Ripartono dal 2 aprile “i martedì di Cineama” al Nuovo cinema Aquila di Roma

Cinema Featured

A partire da martedì 2 aprile p.v. riprendono i martedì di Cineama al Nuovo cinema Aquila di Roma con una selezione dei migliori film indipendenti che non sono stati distribuiti in Italia,  hanno avuto poca visibilità o semplicemente meritano di essere riproposti. Questi i 5 appuntamenti previsti:

il 2 aprile sarà la volta di Tyrannosaur di Paddy Considine. Il film, che è stato presentato al Sundance Film Festival e al Festival di Cannes nel 2011. Joseph è un uomo solo e divorato da una rabbia che lo spinge ad agire anche contro chi ama. Un giorno, reduce da un ennesimo scontro, cerca asilo nel negozio di Hannah, una devota cristiana che non può fare altro che dirgli che pregherà per lui. Joseph è disperatamente ateo ma le parole di Hannah lo toccano e lo spingono a tornare a cercarla. Pur non riuscendo a trattenersi dall’offenderla capisce che anche lei nasconde un dolore profondo.

La proiezione è prevista alle ore 20,30 alla Sala 3

 

Il 9 aprile sarà presentato Essential killing di Jerzy Skolimowski. Il film presentato in concorso alla Mostra del cinema di Venezia 2010, ha ricevuto il Leone d’Argento – Gran premio della giuria e la Coppa Volpi a Vincent Gallo per la migliore interpretazione maschile .

Protagonista del film un combattente afgano catturato durante un’azione dai militari americani. Nel trasporto verso un carcere segreto riesce fortunosamente a fuggire. Inizia una fuga che vede il protagonista opporsi non solo a coloro che vogliono catturarlo ma a tutta una natura che gli è ostile.

La proiezione è prevista alle ore 20,30 alla Sala 3

 

Il 16 aprile sarà proiettato Cave of Forgotten Dreams di Werner Herzog. Il documentario è stato presentato, in 3D, nel settembre 2010 al Toronto International Film Festival ed è distribuito in Italia da Movies Inspired. Al centro del film c’è la Grotta Chauvet, in Francia, famosa per i suoi dipinti preistorici. Una discesa nelle tenebre, nelle profondità del tempo e della terra. Si tratta di una discesa claustrofobica nell’abisso dell’animo umano alla ricerca di un’arcaica ispirazione, di quella scintilla di luce che incendiò l’esistenza con la nascita dell’arte. L’occhio/cinepresa di Werner Herzog sprofonda nei meandri della terra, alle origini di quell’animale chiamato uomo e alle prime, conosciute, espressioni della sua sensibilità nel descrivere il mondo circostante. È qualcosa di unico, ciò di fronte a cui ci pone Herzog: “il capolavoro perduto dell’umanità”, primordiale bagliore dello spirito umano smarrito nel sottosuolo e dopo 32.000 anni nuovamente illuminato.

La proiezione è prevista alle ore 20,30 alla Sala 3

 

Il 23 aprile sarà presentato invece Kill me please di Olias Barco. Il film ha vinto il Marc’Aurelio d’Oro al miglior film al Festival Internazionale del Film di Roma del 2010. Kill me please è una commedia in bianco e nero, nerissima e irresistibile, grottesca e scorrettissima. Medico all’avanguardia, il Dr Kruger (Aurelien Recoing) vuole dare un senso al suicidio. Il suo sogno è creare una struttura terapeutica dove darsi la morte non sia più considerata una disgrazia, ma un atto consapevole svolto con assistenza medica. Ma nelle isolate montagne dove il dottore ha inteso realizzare il suo sogno del suicidio perfetto, è ancora la Morte a decidere quando colpire. Il primo titolo doveva essere Dignitas, che è il nome reale dell’associazione svizzera per l’eutanasia assistita

La proiezione è prevista alle ore 20,30 alla Sala 3

 

Il 30 aprile infine sarà presentato The Yellow Sea di Na Hong-jin. Il film è stato presentato nella sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes e al Munich Film Festival nel 2011.

Gu-nam fa il tassista a Yanji ed è un Joseonjok, ossia un sino-coreano che parla entrambe le lingue, sostanzialmente visto come uno straniero dai primi e come uno schiavo dai secondi. Gu-nam deve infatti ripagare un debito enorme, contratto in seguito all’acquisto di un visto da parte della moglie, tornata in Corea. Approfittando della sua disperazione, il sordido Myun Jung-hak gli propone un modo per riappropriarsi della sua libertà: tornare in Corea per uccidere un uomo. Per Gu-nam si presenta l’occasione duplice di affrancarsi e di ritrovare la moglie. Un intensissimo thriller noir sud coreano (dal regista di Chaser)  La proiezione è prevista alle ore 20,30 alla Sala 3

La rassegna è realizzata grazie al patrocinio di Roma Capitale  – Municipio VI e al sostegno del Programma Media dell’Unione Europea.

Lascia una Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Password Persa

Sign Up