E3 2018: la conferenza Electronic Arts

Benvenuti al terzo appuntamento con le eventuali anticipazioni dell’E3, oggi tocca ad Electronic Arts che, a differenza degli altri partner, si è staccata dall’E3 per presentare un suo personalissimo show chiamato EA Play, dove sia a Los Angeles che a Londra verranno fatte delle presentazioni ufficiali circa i nuovi giochi in arrivo e delle sorprese. Non si è compresa la reale motivazione di questo distaccamento, ma visto che lo show va in diretta il giorno prima, possiamo comunque definirlo una parte dell’E3 2018, una conferenza a sé stante ma che, di base, non stravolge nulla in termini di contenuti. Electronic Arts sa bene che quest’anno deve presentare in pompa magna delle sorprese non da poco: dopo gli ultimi mesi, i tumulti sulla questione delle microtransazioni sembrano essere terminati, ma Star Wars Battlefront II ed Electronic Arts stessa si stanno beccando la famosa shitstorm, talvolta anche senza motivo. Si sa che le persone vogliono sempre un bersaglio da colpire ed è innegabile che dopo le ultime uscite, EA sia la favorita da parte dei lamentoni di ogni tipo. In queste settimane abbiamo visto come DICE sia stata colpita duramente per Battlefield V e il suo trailer, sicuramente entusiasmante ma forse poco realistico: la massa non ha ben visto l’utilizzo delle donne e soprattutto delle protesi, più erroneamente chiamate, “bracci cibernetici”. Quindi l’obiettivo principale è quello di puntare tutto sui contenuti, fare una bella figura e uscire da questo E3 come vincitori, o almeno provarci. Direi di immergerci subito nel programma classico: prima i giochi già annunciati e poi le eventuali sorprese.

Anthem, FIFA 19, Battlefield V, Madden e Need for Speed

Era esattamente l’anno scorso che, durante l’EA Play fu presentata una nuova IP, un certo Anthem che sarebbe stato poi mostrato alla meglio durante la conferenza Microsoft il giorno dopo. Il Colosso di Redmond ha puntato tutto su Xbox One X e Anthem è sicuramente una pedina importantissima per la console, perché in qualità di potenza e fruibilità, promette di essere la versione migliore. Se stiamo parlando di una cosa abbastanza ovvia, in quanto PS4 Pro risulti meno potente della sua controparte, questo non implica che il gioco non sia quello che abbiamo visto; il motivo? Semplicemente Anthem è una delle cose più incredibili viste l’anno scorso e il gameplay sembrava un piccolo sogno erotico della maggior parte dei giocatori. Oggi EA deve, per forza di cose, presentare qualche novità su Anthem, magari un nuovo gameplay o un nuovo trailer con ulteriori novità, perché la gente si è già scocciata di rivedersi mille volte lo stesso incredibile trailer della conferenza Microsoft. Ovviamente parliamo di Electronic Arts, quindi ci sarà tantissimo spazio per gli sportivi, tra cui i vari Madden, FIFA, NHL, NBA ecc. FIFA 19 sarà come ovvio nell’occhio del ciclone in quanto è uno dei titoli maggiormente venduti dal mercato videoludico e, come ogni anno, proporrà qualche piccola novità: crediamo che ci sarà il terzo anno de Il Viaggio, magari questa volta con un protagonista diverso, così come forse ci sarà l’annuncio della champions league come licenza ufficiale, rendendo praticamente FIFA l’unico titolo calcistico ad avere le licenze ufficiali dei vari campionati. Si parla anche della completa Serie A per noi italiani, così come gran parte della serie B. Battlefield V è stato già ufficializzato e presentato con uno spettacolare trailer, ma la gente vuole vedere il gameplay puro e crudo, informazioni reali sul gioco e le novità che introduce, soprattutto visto che non ci sarà nessun Premium Pass da “milioni di euro” e che, a differenza di Battlefront II, non potranno ricorrere alle microtransazioni sul gameplay. Need for Speed di solito viene annunciato ogni anno, o almeno un nuovo titolo ogni due anni. Non è proprio l’anno adatto questo, ma bisogna credere che comunque EA possa voler contare su questo titolo, anche se c’è un certo Forza Horizon 4 in uscita durante l’anno.

Le sorprese e gli annunci

Se abbiamo già citato Need for Speed nello spazio adibito agli annunci già conosciuti o praticamente sicuri, possiamo citarlo anche qua, spendendo qualche parola sul prodotto. La serie dopo una ripresa qualche anno fa con il reboot Need for Speed, ha presentato nel 2017 un seguito diretto del gioco intitolato Payback che portava qualche leggera novità, ma nulla di così eclatante, infatti il gioco non sembra abbia avuto un successo di critica o di pubblico. Quindi Need for Speed potrebbe prendersi una pausa quest’anno per ritornare l’anno prossimo, o forse presentare quest’anno l’ennesima rivoluzione, sperando di riuscire a cogliere l’entusiasmo dei giocatori. Star Wars di Visceral Games e Star Wars di Respawn Entertainment, due titoli molto attesi che, però, sono rimasti nell’oblio per molto tempo. Quello di Visceral è addirittura stato “cancellato” per poi essere ripreso con nuove idee, mentre quello di Respawn, sviluppatori di Titanfall 2, stanno lavorando ad uno Star Wars annunciato ma mai fatto vedere, nemmeno con un trailer. Le possibilità che questi due titoli siano presentati, o che comunque facciano capire di esistere, sarebbe già un passo avanti. Le informazioni sono povere o inesistenti, quindi dobbiamo solo sperare che EA possa decidere di presentare qualche informazione. Nuovi contenuti per Star Wars Battlefront II non farebbero male, nonostante ora sono presenti quelli di Han Solo il film. Rispetto al primo capitolo, questo secondo Battlefront, colpito anche dal tornado di critiche sulle microtransazioni, è rimasto pressoché senza supporto, tranne quel minimo relativo a poche mappe e modalità. I giocatori amano Star Wars e presentare nuovi reali contenuti come fu per il primo capitolo, non guasterebbe, soprattutto se gli altri Star Wars in sviluppo non sono ancora pronti. Titanfall III è anch’egli in lizza di un possibile annuncio, ma visto che il due non ha avuto i risultati sperati, soprattutto perché uscito in contemporanea con Battlefield I, difficilmente EA potrebbe fare lo stesso sbaglio, anche se l’anno prossimo ci sarà comunque Battlefront III e quindi risulterebbe comunque complicato. The Sims 4 è uscito già da un po’ assieme ai suoi relativi stuff ed espansioni, ma ciò non toglie una qualche nuova modalità aggiunta o espansione per il gioco, sia su PC che su console. Per quanto concerne Mass Effect, pensiamo che la serie si prenderà una piccola pausa dopo i problemi di Andromeda, anche se al massimo potrebbero lavorare su qualche contenuto o miglioramento per quest’ultimo.

EA che piaccia o no ha qualche titolo interessante, ma soprattutto è l’ideale per chi ama gli sportivi più importanti. Anthem è sicuramente la vera perla della casa, sviluppato dai geniacci di Bioware di cui possiamo solo essere sicuri e fidarci del loro talento e qualità. Battlefield V sarà sicuramente un titolo dalla grafica stupefacente e con un gameplay dinamico e fluido come pochi, ma bisogna vedere come gestiranno al meglio il multiplayer. Tutto il resto è un incognita, tranne per i vari FIFA e company che porteranno sicuramente qualche miglioramento di gameplay e qualche nuova modalità.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.