Io credo nell’annuncio di Bloodborne 2

In questi giorni ho messo leggermente mano su Dark Souls Remastered, anzi vi avviso che tra qualche giorno ci sarà la mia recensione qui sul sito, quindi non fate i finti tonti e venite a controllare in ogni momento. Minacce a parte, come dicevo, stavo provando Dark Souls Remastered e, tra una morte e l’altra ho pensato a quanto ci starebbe bene un Bloodborne 2, in uscita l’anno prossimo in chiusura del ciclo vitale della console. Il primo titolo è un souls-like fatto dai genitori del genere, quindi avevano praticamente la vittoria in mano, ma se poi mettiamo anche la struttura, il level design e l’atmosfera, tutto partorito dalla mente malata di Miyazaki… Non c’è nulla che tiene. Bloodborne mi è piaciuto molto, davvero tanto e credo sia ad oggi ancora la migliore esclusiva PS4 tra le tante che possiede e quindi conterei davvero per un seguito. Quale miglior posto come l’E3 2018 potrebbe rappresentare il palcoscenico giusto?

Ormai siamo alle porte, poco da fare. Non so voi, ma io conto davvero ogni giorno quanto manca, proprio perché, cavolo! Non vedo l’ora! Davvero non sto più nella pelle, ma non perché questo E3 lo sento più di altri, ma perché sono proprio io che ogni anno, gli ultimi trenta giorni impazzisco. Un giorno andrò di persona, lo so per certo. Comunque mi aspetto tanti annunci e sorprese, ma soprattutto vorrei annunciassero Bloodborne 2 su qualsiasi console, basta che esce. Ho qualche speranza perché From Software sta lavorando a qualcosa e quel teaser uscito mesi fa non lasciava intendere molto, ma una parte di me ci vuole credere. Le voci dicono possa essere Shadow Tower, ma non credo, così come molti dicono possa essere Tenchu e io, ammetto, impazzirei come per Bloodborne 2, ma potrebbe essere anche quest’ultimo, appunto. Nel teaser si vede questo arto venire “tirato” da una qualche macchina in modo molto cruento, in pieno stile Bloodborne, tanto che potrebbe rappresentare addirittura un’arma del gioco, mentre gli ideogrammi presenti sulla pergamena allontanano quasi tutti i presupposti, ma non del tutto. Nel DLC The Old Hunter di Bloodborne, noi possiamo incontrare un NPC che sembra importante ma che di base non serve a nulla. Questo tizio viene appunto da un paese asiatico e indossa abiti asiatici, da cui possiamo comprendere che le belve sono arrivate anche lì, nel suo paese e che anche lì ci siano i cacciatori. Ora voi direte che può essere forzato, e ci sta assolutamente, ma potrebbe essere solo un caso? Consideriamo inoltre che un Tenchu in linea del tutto action non so quanto potrebbe piacere al mercato (a me tantissimo, chi se ne frega, c’è Rikimaru), mentre un Tenchu souls-like già c’è, cioè simile, NiOh di Koei Tecmo, quindi non credo che From Software lavorerebbe ad un titolo simile quando abbiamo già quella perla di NiOh, né come potrebbe interessare al mercato (a me tantissimo, chi se ne frega, c’è Rikimaru). Tanto alla fine non sarà né uno né l’altro e io rimango delusissimo.

Voi cosa pensate possa essere? I tempi sono giusti per un Bloodborne 2, assolutamente. Sono passati anni dal primo capitolo e visto l’incredibile apprezzamento del pubblico e della stampa, sarebbe quasi un suicidio non farne un ulteriore, soprattutto dopo che Dark Souls è stato messo un po’ al chiodo com’è giusto che sia. Il mondo di gioco è ricco di sfaccettature quindi non credo abbiano troppi problemi di idee e creatività, senza contare che Miyazaki è davvero un genio su questo argomento e dopo capolavori come Bloodborne e Dark Souls, gli darei carta bianca e piena fiducia su un qualsiasi progetto. Ragazzi ma voi ve lo ricordate Dark Souls? Stiamo parlando di uno dei titoli maggiormente espressivi negli ultimi dieci anni, con un level design degno si entrare nella storia, un bilanciamento a tratti perfetto e un’atmosfera oppressiva, pericolosa, cupa. Bloodborne, seppur cambia stile, ci si avvicina molto, ma secondo me non lo supera in termini di qualità generale. Innanzitutto è più facile, ma non intendo per lo stile di gioco più arcade e meno profondo come scelta stilistica, ma proprio come bilanciamento: i boss li ho trovati molto semplici, così come la progressione del personaggio, dove praticamente aumentare la forza significa diventare imbattibili. Ci sono tanti piccolissimi e quasi insignificanti difettucci che non lo elevano al primato ottenuto dal primo Dark Souls. La remaster che sto giocando offre finalmente la migliore versione del gioco, con un comparto tecnico aggiornato e più moderno, così come i 60fps, che da soli meritano l’acquisto. Ma tutto ve lo dirò nella recensione che arriverà entro la settimana, quindi non fate domande scomode.

Fatemi sapere se volete anche voi Bloodborne 2 o preferireste smetterla una buona volta con questi souls-like che, diciamocelo, un pochetto pochetto hanno rotto le scatole, nonostante ogni volta che ne esce uno vado in fissa e devo giocarlo. Ho da poco comprato anche The Surge e nelle prime ore di prova mi ha dato molta soddisfazione, così come tutto sommato apprezzati Lords of the Fallen, che nonostante grossi e pesanti difetti, mi risultò un titolo comunque godibilissimo. Appuntamento quindi a lunedì prossimo, ho già in mente un quesito da farvi…


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.