Forza Horizon 4 – Recensione

Apri gli occhi. Ascolta attentamente la mia voce. A ogni parola, ad ogni numero scandito, andrai più veloce… E quando arriverò a 10, sarai ad Horizon. Uno. Le tue pulsazioni accelerano. Due. I tuoi amici ridono sui sedili posteriori. Tre. Avanzi sempre più veloce, l’oceano ruggisce al tuo fianco. Quattro. I tuoi pensieri diventano impalpabili e si perdono al vento come polvere. Cinque. Luci colorate brillano all’orizzonte. Sei. Le luci ondeggiano… E una foschia azzurra ti sommerge. Sette. Stai correndo all’impazzata verso l’infinito. Otto. La folla è in delirio. Nove. Ti accoglie un mondo sconfinato e pieno di colori. Al mio dieci, la realtà che conosci sarà soltanto un ricordo e sarai finalmente ad Horizon. E… Dieci.

È con l’introduzione pazzesca di Forza Horizon 2 che voglio iniziare. I brividi, i momenti, la folla, la velocità. Tutte queste parole hanno un solo elemento in comune: Forza Horizon. Il racing game sviluppato da Turn10 e Playground Games è entrato nel cuore di tutti i giocatori Xbox e ad ogni nuova uscita riesce a coinvolgere altri appassionati, diventando tra le serie racing più importanti del panorama videoludico. Oggi parliamo di Forza Horizon 4 infatti, la quarta incarnazione di questa incredibile serie presto in uscita su Xbox One e Windows 10, dal 28 settembre per gli acquirenti della versione Ultimate Edition e dal 2 ottobre per tutti gli altri, tra cui anche gli abbonati al servizio Xbox Game Pass. Ma bando alle ciance e analizziamo questo ennesimo e – spoiler – sorprendente capitolo.

Collezione Autunno-Inverno

Una delle più grosse novità è l’introduzione delle stagioni dinamiche. Qui vorrei un attimo soffermarmi sulla questione “dinamica” delle stagioni. Per ovvi limiti tecnologici, il susseguirsi delle stagioni come un semplice ciclo giorno/notte è praticamente impossibile, o almeno lo è per questo tipo di gioco. Le stagioni cambieranno quindi ogni settimana, più precisamente ogni giovedì pomeriggio. La prima delle stagioni è l’autunno è il mondo di gioco si trasforma completamente. Dinanzi a noi abbiamo una distesa cupa, un mondo completamente immerso nei colori spenti del affascinante autunno, con colline dalla tonalità marrone scuro, prati secchi e meno colorati, totale assenza di fiori e cielo terso. Ogni volta che vi fermate ad ammirare il mondo di gioco, non potete non rimanere incantati dall’incredibile qualità artistica dei paesaggi.  A questo si aggiungono diversi dettagli interessanti come le foglioline che cadono dagli alberi, oppure strade fangose piene di pozzanghere, incredibilmente realistiche anche per quanto concerne il gameplay, con l’aquaplaning che dirotterà la traiettoria dell’auto. Tutto è perfettamente godibile e si tratta della stessa qualità di un qualsiasi Forza Horizon, ossia che il mondo di gioco sembra creato a posta così. Ma invece c’è ne sono altri tre.

L’inverno, per esempio, che segue l’autunno, si mostra completamente differente rispetto al precedente. Le distese cupe e spente fanno spazio a quelle completamente bianche, innevate. Il mondo di gioco si trasforma quindi, passando anche ad un cielo più sereno, nonostante non manchino burrascose nevicate. Tutti i laghi diventano ghiacciati e ci si potrà anche correre sopra, cosa che in altre stagioni non è possibile. Le case sono addobbate con luci e colori natalizi, così come si nota la presenza di pupazzi di neve un po’ ovunque e alberi completamente spogli. Anche qui, la qualità è incredibile, addirittura migliorata rispetto all’espansione Blizzard Mountain di Forza Horizon 3. A seguire abbiamo Primavera ed Estate, dove la prima mostra un mondo di gioco completamente fiorito, pieno di colori grazie ai fiori di diverso colore, ma anche un clima più misto, spesso poco prevedibile con cambi repentini del meteo. Si formano spesso pozzanghere fangose e, in alcuni casi, la nebbia limita di molto la visibilità di gioco. L’estate, invece, mostra finalmente un sole forte, caldo e luminoso. Il mondo è ormai completamente immerso nel verde, prati ovunque, papaveri alti e strade asciutte. Non mancano di certo temporali o piogge, ma il cielo è decisamente più azzurro di altre volte. E anche qui, sfrecciando per tutte le strade del gioco, possiamo notare come ogni stagione abbia tutte le sue prerogative, perfette e sinuose. Nulla è lasciato al caso, e ogni settimana il mondo cambierà e non ci sembrerà più lo stesso, mostrandoci una cura al dettaglio maniacale e rara nelle produzioni odierne.

Collezione Primavera-Estate

Se le stagioni sono la più grossa novità di questo Forza Horizon 4, ciò non significa che queste siano finite. Rispetto al terzo capitolo, qui non saremo più il Boss di Horizon che deve migliorare e rendere il Festival quello migliore di sempre, ma un semplice Rookie che vuole diventare qualcuno nel Regno Unito. La prima grossa novità è il nostro avatar. Già in Forza Horizon 3 abbiamo avuto un accenno del nostro personaggio di gioco, ma qui avrà decisamente più importanza, infatti ha una sua propria storia e vita. Sarà possibile per noi comprare case, che ci daranno dei particolari bonus, e anche attività commerciali così da poter guadagnare crediti di gioco per migliorare il nostro Garage. Possiamo modificare il nostro avatar in tutte le sue forme, partendo però da dei modelli base, alcuni maschili e altri femminili. Possiamo cambiare i nostri capi di abbigliamento ogni volta che vogliamo, decidendo busto, pantaloni, scarpe, cappello, accessori e altro ancora. Per quanto concerne la storia, abbiamo quatto modalità che ci mettono nei panni di uno Stuntman per uno studio cinematografico, corridore per un programma basato sui videogiochi e una specie di autista per persone importanti. 

Non essendo più i Boss di Horizon, dobbiamo farci conoscere a livello mondiale e per farlo dobbiamo vincere corse, effettuare acrobazie e completare i vari eventi stagionali. Quindi salutiamo i Fan del terzo capitolo e facciamo spazio ai Follower, che rispecchiano decisamente di più l’impronta social che ha ricevuto il gioco. Più vinciamo, più ne conquistiamo, lo stesso dicasi per le acrobazie dei salti o dei vari autovelox che facciamo impazzire: il nostro obiettivo è quello di diventare piloti di fama internazionale. Sempre in riferimento alle novità e al lato social del gioco, abbiamo degli eventi settimanali che saranno propri della diverse stagioni, ossia dei campionati a tempo a tema Autunno, Inverno, Primavera ed Estate. Questi, insieme a tutti gli altri eventi normali, sarà possibile effettuarli in giocatore singolo, in cooperativa o in PvP. In Forza Horizon 3 era stata inserita l’avventura in cooperativa, ma qui abbiamo un netto passo avanti. Tutto il mondo di gioco è ora condiviso e per strada camminano giocatori veri, con la possibilità di interagire con loro usando diverse opzioni di dialogo oppure la chat di gioco vocale. Lo stesso, ogni evento si può completare in PvP giocando contro giocatori reali trovati in matchmaking. Si tratta di opzioni incredibilmente gradite, in quanto rendono l’esperienza completamente aperta a tutto il mondo di gioco, e considerando che la community di Forza Horizon è così vasta, ogni giocatore non si sentirà mai solo.

Parola d’ordine: Varietà

Forza Horizon 4 è un racing game, quindi l’obiettivo finale del gioco è semplicemente quello di vincere corse. Per molti può sembrare un gioco che quindi offre “poco”, mentre questa saga ha sempre dimostrato di riuscire a fare l’opposto. Catapultati nel mondo di gioco, ci vengono presentati i vari eventi di gioco: che siano corse su Circuito, Sprint, Cross-Country, Accelerazione o anche Clandestine, Forza Horizon 4 non risulta mai uguale, non stanca mai. Ogni evento sembra una storia a sé, non a caso si avanza per livelli: superando diverse gare di un certo tipo, avanzeremo al prossimo livello che ce ne sbloccherà altre, fino ad un punto finale in cui ci sarà un’esibizione particolare ad attenderci. A questo proposito è doveroso sottolineare che il gioco ha tantissimi eventi diversi e che il raggiungimento di tutti i massimi livelli chiede ore e ore di gioco. Ad aggiungersi a questi ci sono i già citati eventi stagionali che cambiano ogni settimana. Completare gli eventi ci permette di salire di livello e di ricevere nuovi bonus, capi d’abbigliamento, crediti e nuove auto. Rimanendo su quest’ultime, nel gioco base ci sono ben 450 auto dei maggiori esponenti automobilistici, tra cui BMW, Audi, Alfa Romeo, Ferrari, Lamborghini e tantissimi altri.

Ma la mappa di gioco non offre soltanto eventi di corsa. Nel nostro semplice girovagare sui e giù per la Gran Bretagna abbiamo cartelli da rompere per avere dei bonus, acrobazie da completare, zone di derapate da conquistare e autovelox da distruggere, e non solo. Ogni ora parte l’evento Horizon Live, che ci permette di partecipare a tre diversi eventi sulla mappa con tutti i giocatori del server che vogliano partecipare: il risultato è una baraonda incredibilmente divertente che dà la possibilità di ricevere dei punti da spendere nel Negozio Settimanale. Oltre alle stagioni e agli eventi settimanali, infatti, ci sono anche le sfide giornaliere e settimanali che richiedono di completare dei particolari obiettivi. Questi varieranno ogni settimana al cambiamento della stagione, così come il Negozio cambierà gli oggetti in vendita. Insomma la varietà nel gioco non manca, possiamo partecipare ad eventi diversi tra loro e possiamo divertirci con gli amici nei diversi eventi live che avvengono sulla mappa.

 Una Gran Bretagna spettacolare

Abbiamo parlato del gioco, abbiamo detto più o meno tutte le cose importanti. Ora ci dobbiamo soffermare sul lato tecnico, che è davvero incredibile. La prova del gioco è stata fatta su Xbox One X e ciò che si presenta su schermo è eccezionale. La qualità delle texture, dei riflessi, dell’illuminazione e soprattutto della direzione artistica è di quanto più alto ci sia sul mercato odierno. Sfrecciare in 4K con quella qualità visiva è davvero una gioia per gli occhi. Ma non è l’unica opzione disponibile, almeno sulla console premium di Microsoft. Abbiamo infatti una seconda impostazione che premia le prestazioni piuttosto che la qualità visiva. Volevate un Forza Horizon a 60fps su console? Xbox One X è capace di farlo, al netto di una risoluzione più bassa e qualche effetto visivo più basso. L’impatto estetico infatti né risente, anche considerevolmente, su uno schermo 4K (meno evidente su schermi 1080p), ma il gioco raggiunge il doppio dei frame, con una fluidità davvero incredibile. Girovagare per l’open world di Forza Horizon a 60fps vale da solo il prezzo del biglietto. Il sonoro sempre di altissima qualità, con ottimi pezzi che passano nelle diverse radio disponibili, così come inconfondibili i richiami acustici di alcuni motori, incredibilmente realistici. 

Forza Horizon 4 rispecchia perfettamente la produzione che è: un racing game pieno di contenuti, pieno di varietà, pieno di auto e soprattutto sempre più bello. Un capolavoro nel suo genere, non a caso ad oggi non c’è titolo racing che possa rivaleggiare con cotanta bellezza e ottimizzazione, con così tanta cura per i dettagli. Lavoro mastodontico e soprattutto storico: l’introduzione delle stagioni sarà sicuramente preso in esame da altri studi in futuro, in quanto cambiano radicalmente il mondo di gioco e l’approccio ad esso. Nei prossimi anni assisteremo ad un ciclo settimanale in tempo reale, sicuramente, e si spera che questo possa già avvenire con il ritorno ufficioso di Fable, sviluppato proprio dai ragazzi di Forza Horizon. Tanti applausi a Playground Games per aver confezionato un gioco incredibile e che sia riuscito a superare quel già perfetto terzo capitolo. Chiunque sia abbonato al Game Pass, è obbligato a scaricarlo il 2 ottobre, mentre chiunque altro non lo sia dovrebbe correre ad abbonarsi o a comprare il gioco.
10
voto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.