cercano di svecchiarne il lato tecnico. Nintendo, dal canto suo, ha  cercato di non abusare del concetto di remastered, ma limitandosi a riproporre su Switch titoli non troppo valorizzati nel corso del tempo; e così, dopo un’eccellente ripubblicazione di Mario Kart 8, il colosso di Kyoto ha deciso di rilasciare The World Ends With You, titolo originariamente rilasciato su Nintendo DS nel lontano 2008.

Non prendiamoci in giro, in un videogioco la comprensione dei testi è importante, e soprattutto quando si parla un gioco di ruolo, è indispensabile che il giocatore abbia le idee chiare su ciò che sta facendo e su cosa stia avvenendo a schermo. In questa versione per Nintendo Switch, definita Final Remix, The World  Ends With You si presenta finalmente sottotitolato in lingua italiana, risultando così molto più godibile e comprensibile nonostante l’annodatissima trama.
In The World  Ends With You  vestiremo i panni di Neku, un ragazzo solitario che, dopo avere incontrato la misteriosa Shiki, si troverà improvvisamente catapultato all’interno di un gioco mortale, dove se non riuscirà a portare a termine la missione del giorno che gli sarà assegnata, sarà inevitabilmente eliminato e la sua esistenza cancellata. Ovviamente Neku e Shiki non sono gli unici partecipanti al gioco mortale e infatti altri personaggi faranno la loro comparsa nel corso dell’avventura per aiutare i due protagonisti (oppure per ostacolarli).


La struttura di gioco è rimasta praticamente inalterata rispetto alla sua versione originale e catapulta il giocatore all’interno di una mappa bidimensionale in cui i protagonisti si muovono e duellano in tempo reale contro delle entità maligne  (Reaper o Shinigami nella versione giapponese) dalle diverse forme. Vista la natura originale del titolo, The World  Ends With You è un prodotto che fa dei comandi tattili il suo fulcro principale: attraverso lo sfioramento dello schermo è infatti possibile muovere il personaggio sia alll’interno della mappa, sia all’interno dei vari combattimenti, utilizzando inoltre appositi pulsanti a schermo sarà possibile chiamare in battaglia il compagno di squadra. Discorso simile è quello che riguarda gli attacchi poiché è indispensabile che il giocatore esegua un certo tipo di sfioramento dello schermo per attivare il comando desiderato (ma di questo parleremo meglio più avanti). Il sistema di controllo richiede un po’ di tempo per essere digerito e l’assenza di una penna su Nintendo Switch si sente poiché avrebbe sicuramente facilitato l’approccio a un sistema di comando interamente touch che, come è possibile dimostrare, non è stato ancora completamente sfruttato sulla console ammiraglia Nintendo. Non manca, inoltre, la possibilità di gestire il sistema di controllo attraverso i Joycon ma, in tutta onestà, questa soluzione non ci ha pienamente convinto.

Accennavamo in precedenza alla necessità di eseguire un particolare tipo di sfioramento dello schermo al fine di eseguire l’attacco desiderato. In The World Ends With You – Final Remix gli attacchi e i comandi utilizzabili da Neku sono vincolati alle diverse spille che il protagonista otterrà dai diversi combattimenti o che potrà acquistare nei diversi store presenti nel distretto di Shibuya (zona realmente esistente a Tokyo). Il numero di spille ottenibili è veramente enorme e il nostro eroe potrà eseguire un vasto numero di attacchi delle più svariate tipologie, che vanno dal semplice attacco fisico a una fiammata, alla possibilità di utilizzare la telecinesi. Il protagonista, inoltre, sarà capace di leggere nella mente degli altri personaggi presenti all’interno del gioco e ottenere così maggiori informazioni su quello che sta accadendo e sulla prossima mossa da eseguire.
In The World Ends With You – Final Remix i giocatori potranno personalizzare i due protagonisti acquistando i vari capi di abbigliamento nei negozi di Shibuya, aumentando l’affinità col negoziante e sbloccando così  sempre più contenuti.  Gli indumenti acquistabili apparterranno a diverse marche e ognuna di esse sarà di “grido” in una particolare area di gioco: indossare un abbigliamento in voga in una certa zona, permetterà a Neku di ottenere alcuni bonus in battaglia. Girando per i negozi sarà possibile inoltre acquistare del cibo che, una volta digeriti, permetteranno ai due protagonisti di sfruttare alcune abilità in battaglia. Non mancano inoltre punti esperienza ottenibili dopo la battaglia ma, a differenza di tanti altri giochi di ruolo, in The World Ends With You – Final Remix livellare servirà principalmente (se non addirittura esclusivamente) ad aumentare gli HP del personaggio.

Come avrete potuto capire leggendo fino a questo punto, The World Ends With You – Final Remix è un titolo abbastanza sopra le righe, capace di rompere oggi come allora le strutture GDR a cui siamo stati abituati. Dal punto di vista tecnico il team di sviluppo ha eseguito un lavoro di restyling grafico notevole, proponendo modelli in alta definizione dei personaggi e una maggiore cura nelle diverse scenette di dialogo tra i vari personaggi.
In The World Ends With You – Final Remix, come nella versione originale, particolare menzione merita la colonna sonora che presenta oltre una quindicina di brani inediti appartenenti sia al genere Pop sia a quello Techno, ognuno di essi accompagnato da una voce che canta o in lingua inglese o in lingua giapponese. Divino.

Senza troppi giri di parole, The World Ends With You - Final Remix è sicuramente una di quelle remastered di cui il mercato videoludico aveva bisogno al fine di riscoprire uno dei migliori rappresentanti del genere GDR. Bello da vedere e da sentire, The World Ends With You - Final Remix rappresenta una ventata di freschezza, con un gameplay frenetico e divertente unito a una trama appassionante che è possibile giocare insieme a un amico grazie alla modalità di gioco cooperativa. Certo la quest principale è un po' troppo "telefonata" e si rischia di giungere rapidamente alla fine del gioco per quanto è bello, ma una manciata di attività secondarie e una quest finale aggiuntiva sono capaci di regalare qualche ora di divertimento in più. Da comprare, soprattutto se non avete giocato la prima versione del gioco.
9.5
voto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.