FIFA 14 – Hands On

SCHEDA GIOCO
TITOLO: FIFA 14
SVILUPPATORE: EA Canada
PRODUTTORE: Electronic Arts
DATA DI USCITA: Autunno 2013 (PC, PS3, Xbox 360)
GENERE: Simulazione sportiva
CLASSIFICAZIONE: In attesa
GIOCATORI ONLINE: 1-22
GIOCATORI OFFLINE: 1-7 (PS3), 1-4 (Xbox 360)

Requisiti consigliati:
– CPU: Processore Dual core (Core duo 2 o superiore) Intel Core2Duo @ 2.4Ghz
– SO: Windows XP / Windows Vista / Windows 7
– RAM: 2 Gigabyte
– Scheda Video: compatibile DirectX® 9.0c a 256 MB con accelerazione 3D o equivalente (deve supportare Shader Model 3.0 o superiore).
ATI RADEON HD 2900
NVIDIA GEFORCE 8800 GT

Divenuto ormai il metro di paragone delle simulazioni calcistiche, in ambito videoludico il brand FIFA, è arrivato alla sua quattordicesima iterazione (escludendo spin-off dedicati ai Mondiali ed agli Europei).
Con FIFA 12, si è avuto il primo cambio significativo della struttura di gioco, in particolare per quanto riguarda la difesa. Ma nonostante la bontà delle nuove meccaniche, quest’ultime necessitavano indubbiamente di rodaggio, poiché afflitte da qualche problema che minava in parte l’essenza del gioco.
In FIFA 13, abbiamo assistito al perfezionamento di tali meccaniche, con un prodotto che ha raggiunto l’apice in quasi ogni aspetto… Ma nonostante tutto, ancora afflitto da leggeri problemi di programmazione, come una IA troppo scriptata, qualche licenza mancante di troppo, e qualche bug qui e là.
Nonostante tutto, il prodotto è risultato validissimo, riuscendo a piazzarsi praticamente in cima alle classifiche di tutto il mondo, mantenendo praticamente inarrivabili gli standard qualitativi per la concorrenza.
Ora, con il capitolo “14”, cosa sarà lecito aspettarsi? Un cambio di rotta repentino o un ulteriore perfezionamento delle meccaniche?
Scopriamolo nella nostra nuova anteprima.

I cambiamenti più significativi, EA Canada li ha attuati senza dubbio sul gameplay.
Più che di cambiamenti, si parla di perfezionamenti ad una formula già ampiamente collaudata e funzionale.
Innanzi tutto, è stata introdotta una nuova meccanica riguardante i tiri, volta a riprodurre in maniera sempre più naturale e bella a vedersi la movenza e la coordinazione nel momento del tiro.
Sarà possibile gestire con intelligenza il passo e l’angolo d’approccio prima del tiro, in modo da trovare la posizione migliore per poter gonfiare la rete, dando vita ad esecuzioni appaganti e spettacolari… Ma nonostante tutto sarà possibile anche riprodurre un tiro frettoloso e scoordinato, magari in equilibrio precario, tutto ciò sempre mantenendo una naturalezza incredibile su schermo.
Inoltre, la nuova fisica della palla, ci permetterà di determinare con precisione la direzione, l’effetto e l’angolo della palla, in modo da consentirci di calciare con precisione, sia dalla media, che dalla lunga distanza.
Un’ulteriore messa a nuovo, l’ha ricevuta l’Impact Engine, ora molto più funzionale alla costruzione della manovra di gioco e alla gestione del ritmo di gara.
Gli utenti hanno spesso lamentato l’assenza della gestione del gioco a centrocampo in FIFA 13… Beh, in FIFA 14 sarà tutta un’altra musica.
Infatti, per poter dominare e gestire bene un match, sarà necessario padroneggiare il gioco a centrocampo, sfruttando il fisico dei giocatori per proteggere il pallone.
Il fisico sarà anche molto importante durante la fase d’attacco, in modo da prendere posizione per poter essere in grado, successivamente, di aggirare la guardia dei difensori.
E’ stata anche introdotta una nuova logica di squadra, che gestisce i movimenti e l’intelligenza dei compagni di squadra.
La nuova logica decisionale offre marcature più strette e intelligenti e recuperi laddove i difensori vedano una chance di intervenire in aiuto e riconquistare palla… Ma non è utile solo al contesto difensivo.
Al tempo stesso, la nuova logica offre agli attaccanti nuovi modi di battere in astuzia l’avversario creando spazi, correndo lungo la linea della difesa e controllando la propria velocità.
Anche il dribbling ha subito forti innovazioni, infatti potremo sfruttare rapidi cambi di direzione per saltare gli avversari in uno-contro-uno mentre corriamo palla al piede, riuscendo a mantenere l’inerzia naturale ed il possesso palla.
Tuttavia, questa abilità sarà eseguita con più facilità dai giocatori più dotati tecnicamente, mentre coloro dai piedi meno fatati, non riusciranno sempre a mantenere il controllo della sfera, dando ai difensori una maggiore probabilità di recuperare palla ed iniziare una  nuova manovra.
E come se non bastasse, anche la manovra difensiva ha subito diversi accorgimenti.
La zona di tackle è stata estesa per permettere ai difensori di combinare diversi tipi di interventi, recuperare dai tackle sbagliati più rapidamente e avere, in ogni situazione di contrasto, una seconda chance di recuperare la sfera.
Un’ulteriore modifica l’ha anche subita la gestione dei passaggi filtranti, ora potremo smarcare i nostri compagni grazie a passaggi carichi d’effetto, facendo girare la palla attorno all’avversario.
Le novità a livello di gameplay sono assolutamente significative, ma EA non ha dimenticato novità anche per quanto riguarda le modalità di gioco.

La modalità online, è stata arricchita dagli Skill Games introdotti nei caricamenti tra una partita e l’altra in FIFA 13.
Ora è una vera e propria modalità competitiva, in cui potremo sfidare i nostri amici online, in tantissimi mini-giochi.
Il fulcro della modalità in singolo, ovvero la Modalità Carriera, ha subito cambiamenti riguardo la gestione degli scout. Ora i talenti più promettenti saranno sempre seguiti grazie al nuovo Global Scouting Network, in modo da poter affinare la nostra rete di scout, valutare le caratteristiche dei giocatori, e valutare quali potrebbero essere più funzionali al nostro modo di giocare.
Anche l’hub ha subito diversi cambiamenti, risultando più snella e dalla navigazione più semplice.
I cambiamenti alle modalità per ora si fermano qui, ma speriamo siano annunciati altri dettagli e novità nei prossimi mesi, specialmente per quel che riguarda il single-player.

Il comparto grafico, contribuisce a donare un ulteriore senso di realismo al titolo.
Oltre ad un miglioramento tecnico, ora ben oltre 15.000 giocatori saranno ufficiali, con movenze sempre più naturali e fedeli alla realtà, immergendo sempre di più il videogiocatore nell’atmosfera di una vera e propria partita di calcio.
Non si ha ancora notizia del quantitativo di licenze a disposizione, ma speriamo EA riesca a stupire colmando le mancanze della precedente edizione (diversi stadi, diverse nazionali e team mancavano all’appello in FIFA 13).

CONCLUSIONE
L’annuncio ufficiale del nuovo capitolo della serie FIFA ha sorpreso tutti, annunciando numerosi e succosi dettagli sulla nuova opera del team canadese di Electronic Arts.
Il gameplay continua ad introdurre ritocchi sempre più convincenti, il cui scopo è quello di portarci ad una simulazione sempre più verosimile di una partita di calcio.
I fan calciofili di tutto il mondo aspettano trepidanti il nuovo capitolo della simulazione calcistica per eccellenza, in modo da poter saggiare pad alla mano tutte le novità introdotte.
Nonostante siamo solo all’inizio, le novità annunciate sono tantissime, ma ovviamente ci aspettiamo più novità riguardanti le modalità di gioco, specialmente quelle in single-player.
Preparate completo e scarpini… La nuova stagione sta per iniziare.

 

SPERANZE
– Costruzione della manovra ancor più realistica
– Gameplay perfezionato e simulativo
– Tante modalità in singolo e online
– Licenze complete
– Assenza di scripting dell’IA
– Modalità Carriera più profonda

3 Comments

  1. fullmetalalchemist25
    • maidenmaniac
      • fullmetalalchemist25

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.