Everspace – Recensione

La maggior parte degli sviluppatori indie a causa del low-budget a loro disposizione non riescono quasi mai, purtroppo, a pubblicare un videogioco di una qualità alta. Per compensare questo dislivello economico molte software house si affidando a dei siti di raccolta fondi, quali KickStarter e IndieGoGo. E’ il caso di Everspace, un videogioco che, grazie al crowdfunding, è stato ufficialmente rilasciato lo scorso 26 maggio su Steam.

Rockfish Games, software house con sede in Germania, è riuscita a confezionare un prodotto valido sotto tutti i punti di vista. In Everspace il tema principale è lo spazio e il cosmo: l’obiettivo è quello di viaggiare tra i costellazioni e pianeti con la nostra astronave cercando di restare in vita quanto più possibile, fin quando il  serbatoio del carburante non si scarica. È vero, detto così sembra fin troppo semplice, ma non è cosi. Fidatevi. EverspaceInizieremo l’avventura con una navicella  semplice e ci ritroveremo ad attraversare lo spazio profondo scontrandoci con dei nemici, quali relitti oppure altre astronavi. Quest’ultime una volta sconfitte potranno essere saccheggiate e quindi potrete recuperare il bottino presente a bordo, grazie al quale poi potrete potenziare la vostra astronave. In Everspace avremo una sola vita disponibile e questo si traduce in una morte rapida per mano dei nostri nemici o in una fine lunga ed estenuante mentre il nostro carburante si esaurisce. Per allungare il tempo della nostra esplorazione dovremmo battere e recuperare il plasma presente nel cosmo.

Inoltre la tattica in Everspace è molto importante: bisongerà capire chi attaccare e chi no. Per esempio se ci scontreremo con tutti gli oggetti il cui segnale d’indicazione è di colore rosso una volta sconfitti i nemici in  determinata area noi saremo al sicuro, ma se, per caso, vi verrà la malsana idea di scontrarvi con una delle varie tipologie di navi con il segnalino di colore arancione avrete ripercussioni anche nell’area successiva. C’è da dire però che l’abilità del giocatore nell’usare le armi, le strategie di fuga pianificate, avere i giusti potenziamenti possono lo stesso non bastare, perché il pericolo e la morte sono sempre dietro l’angolo. EverspaceQuando morirete tutti i potenziamenti guadagnati faticosamente resteranno di vostra proprietà. Infatti, una volta giunta la morte ci ritroveremo all’interno di un menù in cui potremo spendere i nostri crediti per acquistare talenti, o le altre navi disponibili. Potremo iniziare una nuova avventura in tre differenti livelli di difficoltà: facile, che vi aiuterà con un fuoco meno preciso dei nemici e più materiali ottenibili ma, allo stesso tempo, vi toglierà il 25% dei crediti trovati. Normale e difficile, quest’ultima vi creerà parecchi problemi, ma in cambio vi darà il 25% in più di crediti.

Dal punto di vista tecnico Everspace si presenta con una grafica di tutto rispetto esaltata dalla modalità fotografia presente nel gioco. Ogni modello, ogni angolo di spazio, ogni fenomeno che può manifestarsi durante il nostro viaggio – le tempeste di lampi sono quelle che più ci hanno colpito –  è stato realizzato con una cura quasi maniacale. Anche le astronavi, i singoli elementi che galleggiano nello spazio, dalla stazione di carburante ai relitti di astronavi ormai morte e gli asteroidi, sono ben realizzati. Il comparto audio accompagna degnamente le nostre partite con colonne sonore molto orecchiabili e con degli effetti audio niente male. Ottimo anche il doppiaggio audio, accompagnato dai sottotitoli in italiano ben realizzati.

Everspace è un titolo che vi saprà conquistare. Consigliato caldamente non solo agli appassionati dello spazio profondo ma anche per chi è in cerca di un’avventura ben costruita con un livello di difficoltà ben bilanciato.
8.5
voto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.