SCHEDA GIOCO
TITOLO: FIFA 12
SVILUPPATORE: EA Canada
PUBLISHER: EA Sports
DATA DI USCITA: 30-09-2011 (Xbox 360, PS3, PC)
LINGUA: Totalmente in italiano

 

REQUISITI MINIMI PERSONAL COMPUTER

  • Processore dual-core Intel Core 2 Duo @ 2,4 Ghz equivalente o superiore
  • Almeno 2 GB di RAM
  • Scheda video con almeno 256 MB di RAM dedicata, compatibile con DirectX ® 9.0c 256 MB e chip per accelerazione 3D (supporto per Shader Model 3.0 o superiore). ATI RADEON HD 2900 / NVIDIA GEFORCE 8800 GT, equivalente o superiore.
  • Windows XP o superiore

La stagione calcistica è iniziata. Dopo le tante sfide iniziate sui campi dell’Europa intera, anche sulle nostre piattaforme preferite inizia lo scontro tra i titani del mercato videoludico calcistico.
Parliamo ovviamente di PES e FIFA. Oggi analizzeremo il secondo citato… Sarà riuscito il team canadese a migliorare ulteriormente la serie? Scopriamolo.
Il titolo ha fatto parlare di sè fin da subito, annunciando quella che per la serie, sarebbe stata non una semplice evoluzione, ma una vera e propria rivoluzione, introducendo un rinnovato gameplay ed una modalità carriera profondamente rinnovata.

GRAFICA: FIFA, con questo capitolo ha raggiunto la maturità grafica. Essendo quasi stati raggiunti i limiti grafici delle console dell’attuale generazione, era difficile aspettarsi un miglioramento significativo del comparto grafico. Invece, i ragazzi di EA Canada, sono riusciti a potenziare il loro engine grafico, migliorandolo sensibilmente in tutti gli aspetti… Dalle animazioni, alla fisica, dal sistema di illuminazione, al motion capture.
Appunto, un decisamente significativo passo avanti lo hanno fatto i volti dei giocatori, raggiungendo un risultato visivamente accattivante. Benché molti giocatori, non siano ancora inspiegabilmente somiglianti, possiamo dire che EA non si è crogiolata del buon (soltanto “buon”) risultato di FIFA 11.

SONORO: Il comparto sonoro, potrebbe essere considerato come l’anello debole del titolo, almeno nella versione italiana. Il commento del duo Caressa-Bergomi è penalizzato da un riciclaggio forsennato delle battute delle precedenti edizioni, lasciando intatti gli errori già presenti (come Esterno Difensore invece di Estremo Difensore, o pronunciando Real Madrid quando utilizziamo il Galatasaray).
Tutto sommato il comparto audio rimane gradevole, con effetti dello stadio sempre efficaci ed immedesimanti, un rumore d’impatto con la palla realistico, e musiche nei menù sempre varie e piacevoli (ma talvolta irritanti).

GAMEPLAY: Il gameplay, rappresenta la vera novità dell’edizione “12”.
Il nuovo sistema di calcolo degli impatti in tempo reale (Impact Engine), rende il tutto molto più realistico, ed ogni minimo contatto verrà calcolato al millimetro. Se dovessimo sbagliare il tempismo in un contrasto mancando la palla ed intralciando la corsa dell’avversario, questo inevitabilmente ruzzolerà per terra e noi incasseremo un pesante giallo, oppure potrebbe risultare estremamente utile nei duelli aerei, dove sarà necessario sbilanciare l’avversario per prendere la posizione migliore per colpire la sfera. Tuttavia questo sistema, seppur ottimo, va ancora affinato, infatti spesso assisteremo a cadute innaturali o ad avversari che si incastrano tra di loro.
La difesa tattica invece, rivoluziona il modo di difendere, abbandonando il contatto fisico della precedente edizione.
Qui sarà necessario fare tanta pratica, per padroneggiare al meglio il sistema di gioco. Capiterà d’incassare diverse goleada, ma una volta padroneggiato a dovere i risultati arriveranno.
Il nuovo sistema, prevede l’utilizzo di più tasti per intercettare la manovra avversaria. I grilletti saranno necessari per seguire, senza mai perdere di vista l’avversario, il tasto A (o X) metterà il giocatore tra la palla e la porta, attuando la manovra di contenimento, il tasto B (o O) servirà per contrastare, o all’occorrenza spintonare l’avversario, mentre con il tasto X (o Quadrato) il nostro difensore si cimenterà in un rischioso intervento in scivolata.
Trattandosi di un sistema piuttosto complesso, e non alla portata di tutti, EA ha pensato bene di lasciare anche il metodo difensivo tradizionale, non selezionabile nei match online.
Il precision dribbling, permette più che in passato l’efficacia delle mosse abilità e del dribbling semplice.
Un difetto riscontrato durante le partite contro la CPU, potrebbe essere l’abilità degli avversari nel possesso palla, infatti potrebbe capitare che l’Osasuna, metta sotto torchio la difesa del Real Madrid! Ma si tratta di difetti di “gioventù” che non inficiano la godibilità del titolo.

LONGEVITA’ : FIFA 12, è un titolo immenso offline e online.
Fulcro del gioco offline, è la modalità carriera, ora riveduta ed ampliata, dando un tocco gestionale alla scarna carriera della passata stagione, introducendo gli scout, la squadra primavera ed approfondendo le trattative di mercato.
Online, oltre alle modalità già presenti (come le emozionanti partite 11 vs. 11), si segnala la presenza del supporto al proprio club. Inoltre la presenza di un ranking ci permette di capire, oltre alla bravura, l’affidabilità del giocatore con cui ci scontreremo.
Da segnalare la pulizia di bugs dall’online, ed un matchmaking istantaneo qualora decidessimo di intraprendere dei match online casuali.

CONCLUSIONE: FIFA 12, non è un gioco perfetto. Ma bisogna premiare il coraggio di EA, di rivoluzionare un prodotto già ottimo, con delle basi decisamente consolidate, introducendo novità di rilievo che, se affinate e migliorate potrebbero davvero portarci, in un futuro prossimo, al miglior simulatore calcistico di sempre.
Che aspettate? Il match è iniziato…

Videogiocatore vecchio stile (predilige il singleplayer alle modalità online), si avvicina ai videogame alla tenera età di 9 anni con Resident Evil e Metal Gear Solid, divenendone immediatamente stregato.
Amante del rock e del metal (o della buona musica in generale), la notte diventa il Cavaliere Oscuro, a patto che sia quello scritto e diretto da Christopher Nolan (e non quello di Tim Burton o l’aborto di Joel Schumacher).
Del regista britannico è un grande sostenitore, mentre la sua vita è costantemente accompagnata dalle musiche di Hans Zimmer.
Ama i gatti e i cani.

3 Commenti

  1. E’ un ottimo gioco… Ma devono migliorare ancora molto!

    Rispondi
    • già pes 4 rimane ancora molto lontano

      Rispondi
  2. fantastico gioco di calcio per me il migliore dopo pes 4

    Rispondi

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up